Salute 7 Maggio 2020 14:15

L’esercito del benessere a domicilio. Tre step per ritrovare la salute: nutrizione sana, attività fisica e supporto psicologico

Si chiama “Il benessere a casa tua” ed è un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza. Inaugurato in Friuli Venezia Giulia, esteso in Lombardia, ora mira ad un’espansione nazionale

di Isabella Faggiano

Come dei soldati hanno unito le proprie forze e le hanno messe al servizio dei cittadini. Medici, nutrizionisti, personal trainer, consulenti informatici, psicologi e pedagogisti hanno formato un “esercito del benessere” per combattere,  ognuno con le proprie competenze, sedentarietà e cattive abitudini alimentari.

Un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza: «Quando è scoppiata la pandemia da Covid-19 – racconta Marta Ciani, biologa nutrizionista e fondatrice del progetto “Il benessere a casa tua” – abbiamo deciso di mettere la nostra professionalità al servizio di chiunque ne avesse bisogno, fornendo una guida per il mantenimento della salute psico-fisica: dai consigli per mantenersi in forma con lo sport, alle indicazioni nutrizionali per seguire una dieta sana, fino al supporto psicologico per rimanere in equilibrio emotivo». Ottenere l’aiuto dei professionisti è semplice: «Abbiamo instaurato una collaborazione con le amministrazioni locali, che sono diventate il tramite tra noi e i cittadini», spiega Ciani.

Uno dei primi obiettivi è educare le famiglie a mangiare sano «ancora di più – sottolinea la nutrizionista – in questo periodo in cui le vite di tutti sono diventate molto più sedentarie. Innanzitutto, abbiamo costruito un piano nutrizionale settimanale equilibrato, adatto ad una persona in salute, dal quale è possibile anche estrapolare una lista della spesa settimanale, completa dei prodotti e grammature necessarie. Il tutto a misura di chi potrebbe usufruirne: dal single alla coppia, dalla famiglia con bambini a quella con figli adolescenti».

LEGGI ANCHE: COVID-19, FASE 2. L’ESPERTO: «ECCO I CIBI PER REINTEGRARE LA VITAMINA D DOPO LA QUARANTENA»

E per rispettare il vecchio detto “mens sana in corpore sano”, tra i soldati del benessere non mancano nemmeno psicologi e psicoterapeuti «disposti ad offrire una consulenza a chiunque ne sentisse la necessità – dice l’ideatrice del progetto -, ovviamente gratuita ed online. I personal trainer, partner dell’iniziativa, invece organizzano sessioni virtuali di ginnastica funzionale, in giornate e orari da definirsi in base alle richieste delle famiglie».

Il progetto coinvolge proprio tutta la famiglia, nonni e bambini compresi: «Per gli anziani abbiamo ideato un corso a distanza per istruirli nell’utilizzo delle nuove tecnologie, così da poter gestire in modo autonomo comunicazione virtuale e videochiamate e sentirsi meno soli. Ai più piccoli, invece – aggiunge Ciani – abbiamo dedicato numerose attività ludiche che potessero riempire le loro giornate al temine delle lezioni scolastiche online: corsi facilitati di cucina e pillole dedicate al gioco ed alla salute».

L’iniziativa, attiva da alcuni mesi in Friuli Venezia Giulia, ha ottenuto anche il patrocinio della regione Lombardia. Ora, i soldati del benessere vorrebbero reclutare nuove leve: «L’obiettivo per il prossimo futuro è quello di riuscire ad esportare “Il benessere a casa tua” anche nelle altri regioni italiane, attraverso l’adesione di professionisti ed enti pubblici che vogliano mettere gratuitamente a disposizione le proprie competenze per il sostegno di chi rischia di cadere e di non riuscire ad affrontare, senza gravi conseguenze – conclude l’esperta – questo periodo così delicato delle nostre vite».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Lavorare per vivere o vivere per lavorare? Cos’è la Great resignation
Campanini (psicologo del lavoro): «Che per valorizzarsi non sia necessario dedicare l’intera vita al lavoro è una convinzione sempre più diffusa, soprattutto tra i più giovani. La trasformazione del mondo del lavoro, da stabile a flessibile, era già in corso, ma l’esplosione della pandemia ne ha accelerato l’evoluzione»
La psicologa Galli: «Dopo 2 anni di restrizioni, lo sport ritorni a essere una priorità»
La psicologa clinica Galli invita a ripartire con lo sport o a cominciarne uno nuovo
di Redazione
L’esercizio fisico post-vaccino ne aumenta efficacia contro Covid e influenza, lo studio
Fare attività fisica di intensità da lieve a moderata, subito dopo aver ricevuto un vaccino contro Covid-19 o un vaccino contro l'influenza, aumenta la produzione di anticorpi
Carceri. Il 70% dei detenuti ha almeno una malattia, Scandurra (Antigone): «Promuovere telemedicina per accesso più adeguato alle cure»
Il coordinatore dell’Osservatorio nazionale sulle condizioni di detenzione degli adulti: «La pena non è privazione della cura. Implementare la telemedicina ridimensionerebbe anche l’impiego di risorse umane ed economiche»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dell’alimentazione, il paradosso: «Prendo l’ascensore, uso l’auto, ma mangio light»
Con Silvia Migliaccio, nutrizionista, un’analisi del paradosso del nostro secolo: «Ricerchiamo cibi senza grassi e senza zuccheri, ma siamo “sedentary behavior”, ovvero preferiamo le attività sedentarie a quelle motorie»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...