Salute 7 Maggio 2020

L’esercito del benessere a domicilio. Tre step per ritrovare la salute: nutrizione sana, attività fisica e supporto psicologico

Si chiama “Il benessere a casa tua” ed è un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza. Inaugurato in Friuli Venezia Giulia, esteso in Lombardia, ora mira ad un’espansione nazionale

di Isabella Faggiano

Come dei soldati hanno unito le proprie forze e le hanno messe al servizio dei cittadini. Medici, nutrizionisti, personal trainer, consulenti informatici, psicologi e pedagogisti hanno formato un “esercito del benessere” per combattere,  ognuno con le proprie competenze, sedentarietà e cattive abitudini alimentari.

Un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza: «Quando è scoppiata la pandemia da Covid-19 – racconta Marta Ciani, biologa nutrizionista e fondatrice del progetto “Il benessere a casa tua” – abbiamo deciso di mettere la nostra professionalità al servizio di chiunque ne avesse bisogno, fornendo una guida per il mantenimento della salute psico-fisica: dai consigli per mantenersi in forma con lo sport, alle indicazioni nutrizionali per seguire una dieta sana, fino al supporto psicologico per rimanere in equilibrio emotivo». Ottenere l’aiuto dei professionisti è semplice: «Abbiamo instaurato una collaborazione con le amministrazioni locali, che sono diventate il tramite tra noi e i cittadini», spiega Ciani.

Uno dei primi obiettivi è educare le famiglie a mangiare sano «ancora di più – sottolinea la nutrizionista – in questo periodo in cui le vite di tutti sono diventate molto più sedentarie. Innanzitutto, abbiamo costruito un piano nutrizionale settimanale equilibrato, adatto ad una persona in salute, dal quale è possibile anche estrapolare una lista della spesa settimanale, completa dei prodotti e grammature necessarie. Il tutto a misura di chi potrebbe usufruirne: dal single alla coppia, dalla famiglia con bambini a quella con figli adolescenti».

LEGGI ANCHE: COVID-19, FASE 2. L’ESPERTO: «ECCO I CIBI PER REINTEGRARE LA VITAMINA D DOPO LA QUARANTENA»

E per rispettare il vecchio detto “mens sana in corpore sano”, tra i soldati del benessere non mancano nemmeno psicologi e psicoterapeuti «disposti ad offrire una consulenza a chiunque ne sentisse la necessità – dice l’ideatrice del progetto -, ovviamente gratuita ed online. I personal trainer, partner dell’iniziativa, invece organizzano sessioni virtuali di ginnastica funzionale, in giornate e orari da definirsi in base alle richieste delle famiglie».

Il progetto coinvolge proprio tutta la famiglia, nonni e bambini compresi: «Per gli anziani abbiamo ideato un corso a distanza per istruirli nell’utilizzo delle nuove tecnologie, così da poter gestire in modo autonomo comunicazione virtuale e videochiamate e sentirsi meno soli. Ai più piccoli, invece – aggiunge Ciani – abbiamo dedicato numerose attività ludiche che potessero riempire le loro giornate al temine delle lezioni scolastiche online: corsi facilitati di cucina e pillole dedicate al gioco ed alla salute».

L’iniziativa, attiva da alcuni mesi in Friuli Venezia Giulia, ha ottenuto anche il patrocinio della regione Lombardia. Ora, i soldati del benessere vorrebbero reclutare nuove leve: «L’obiettivo per il prossimo futuro è quello di riuscire ad esportare “Il benessere a casa tua” anche nelle altri regioni italiane, attraverso l’adesione di professionisti ed enti pubblici che vogliano mettere gratuitamente a disposizione le proprie competenze per il sostegno di chi rischia di cadere e di non riuscire ad affrontare, senza gravi conseguenze – conclude l’esperta – questo periodo così delicato delle nostre vite».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Bambini e lockdown, i pediatri: «Prevedere piano per riapertura scuole in sicurezza»
Il pediatra e deputato Paolo Siani (Pd): «Assenza da scuola tutela la salute, ma mina tutti gli altri diritti dell’infanzia». La psicologa Confalonieri (Università Cattolica Milano): «Monitorare segnali di scarso riadattamento sociale»
#IoMiAllenoACasa, virale la campagna che promuove lo sport in quarantena. Il karateka Maniscalco: «Bastano 15-20 minuti per tenersi in forma»
L’iniziativa, promossa da quattro deputati del Movimento Cinque Stelle, è stata rilanciata sui social da diversi campioni come il judoka Fabio Basile e la karateka Viviana Bottaro. Il deputato M5S Felice Mariani: «Mi sto battendo in Parlamento per quella che secondo me manca in Italia, che è la cultura dello sport». Secondo l’OMS l’inattività fisica causa ogni anno un milione di decessi
Coronavirus, come fare attività fisica a casa? Risponde il direttore del Centro di Medicina Sportiva dell’Università di Pavia
Il professor Giuseppe D’Antona: «Mille kilocalorie la settimana per migliorare il sistema immunitario. Bene tutorial ed esercizi di Yoga e Tai chi, ma attenzione se si hanno sintomi di infezione virale»
di Federica Bosco
Coronavirus e bambini, lo psicoterapeuta: «Hanno paura se vedono adulti spaventati senza conoscerne il motivo. Diciamo loro la verità»
Alberto Pellai fornisce consigli su come gestire angoscia e preoccupazione: «Partire da fatti e dati oggettivi. La probabilità reale che ognuno di noi ha di morire a causa del coronavirus è forse l’equivalente di morire in un incidente stradale. Eppure continuiamo a prendere la macchina»
Depressione, è il medico di famiglia il punto di riferimento dei pazienti. Ma spesso non basta
Siracusano (Tor Vergata): «Il medico di famiglia è la prima frontiera, il primo sportello a venir contattato dalla persona che sta male, ma deve subito interfacciarsi con uno specialista, perché il grande problema, oggi, sono le depressioni non trattate e cresciute in recidiva»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...