Salute 24 Marzo 2022 14:55

Fedez: operato per un tumore raro. Sta bene ma la convalescenza può essere lunga

Fedez è stato operato con successo per l’asportazione di un raro tumore neuroendocrino al pancreas

Fedez: operato per un tumore raro. Sta bene ma la convalescenza può essere lunga

È un raro tumore del pancreas il problema di salute di cui Fedez ha parlato in un video diffuso qualche giorno fa su Instagram e per il quale è stato operato due giorni fa all’Ospedale San Raffaele di Milano. Ora il celebre rapper sta bene e ha aggiornato i suoi fan in un altro post su Instagram. «Settimana scorsa ho scoperto di avere un raro tumore neuroendocrino del pancreas», scrive. «Uno di quelli – continua – che se non li prendi per tempo non è un simpatico convivente da avere all’interno del proprio corpo. Motivo per il quale mi sono dovuto sottoporre ad un intervento chirurgico durato 6 ore per asportarmi una parte del pancreas (tumore compreso)».

Fedez riferisce di stare bene e di voler tornare a casa

«A due giorni dall’intervento sto bene e non vedo l’ora di tornare a casa dai miei figli. Ci vorrà un po’», scrive. «Grazie ai medici, chirurghi e infermieri – conclude – che mi sono stati accanto in questi giorni intensi. Un grazie immenso anche per tutti i messaggi di supporto e di positività che mi avete fatto arrivare. Vi voglio bene. Federico».

Fedez aveva un tumore neuroendocrino pancreatico, raro e difficile da diagnosticare

I tumori neuroendocrini pancreatici (NET) sono generalmente rari. Si stima abbiano un’incidenza di meno di 1 caso ogni 100.000 individui all’anno e rappresentano l’1-2% di tutti i tumori pancreatici. I tassi di incidenza sono aumentati negli negli ultimi due decenni, ma è probabile che ciò sia principalmente correlato all’aumento del rilevamento di malattie asintomatiche mediante imaging trasversale e endoscopia eseguita per altri motivi. I NET sono caratterizzati da un’ampia variabilità di comportamento. In molti casi, i tumori neuroendocrini presentano una crescita lenta e sono poco aggressivi; talvolta possono però crescere rapidamente e comportarsi in modo maligno, dando luogo anche metastasi a distanza. Tendono a rimanere asintomatici per lungo tempo. Ma tra le spie più comuni ci sono dolore e sensazione di peso addominale, nausea e vomito, ittero (colorazione giallastra della cute e delle sclere), perdita di peso.

L’intervento chirurgico è complicato e la convalescenza può essere lunga

Ci sono varie terapia a disposizione. La chirurgia, quella a a cui è stata sottoposto Fedez, è la terapia di prima scelta nella maggior parte delle forme localizzate e in casi selezionati di tumori metastatici. Gli interventi sul pancreas sono interventi molto impegnativi sia per il chirurgo che per il paziente e comportano il rischio di complicazioni anche molto gravi, che Fedez sembrerebbe non aver riportato. Il decorso post-operatorio non è molto semplice. Il paziente può riportare sintomi quali dolore, debolezza, affaticabilità, perdita di appetito. Il tempo necessario al recupero delle normali funzioni fisiologiche e alla scomparsa di questi sintomi è soggettivo ed è variabile da paziente a paziente. Alcuni degli effetti collaterali sono da mettersi in correlazione alla funzione intrinseca svolta dal pancreas, che secrete gli enzimi per la digestione di grassi, proteine e amidi. Pertanto, si potranno sviluppare disturbi di carattere digestivo e non meno frequentemente si potrà sviluppare diabete, alterazioni che potranno essere corrette tramite l’assunzione di adeguata terapia farmacologia.

Le parole di Chiara Ferragni e la speranza di lasciare questo brutto ricordo alle spalle

Chiara Ferragni ha postato una foto abbracciata con Fedez sul letto dell’ospedale San Raffaele. «Questa foto – scrive in inglese su Instagram – è stata fatta lunedì pomeriggio all’ospedale, il giorno prima della sua delicata operazione al pancreas. Eravamo spaventati per ogni cosa: la sua diagnosi, il suo intervento, la sua ripresa e per il futuro della nostra famiglia. L’operazione di martedì è andata bene, e lui si sta riprendendo e speriamo che questo diventi solo un brutto ricordo che ci insegni, ancora una volta, l’importanza di apprezzare la vita al meglio, ogni giorno. Grazie a tutti quelli che ci hanno fatto sentire il loro amore e hanno detto una preghiera per noi, ci ha dato molta forza». Al post della moglie, Fedez ha risposto con un cuore e un «Ti amo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Tumore al seno, l’Intelligenza artificiale può risparmiare alle donne terapie inutili
Grazie all'Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University, Usa, ha messo a punto un nuovo strumento che potrebbe evitare alle pazienti trattamenti chemioterapici non necessari. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Il BRA DAY allo IEO: ricostruzione del seno più semplice e sicura
L’Istituto Europeo di Oncologia partecipa attivamente alla campagna Bra Day (Breast Reconstruction Awareness, Consapevolezza sulla Ricostruzione mammaria), in occasione dell’Ottobre Rosa, mese dell’informazione e sensibilizzazione sul tumore del seno
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...