Salute 9 Giugno 2020 12:58

La storia di Maria Sara Feliciangeli, “l’angelo in moto” Cavaliere al merito della Repubblica

La presidente e fondatrice di “Angeli in moto: «Consegniamo farmaci e beni di prima necessità a domicilio dal 2015. Durante la pandemia le sedi dell’associazione sono passate da quattro a quarantadue, con 800 volontari in tutta Italia»

di Isabella Faggiano

Dall’unione di due passioni, quella per le due ruote e quella per il volontariato, è nata “Angeli in moto”, un’associazione per la distribuzione a domicilio di farmaci e beni di prima necessità. Un progetto che, durante il lockdown, si è trasformato in una corsa di solidarietà che ha coinvolto volontari dal nord al sud della Penisola. «Durante la pandemia – racconta  Maria Sara Feliciangeli, presidente e fondatrice di “Angeli in moto” – le sedi dell’associazione sono passate da quattro a quarantadue». Un impegno così importante da meritare il riconoscimento del capo dello Stato: Maria Sara Feliciangeli è stata infatti nominata Cavaliere al merito della Repubblica, assieme ad altri  57 “eroi” che lottano contro questa pandemia per aiutare gli altri, durante la celebrazione del 2 giugno nella piazza di Codogno.

«“Angeli in moto” – racconta Feliciangeli – è nata nel 2015 dal mio desiderio di essere utile, di portare sollievo e donare sostegno alle persone fragili». Madre di due bambini e dipendente al ministero della Pubblica Istruzione, Maria Sara ha da sempre dedicato il suo tempo libero al volontariato. «Abbiamo iniziato portando giochi e beni di prima necessità ai bambini in giro per la Capitale, poi, dopo un anno, abbiamo ampliato la nostra attività firmando un protocollo d’intesa con Aism, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, per la consegna di farmaci a domicilio. Durante la pandemia il nostro impegno si è moltiplicato: altre associazioni hanno chiesto la nostra collaborazione e i volontari di “Angeli in moto” da poche decine hanno raggiunto quota 800».

LEGGI ANCHE: UN GIORNO CON VALERIA, VOLONTARIA DELLA CROCE ROSSA, TRA TELEFONI CHE SQUILLANO, IMPREVISTI, EMERGENZE E TORTE AL CIOCCOLATO

Per diventare un “angelo in moto” non è necessario possedere un mezzo a due ruote: «La moto – dice la presiedente Feliciangeli – agevola sicuramente le consegne nelle ore di traffico intenso, ma è sufficiente possedere un qualsiasi mezzo che possa far muovere una persona. Soprattutto bisogna avere un grande cuore ed essere davvero motivati ad aiutare gli altri. Chi ha questi requisiti, infatti, è disposto anche ad effettuare le consegne in auto, persino tra le strade più trafficate delle grandi città».

Gli “angeli in moto” durante la fase più difficile dell’emergenza, in soli sessanta giorni, hanno realizzato oltre 600 consegne alle persone con sclerosi multipla, toccando cinquanta città italiane. Un contributo fondamentale considerando che, così come emerso dal Dossier Covid-19 e SM pubblicato da Aism, il 60% delle persone con Sclerosi Multipla ha segnalato difficoltà nelle cure e assistenza,  il 70% ha interrotto la riabilitazione e il 40% ha avuto difficoltà nell’accesso alle terapie farmacologiche specifiche perché non aveva la possibilità, nell’immediato, di raggiungere il centro clinico presente in un’altra regione.

Così, mentre tutti “restavano a casa”, gli “angeli in moto” hanno affrontato la pandemia senza paura, anche nei giorni in cui i contagi avevano raggiunto il loro picco massimo. «Rispettando tutte le norme di sicurezza non ho mai temuto per la mia salute – dice Maria Sara Feliciangeli -. Abbiamo effettuato le nostre consegne utilizzando tutti i dispositivi del caso, dalle mascherine, alle visiere, fino agli igienizzanti. Non entriamo mai in contatto diretto con gli ammalati: il pacco viene lasciato su una sedia davanti alla porta di ingresso e ritirato alcuni minuti dopo. Le persone a cui doniamo il nostro aiuto sono estremamente fragili, spesso immunodepresse».

Intanto gli impegni di “angeli in moto” continuano a moltiplicarsi: «Oltre che delle consegne quotidiane – conclude Feliciangeli – da venerdì 19 a domenica 20 giugno ci occuperemo anche della raccolta fondi e di informazione a sostegno delle persone con Slerosi Multipla promossa da AISM sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, attraverso la vendita di Erbe Aromatiche».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sclerosi multipla: un modello sperimentale dimostra il ruolo della risposta immunitaria
Un gruppo di ricercatori internazionali, coordinato dal Dipartimento di Scienze cliniche internistiche, anestesiologiche e cardiovascolari della Sapienza, ha dimostrato per la prima volta come la risposta immunitaria peggiori il decorso della malattia nei pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell Death & Disease
Tumore al seno e volontariato, nel 2020 oltre 3.900 operatori hanno aiutato 29mila pazienti e 69mila donne
Presentata l’analisi di Europa Donna Italia condotta su 121 associazioni. Il 38% è impegnato sia all’interno delle Breast Unit sia sul territorio. Raccolti più di 13 milioni di euro. La presidente Rosanna D’Antona: «Nonostante la pandemia e il lockdown continua il supporto a pazienti, caregiver e cittadini nel pieno rispetto delle norme stabilite dalle autorità»
Giornata Sclerosi Multipla, 70 Paesi in rete per ripartire dopo l’emergenza
Il presidente Aism Vacca: «200 mila gardenie distribuite da 13 mila volontari. Un piccolo gesto per sostenere la ricerca, l’arma più efficace contro la sclerosi multipla»
di Isabella Faggiano
Milano, il ruolo dei volontari di strada per la gestione degli invisibili
Cisom, Medici Volontari e Progetto Arca al fianco di chi vive in strada (prima, durante e dopo la pandemia)
di Federica Bosco
Sclerosi multipla aggressiva: nel trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche nuove speranze di trattamento
L’efficacia a lungo termine è stata dimostrata, per la prima volta, da uno studio retrospettivo condotto dai ricercatori dell’università di Genova e dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino. In primavera partirà in Italia uno studio clinico controllato randomizzato multicentrico
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 novembre, sono 261.519.267 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.200.271 i decessi. Ad oggi, oltre 7,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano