Salute 26 Marzo 2020

«In aumento le intossicazioni da disinfettante per proteggersi dal Coronavirus». L’allarme del centro antiveleni

Il dottor Marcello Ferruzzi dell’Ospedale Niguarda di Milano: «Da evitare prodotti fai-da-te, non pulire mascherine con candeggina o ammoniaca»

di Federica Bosco

La paura di contrarre il coronavirus sta generando comportamenti pericolosi tra le mura domestiche. Nell’ultimo mese, le intossicazioni da disinfettante sono aumentate del 65%, raggiungendo picchi del 135% nella fascia di età inferiore ai 5 anni. L’alert arriva dal centro antiveleni dell’ospedale Niguarda di Milano, tra i più importanti riferimenti italiani per la diagnosi e il trattamento di intossicazioni acute.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E MODALITÀ DI CONTAGIO, LE RISPOSTE DELL’ISS ALLE DOMANDE DEI CITTADINI

«Con la diffusione incrementata dei disinfettanti in casa, sia per la detersione delle mani che per la detersione delle superfici – spiega il dottor Marcello Ferruzzi, raggiunto via Skype -, è aumentata l’esposizione a questi prodotti in maniera incongrua. E mi riferisco soprattutto a quei preparati prodotti a domicilio mischiando sostanze diverse. Si tratta di composti chimici che hanno caratteristiche di farmaci a tutti gli effetti e devono essere tassativamente tenuti lontani dalla portata dei bambini e non vanno travasati in contenitori anonimi, perché questo espone al rischio di esposizioni e di gestioni improprie. Occorre sapere cosa si mischia, perché composizioni incongrue possono determinare la formazione di fumi estremamente irritanti. In particolare, è bene evitare la disinfezione con candeggina e ammoniaca di mascherine che vengono poi riutilizzate. Questo è il messaggio che vogliamo dare».

LEGGI ANCHE: FAME D’ARIA – CAPITOLO 1

Ma cosa fare in caso di intossicazione? «Occorre evitare di indurre il vomito – risponde Ferruzzi – e di somministrare liquidi come latte e acqua o cibo, che può a sua volta innescare il vomito. Soprattutto, occorre evitare di correre in Pronto soccorso allorché l’evento si sia verificato. Allo stesso modo non è utile recarsi dal pediatra o dal medico di medicina generale. È importante invece chiamare il centro antiveleni che può gestire il problema a distanza».Per contattare il centro antiveleni del Niguarda è necessario comporre il numero  02 66 10 10 29.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 10 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)