Salute 20 Febbraio 2018

Diete e intolleranze, dai medici appello alle mamme: «Non togliete il latte ai bambini»

«Togliere glutine e lattosio è diventata più una ‘moda’ che un’esigenza» l’allarme dell’Associazione Dietetica e Nutrizione. «Eliminare arbitrariamente componenti alimentari dalla dieta può determinare un grande rischio per la salute. È fondamentale lasciarsi guidare da personale preparato» così Barbara Paolini, medico e Vicesegretario ADI

«Le fake news in campo alimentare sono tra le più pericolose, perché si riflettono rapidamente sulla salute pubblica» lo spiega Barbara Paolini, Vicesegretario ADI (Associazione Italiana Dietetica e Nutrizione Clinica) in occasione dell’evento ‘La comunicazione della salute al tempo delle fake news’ organizzato dalla FNOMCeO al Ministero della Salute.

Nel corso dell’evento è stato presentato un decalogo per gestire nel migliore dei modi le intolleranze alimentari stilato dall’Associazione Italiana Dietetica e Nutrizione. «Perché il cittadino ha bisogno di semplici indicazioni da seguire» spiega la Dottoressa Paolini, sottolineando che «uno dei problemi più incombenti legati alla cattiva alimentazione è proprio il non sapere gestire eventuali intolleranze o allergie».

Il decalogo, validato dal Ministero della Salute, è consultabile sul sito anti-bufale della FNOMCeO www.dottoremaeveroche.it, il nuovo portale creato dalla Federazione dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per rispondere ai principali dubbi sulla salute dei cittadini.

«Oggi, diversamente dal passato – prosegue – i pazienti fanno ‘diagnosi’ autonomamente anche a causa della facilità a reperire informazioni su internet, e spesso assimilano sintomi vari con allergie o intolleranze che invece il più delle volte non corrispondono assolutamente».

«La prima cosa che il paziente, anche senza aver consultato un medico, decide di togliere nella propria alimentazione è il glutine oppure il lattosio, pensando che tutti i mali derivino da quelle componenti alimentari. La ‘gluteen free style’ in particolare è diventata più una moda che un’esigenza vera e propria. Questa esclusione arbitraria di elementi importanti dalla dieta può comportare dei rischi per la salute perché inevitabilmente si incorre in carenze nutrizionali non solo negli adulti ma anche nei bambini. Ed è proprio per i bambini che il rischio è più alto; un apporto nutrizionale corretto per i più piccoli è fondamentale per crescere e stare in salute».

LEGGI ANCHE: ALLERGIE, QUANDO LO STRESS PUO’ FARCI STAR MALE

«Quando si tratta di allergie o intolleranze è fondamentale rivolgersi a personale qualificato – sottolinea Paolini -. Questo genere di problemi va assolutamente monitorato per trovare delle adeguate sostituzioni alimentari che possano colmare quelle mancanze determinate dall’eliminazione di alcuni alimenti che causano reazioni allergiche».

Articoli correlati
Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli
Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi
di Federica Bosco
Celiachia, arriva il Ddl della Lega che obbliga ristoranti e distributori in tutta Italia a vendere cibo gluten free
La proposta delle deputate Murelli, Lorenzoni e Locatelli prevede anche di specificare il contenuto di glutine nei bugiardini ma anche di formare i ristoratori e quanti operano in strutture turistiche e alberghiere: «Servono stesse regole per l’acquisto di cibo senza glutine»
Allergie, Antonicelli (allergologo): «Fenomeno in crescita. Medico importante per scoraggiare il ‘fai da te’ e indirizzare a specialista»
«Inquinamento ambientale e comparsa di nuovi stili di vita (sedentarietà, elevati livelli igienici, abuso di antibiotici) sembrano essere responsabili di uno squilibrio del sistema immunitario. Ecco perché sono aumentate le patologie allergiche». Così Leonardo Antonicelli, Direttore f.f. della SOD Allergologia dell'Azienda Ospedali Riuniti Ancona
di Lucia Oggianu
Celiachia, Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Stop ai buoni in forma cartacea, cambiamo tutto»
La Regione Lazio approverà nella prossima Giunta una vera e propria rivoluzione nella gestione dei rimborsi e dei buoni per i prodotti per celiaci. Per garantire una maggiore sostenibilità della dieta senza glutine e consentire ai pazienti meno fortunati di vivere la propria patologia in maniera più serena, lo Stato italiano garantisce infatti ai pazienti diagnosticati l’erogazione […]
Celiachia: 6 milioni di italiani consumano alimenti privi di glutine senza essere malati
200mila italiani soffrono di celiachia ma si stima che 6 milioni di persone consumano alimenti privi di glutine senza essere malati. I dati presentati al 3° Congresso Nazionale di SINuC (Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo) in corso a Torino dal 6 all’8 giugno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...