Salute 2 Maggio 2019 11:21

Il latte materno previene l’obesità e agevola il passaggio da una classe sociale all’altra

La neonatologa Maria Elisabetta Baldassarre: «Troppo spesso i pediatri suggeriscono alle mamme il passaggio al latte artificiale. Anche se le aziende cercano di aggiungervi gli stessi componenti del latte materno, non sempre si ottengono gli stessi risultati»

di Federica Bosco
Il latte materno previene l’obesità e agevola il passaggio da una classe sociale all’altra

Per un neonato non c’è alimento migliore del latte materno. A ribadirlo, i pediatri di famiglia della SiMPeF. La dottoressa Maria Elisabetta Baldassarre, neonatologa in servizio a Bari nell’unità di neonatologia e terapia intensiva neonatale diretta dal professor La Forgia, ne ha evidenziato i molteplici benefici.

«Il latte materno ha un effetto epigenetico per quanto riguarda la prevenzione dell’obesità per due motivi: il primo è il bassissimo contenuto di proteine, visto che alcuni studi hanno dimostrato che un alto apporto proteico è un fattore che favorisce l’insorgenza dell’obesità; il secondo fattore – spiega Baldassarre – è legato alla capacità di modulare un gene particolare che è il PPR gamma 2 che, quando è presente in un bambino, lo predispone a diventare obeso. È stato dimostrato che i bambini che presentano questa variante negativa, se ricevono l’allattamento materno non diventeranno obesi».

LEGGI ANCHE: DIETE E INTOLLERANZE, DAI MEDICI APPELLO ALLE MAMME: «NON TOGLIETE IL LATTE AI BAMBINI»

«I pediatri hanno grande responsabilità in questo – aggiunge – in quanto troppo spesso davanti alle difficoltà delle mamme, soprattutto quando sono primipare, suggeriscono anche per un fatto di comodità il passaggio al latte artificiale, anche di fronte ad una flessione della curva di crescita del bambino. È vero che i bambini allattati al seno crescono più lentamente rispetto a quelli allattati artificialmente, ma le ricerche scientifiche hanno dimostrato inequivocabilmente che sono più intelligenti e le performance neuro cognitive sono migliori all’età di 7 anni. Ci sono poi due studi pubblicati recentemente sulle popolazioni adulte molto interessanti: uno ha dimostrato che per i bambini allattati al seno è più facile una progressione da una classe sociale ad un’altra, e poi un altro studio effettuato su soggetti adulti con disabilità, ha dimostrato che a pari disabilità se questo soggetto era stato allattato al seno, in età adulta è più capace di una vita autonoma. Quindi sono risultati davvero importanti».

«Certamente – prosegue la dottoressa – oggi tutte le aziende cercano di raggiungere gli effetti biologici del latte materno, cercando di aggiungere al latte alcune di quelle componenti funzionali identificate e riconosciute, come gli acidi grassi a catena lunga che sono molto più ricchi nei lobi frontali dei bambini che ricevono latte materno. Non sempre però l’aggiunta di questi componenti al latte artificiale consente di ottenere gli stessi effetti che il latte materno offre. Diciamo che oggi si discute molto di questi acidi grassi a catena lunga polinsaturi, il più rappresentativo è il DHA e molte aziende aggiungono questo componente al latte; per la verità gli studi più recenti non hanno evidenziato dei miglioramenti nelle performance neuro cognitive né nei neonati a termine e neppure in quelli a pretermine. Un risultato raggiunto è quello a proposito della maturazione della retina e quindi nel raggiungimento più precoce della acuità visiva, questo per dire che aggiungere un componente ad un latte artificiale non consente sempre di ottenere lo stesso risultato che lo stesso componente offre nel latte materno al bambino. Il messaggio che mi sento di lanciare in questo momento è di sostenere sempre di più l’allattamento al seno. Naturalmente oggi siamo in una condizione in cui le aziende sono in grado di soddisfare tantissime necessità quando la mamma non è nelle condizioni di allattare. Ci sono stati dei progressi enormi sia in qualità che in quantità dei latti artificiali che rappresentano l’unica alternativa possibile quando il latte materno non è disponibile».

Articoli correlati
Giada, donatrice di latte umano: «Contribuire al benessere dei neonati più fragili lenisce anche le proprie sofferenze»
Salvatori (neonatologo): «Al Bambino Gesù la Banca del latte umano donato (Blud), una delle 39 presenti in Italia. La struttura seleziona, raccoglie, conserva e distribuisce il latte materno, donato da mamme volontarie in maniera totalmente gratuita»
di Isabella Faggiano
Pediatria, ecco il progetto che inserisce la “gentilezza” tra le buone pratiche
Dalla Rete Nazionale Medici Pediatri per la Gentilezza un vero e proprio “ricettario” di consigli per i bambini e le famiglie
Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia
L’iniziativa del Dipartimento donna, mamma e neonato del Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione un team di ginecologi ed ostetriche: «I vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento»
di Federica Bosco
Minority Stress, lo stress delle minoranze “rifiutate” dalla società
Alfaro (pediatra): «Ne soffrono soprattutto i minori LGBT+ esposti ad alti tassi di discriminazione e maltrattamento già in famiglia ed a scuola». Tra i giovani dai 10 ai 24 anni appartenenti alla comunità LGBT+ i tentativi di suicidio sono 4 volte maggiori
di Isabella Faggiano
Allattamento al seno, va garantito anche in caso di ricovero. Ecco come
L’interruzione dell’allattamento al seno nuoce alla salute di mamme e piccoli. Dal Gruppo di lavoro multiprofessionale coordinato dal Tavolo Tecnico Operativo interdisciplinare (TAS) del Ministero della Salute le linee di indirizzo per consentire alla madre di stare con il suo bambino in caso di ospedalizzazione e viceversa
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco