Salute 15 Giugno 2022 17:56

Fedez e gli audio delle sedute, per Iacobelli (psicoterapeuta) si svaluta il terapeuta

La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli spiega le possibili implicazioni della scelta di Fedez di pubblicare sui social gli audio delle sedute con lo psicologo

Fedez e gli audio delle sedute, per Iacobelli (psicoterapeuta) si svaluta il terapeuta

Lecito, ma poco rispettoso per il ruolo del terapeuta. Questo, in estrema sintesi, è quanto pensa la psicoterapeuta Eleonora Iacobelli, presidente Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico) e direttore scientifico Bioequilibrium, della decisione di Fedez di pubblicare una serie di stories su Instagram con l’audio delle sedute con lo psicologo. Sono stati quindi resi pubblici i colloqui con lo psicologo nel giorno in cui ha scoperto di avere un tumore al pancreas. «Ho paura di morire, ho paura che i miei figli non si ricorderanno neanche di me», dice Fedez, che ha sempre parlato sui social network dell’evoluzione della sua malattia.

«Le sedute non si pubblicano, ma Fedez non ha alcun obbligo di riservatezza»

La scelta di Fedez ha fatto discutere, per l’ennesima volta, se sia opportuno o meno condividere alcune informazioni molto personali. «Tecnicamente il materiale e tutto ciò che viene detto durante una seduta di psicoterapia dovrebbe rimanere segreto, ma l’obbligo della riservatezza è esclusivamente a carico del professionista», specifica subito Iacobelli. «Il paziente ha l’assoluta possibilità di farne ciò che vuole. Certo è che in genere, le sedute non si registrano e ovviamente non si rendono pubbliche. Si può supporre – continua – che prima di registrare l’incontro la cosa sia stata largamente dibattuta ed approfondita negli incontri precedenti. Probabilmente la psicoterapeuta era non solo a conoscenza dell’intento di Fedez, ma ha anche dato il suo benestare».

«Molto probabile che Fedez e psicoterapeuta fossero d’accordo»

«Immagino che sia stata fatta un’attenta valutazione rispetto a cosa pubblicare o meno e che ciò sia stato oggetto di un attento dibattito fra i protagonisti della seduta», sottolinea la psicoterapeuta. «Solo Fedez, ed eventualmente la sua terapeuta, possono dire con certezza quale fosse l’intento dietro a questo gesto, ma sicuramente se concordato non mina in alcun modo la loro alleanza terapeutica», aggiunge.

«A rischio il ruolo del terapeuta, che diventa così come un amico»

«Può, però, agli occhi dell’opinione pubblica, togliere quel velo di mistero e riservatezza – continua Iacobelli – che inevitabilmente accompagna l’idea di ciò che può avvenire in una seduta. Se ciò, da un certo punto di vista può essere funzionale e svelare, finalmente, che durante una seduta di psicoterapia non succede “nulla di strano”; dall’altra, inevitabilmente, potrebbe svalutare il ruolo del terapeuta rendendolo quasi “un amico”. Immagino, comunque, che tali valutazioni siano state fatte da entrambi i protagonisti della vicenda, prima di prendere una tale decisione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lavorare per vivere o vivere per lavorare? Cos’è la Great resignation
Campanini (psicologo del lavoro): «Che per valorizzarsi non sia necessario dedicare l’intera vita al lavoro è una convinzione sempre più diffusa, soprattutto tra i più giovani. La trasformazione del mondo del lavoro, da stabile a flessibile, era già in corso, ma l’esplosione della pandemia ne ha accelerato l’evoluzione»
Fedez: operato per un tumore raro. Sta bene ma la convalescenza può essere lunga
Fedez è stato operato con successo per l'asportazione di un raro tumore neuroendocrino al pancreas
Fedez e la confessione sui social, esibizionismo o semplice sfogo? L’analisi della psicoterapeuta Iacobelli
La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli spiega quali potrebbero essere i motivi cha hanno spinto Fedez a confessare sui social di avere un problema di salute
Carceri. Il 70% dei detenuti ha almeno una malattia, Scandurra (Antigone): «Promuovere telemedicina per accesso più adeguato alle cure»
Il coordinatore dell’Osservatorio nazionale sulle condizioni di detenzione degli adulti: «La pena non è privazione della cura. Implementare la telemedicina ridimensionerebbe anche l’impiego di risorse umane ed economiche»
di Isabella Faggiano
Bambini e tablet: ecco perché i genitori non sanno dire di no
Le regole dello psicologo: «Non usare i device poco prima di andare a dormire, concederne l’utilizzo in interazione con l’adulto, monitorare i contatti virtuali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali