Salute 15 Febbraio 2022 12:10

L’esercizio fisico post-vaccino ne aumenta efficacia contro Covid e influenza, lo studio

Fare attività fisica di intensità da lieve a moderata, subito dopo aver ricevuto un vaccino contro Covid-19 o un vaccino contro l’influenza, aumenta la produzione di anticorpi

L’esercizio fisico post-vaccino ne aumenta efficacia contro Covid e influenza, lo studio

C’è un modo semplice e naturale per aumentare l’efficacia della vaccinazione anti-Covid o contro l’influenza: fare attività fisica subito dopo l’iniezione. Un gruppo di ricercatori della Iowa State University ha scoperto infatti che 90 minuti di esercizio fisico di intensità da lieve a moderata, subito dopo un vaccino antinfluenzale o uno contro il Covid-19, può dare una «spinta immunitaria extra». I risultati, pubblicati sulla rivista Brain, Behavior, and Immunity, mostrano infatti  che l’esercizio post-vaccino aumenta gli anticorpi.

Può essere efficace un’ora e mezza di cyclette o di camminata veloce

Nello studio i partecipanti coinvolti hanno pedalato su una cyclette o hanno fatto una camminata veloce per circa un’ora e mezzo subito dopo aver ricevuto un vaccino. Ebbene, queste stesse persone hanno prodotto più anticorpi nelle quattro settimane successive rispetto ai partecipanti che si sono stati seduti o che hanno ripreso la loro routine quotidiana subito dopo la vaccinazione. I ricercatori hanno riscontrato risultati simili anche nei test condotti su topi e i tapis roulant.

I vaccini aiutano il sistema immunitario a difendere l’organismo

Gli anticorpi sono essenzialmente la nostra linea di difesa contro virus, batteri, funghi e parassiti. I vaccini aiutano il sistema immunitario a imparare a identificare qualcosa di estraneo e a rispondere rafforzando le difese dell’organismo, aumentando gli anticorpi. «I nostri risultati preliminari sono i primi a dimostrare che una specifica quantità di tempo di esercizio fisico può migliorare la risposta anticorpale dell’organismo al vaccino antiCovid Pfizer-BioNtech e a due vaccini per l’influenza», ha affermato la professoressa di kinesiologia Marian Kohut, autrice principale dello studio.

Nessuna spinta immunitaria extra con 45 minuti di esercizio fisico post-vaccino

Secondo i ricercatori a beneficiare del loro suggerimento potrebbero essere moltissime persone, anche non atleti. Quasi la metà dei partecipanti all’esperimento, infatti, aveva un BMI appartenenti alla categoria sovrappeso o obesi. Durante i 90 minuti di esercizio, i soggetti si sono concentrati a rimanere a un ritmo che mantenesse la frequenza cardiaca intorno a 120-140 battiti al minuto. Nello studio, i ricercatori hanno anche verificato se i partecipanti potessero ottenere lo stesso risultato, una maggiore produzione di anticorpi, con soli 45 minuti di esercizio. In questo modo hanno scoperto che l’allenamento più breve non ha aumentato i livelli di anticorpi dei partecipanti. Ora gli studiosi verificheranno se 60 minuti di attività fisica possono essere sufficienti per generare una risposta immunitaria extra.

Gli effetti dell’esercizio fisico dipendono da una combinazione di fattori

Le ragioni dietro la capacità dell’esercizio fisico di influire sulla nostra risposta ai vaccini, secondo i ricercatori, potrebbero esserci molteplici. Prima di tutto l’allenamento aumenta il flusso sanguigno e linfatico, che aiuta a far circolare le cellule immunitarie. Poiché queste cellule si muovono nel corpo, è più probabile che rilevino qualcosa di estraneo. I dati dell’esperimento sui topi hanno anche suggerito che un tipo di proteina (cioè l’interferone alfa) prodotta durante l’esercizio aiuta a generare anticorpi e cellule T specifici del virus. «Ma sono necessarie molte più ricerche per rispondere al perché e al come», dice Kohut. «Ci sono così tanti cambiamenti che avvengono quando ci esercitiamo: metabolici, biochimici, neuroendocrini, circolatori. Quindi, c’è probabilmente una combinazione di fattori che contribuiscono alla risposta anticorpale che abbiamo trovato nel nostro studio», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali