Salute 15 Febbraio 2022 12:10

L’esercizio fisico post-vaccino ne aumenta efficacia contro Covid e influenza, lo studio

Fare attività fisica di intensità da lieve a moderata, subito dopo aver ricevuto un vaccino contro Covid-19 o un vaccino contro l’influenza, aumenta la produzione di anticorpi

L’esercizio fisico post-vaccino ne aumenta efficacia contro Covid e influenza, lo studio

C’è un modo semplice e naturale per aumentare l’efficacia della vaccinazione anti-Covid o contro l’influenza: fare attività fisica subito dopo l’iniezione. Un gruppo di ricercatori della Iowa State University ha scoperto infatti che 90 minuti di esercizio fisico di intensità da lieve a moderata, subito dopo un vaccino antinfluenzale o uno contro il Covid-19, può dare una «spinta immunitaria extra». I risultati, pubblicati sulla rivista Brain, Behavior, and Immunity, mostrano infatti  che l’esercizio post-vaccino aumenta gli anticorpi.

Può essere efficace un’ora e mezza di cyclette o di camminata veloce

Nello studio i partecipanti coinvolti hanno pedalato su una cyclette o hanno fatto una camminata veloce per circa un’ora e mezzo subito dopo aver ricevuto un vaccino. Ebbene, queste stesse persone hanno prodotto più anticorpi nelle quattro settimane successive rispetto ai partecipanti che si sono stati seduti o che hanno ripreso la loro routine quotidiana subito dopo la vaccinazione. I ricercatori hanno riscontrato risultati simili anche nei test condotti su topi e i tapis roulant.

I vaccini aiutano il sistema immunitario a difendere l’organismo

Gli anticorpi sono essenzialmente la nostra linea di difesa contro virus, batteri, funghi e parassiti. I vaccini aiutano il sistema immunitario a imparare a identificare qualcosa di estraneo e a rispondere rafforzando le difese dell’organismo, aumentando gli anticorpi. «I nostri risultati preliminari sono i primi a dimostrare che una specifica quantità di tempo di esercizio fisico può migliorare la risposta anticorpale dell’organismo al vaccino antiCovid Pfizer-BioNtech e a due vaccini per l’influenza», ha affermato la professoressa di kinesiologia Marian Kohut, autrice principale dello studio.

Nessuna spinta immunitaria extra con 45 minuti di esercizio fisico post-vaccino

Secondo i ricercatori a beneficiare del loro suggerimento potrebbero essere moltissime persone, anche non atleti. Quasi la metà dei partecipanti all’esperimento, infatti, aveva un BMI appartenenti alla categoria sovrappeso o obesi. Durante i 90 minuti di esercizio, i soggetti si sono concentrati a rimanere a un ritmo che mantenesse la frequenza cardiaca intorno a 120-140 battiti al minuto. Nello studio, i ricercatori hanno anche verificato se i partecipanti potessero ottenere lo stesso risultato, una maggiore produzione di anticorpi, con soli 45 minuti di esercizio. In questo modo hanno scoperto che l’allenamento più breve non ha aumentato i livelli di anticorpi dei partecipanti. Ora gli studiosi verificheranno se 60 minuti di attività fisica possono essere sufficienti per generare una risposta immunitaria extra.

Gli effetti dell’esercizio fisico dipendono da una combinazione di fattori

Le ragioni dietro la capacità dell’esercizio fisico di influire sulla nostra risposta ai vaccini, secondo i ricercatori, potrebbero esserci molteplici. Prima di tutto l’allenamento aumenta il flusso sanguigno e linfatico, che aiuta a far circolare le cellule immunitarie. Poiché queste cellule si muovono nel corpo, è più probabile che rilevino qualcosa di estraneo. I dati dell’esperimento sui topi hanno anche suggerito che un tipo di proteina (cioè l’interferone alfa) prodotta durante l’esercizio aiuta a generare anticorpi e cellule T specifici del virus. «Ma sono necessarie molte più ricerche per rispondere al perché e al come», dice Kohut. «Ci sono così tanti cambiamenti che avvengono quando ci esercitiamo: metabolici, biochimici, neuroendocrini, circolatori. Quindi, c’è probabilmente una combinazione di fattori che contribuiscono alla risposta anticorpale che abbiamo trovato nel nostro studio», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 26 gennaio 2023, sono 669.641.245 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.798.578 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Covid-19, che fare se...?

Che differenza c’è tra Australiana e Covid-19?

In questo periodo è molto più difficile riuscire a distinguere tra Australiana e Covid-19, ci sono piccole differenze che può essere importante valutare. Ma per sciogliere ogni du...