Salute 7 agosto 2018

LEA e psicologia, Baroni (M5S): «Servizi mentali sottofinanziati da anni. Lavorare per psicologo di base»

Il capogruppo dei Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali sottolinea: «È in atto una reistituzionalizzazione dei manicomi veri e propri nel settore privato. Con 40ennale legge Basaglia bisogna riportare attenzione su questi temi»

Immagine articolo

Dopo oltre trent’anni di attesa la psicologia è entrata nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza. Una decisione storica che è stata accompagnata dal riconoscimento definitivo dello psicologo come professione sanitaria. Tuttavia ancora molto resta da fare per assicurare questo diritto ai pazienti considerando che la carenza di finanziamenti spesso rende inapplicabile questa disposizione. Il Ministro della Salute Giulia Grillo ha annunciato che istituirà un sistema di monitoraggio dei LEA proprio per far fronte a questo problema. Abbiamo approfondito l’argomento con il capogruppo del Movimento Cinque Stelle alla Commissione Affari Sociali della Camera Massimo Enrico Baroni, psicoterapeuta. Tra le priorità del Movimento Cinque Stelle c’è l’istituzione dello psicologo di base e dello psicologo scolastico: «Con il quarantennale della Legge Basaglia – spiega Baroni a Sanità Informazione – noi abbiamo una grande possibilità di riportare all’attenzione delle istituzioni un corretto finanziamento in termini di legge di tutti i servizi per la salute mentale che in questo momento sono sottofinanziati da anni»

Onorevole, lei è uno psicoterapeuta. In questa materia c’è stata una piccola rivoluzione: l’assistenza psicologica è entrata nei Lea e lo psicologo è oggi professione sanitaria. Le strutture sanitarie sono attrezzate per offrire questo servizio ai pazienti?

«Quello che dobbiamo subito sottolineare è che i Dipartimenti di salute mentale sono comunque dei dipartimenti cenerentola all’interno dei servizi sanitari nazionali. Spesso si trovano nei sotterranei dei palazzi in cui operano i servizi di cura. Si trovano spesso nascosti e sono anche i dipartimenti che sono peggio finanziati all’interno del Servizio sanitario nazionale. Anche gli stessi consultori familiari non ricevono i finanziamenti adeguati o non ricevono supporto in termini di personale che va in pensione e non viene ricambiato all’interno dei consultori. Quindi abbiamo una rete che si occupa di diagnosi, di intercettazione di una sofferenza mentale da parte di chi si presenta per richiedere una cura o che comunque porta con se delle problematiche che non sempre sono di tipo organico, a volte sono anche di tipo psicologico. Però questo tipo di problematiche, che possono essere anche una depressione o una depressione nascosta, raramente vengono diagnosticate in tempo e vengono prese in cura dai servizi territoriali. Questo è un grosso problema. Poi dobbiamo dire anche che si occupa di salute mentale in realtà non è molto unito. Spesso i medici sono separati o operano in maniera non completamente condivisa con gli psicologici e con altri operatori che si occupano della salute sul territorio o all’interno di strutture residenziali o semiresidenziali. Con il quarantennale della Legge Basaglia noi abbiamo una grande possibilità di riportare all’attenzione delle istituzioni un corretto finanziamento in termini di legge di tutti i servizi per la salute mentale che in questo momento sono sottofinanziati da anni, spesso viene tutto scaricato sul privato, sulle cliniche private, è in opera una reistituzionalizzazione dei manicomi veri e propri nel settore privato. È vero che sono stati chiusi i manicomi, ma allo stesso momento chi è portatore di una sofferenza mentale ha anche altre patologie: spesso queste non vengono prese in considerazione. In realtà la sofferenza mentale è anche qualcosa che può portare al suicidio, che può portare all’utilizzo di droghe e ad altre situazioni. Devo dire che effettivamente il fatto che le prestazioni psicologiche finalmente siano all’interno della griglia dei Lea sia per la misura d’esito che per il monitoraggio è un vantaggio. Però questa è una novità, in questo momento non abbiamo delle misurazioni vere e proprie per il fatto che non vengono inserite all’interno dei servizi di monitoraggio».

LEGGI ANCHE: NUOVI LEA, ASSISTENZA PSICOLOGICA DIVENTA DIRITTO. LAZZARI (CNOP): «SVOLTA PER PROFESSIONE E CITTADINI»

Ieri il Ministro ha annunciato che ci sarà un monitoraggio dei Lea a breve…

«Si assolutamente deve essere operato un aggiornamento dei servizi di inserimento di tutto quello che riguarda la diagnosi, i percorsi diagnostici e terapeutici assistenziali di chi accetta di farsi prendere in cura dai servizi sanitari per la salute mentale. Queste sono questioni estremamente importanti. In questo momento noi abbiamo bisogno di una grande unità da parte degli operatori della salute che si occupano di salute mentale, quindi da parte della psichiatria, da parte della psicologia. Quindi in questo senso una delle grandi battaglie degli psicologi è sempre stata lo psicologo di base o lo psicologo scolastico. Noi come Movimento Cinque Stelle abbiamo portato avanti soprattutto a livello regionale molte proposte di legge per lo psicologo di base o per lo psicologo scolastico. Io personalmente ritengo che sia una figura importantissima al pari del medico all’interno delle istituzioni scolastiche che è una figura che non abbiamo più da almeno 40 anni, quindi ci sono tutta una serie di situazioni, come anche l’educazione sanitaria all’interno delle istituzioni scolastiche, che non sono mai state riaggiornate, non sono mai state rimesse in agenda da parte di chi ci governava. Sicuramente in questo momento il governo del cambiamento ha ben chiaro che questi tipi di disagi creano dei cortocircuiti che di fatto rendono il tessuto sociale molto più debole e lacerato».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
Sunshine Act, via libera in Commissione Affari Sociali. M5S: «Più vicino traguardo di una sanità trasparente. Nas faranno i controlli necessari»
Dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro verso i singoli operatori della salute (o superiori a 500 euro verso le organizzazioni sanitarie). «Si tratta di un impianto normativo innovativo – sottolineano i deputati Massimo Enrico Baroni e Nicola Provenza - che porterà il nostro Paese all’avanguardia a livello internazionale nella tutela di un bene collettivo fondamentale come la salute
Bilancio 2019, Ufficio Parlamentare di Bilancio: «Rischio tagli sanità per sostituire clausole salvaguardia»
L’organo che ha il compito di valutare il rispetto delle regole di bilancio nazionali ed europee sottolinea: «Pensionamenti anticipati potrebbero far emergere ancora più drammaticamente l’insufficienza di risorse umane per il SSN». Spesa SSN in calo su PIL
Screening neonatale, Italia capofila in Europa. Taverna (M5S): «Esempio di buona sanità». La Marca (Simmesn): «Abbiamo pannello di patologie più completo»
A Bruxelles un convegno per parlare della legge 167 che ha allargato le patologie oggetto dello screening: da 3 a 40. Il presidente della Società Italiana per lo studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale: «Siamo all’avanguardia. In Spagna il test è obbligatorio solo per 7 malattie, in Germania delle linee guida rendono obbligatorio lo screening su 16 patologie»
Tribunale della Salute, Pierpaolo Sileri (M5S): «Pazienti e medici sono dalla stessa parte. Un luogo di dialogo aiuterebbe a evitare denunce»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha aderito alla petizione lanciata dal network legale Consulcesi per l’istituzione di una camera di compensazione per le diatribe tra medici e pazienti. Sullo spot risarcimenti: «Non è giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che poi vi sia un errore da parte del medico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...