Salute 17 Gennaio 2020 11:18

La sepsi causa 1 morto su 5 nel mondo. A rischio i bambini delle aree più povere

E’ quanto emerge dalle analisi pubblicate sulla rivista ‘The Lancet’ e annunciate al meeting annuale della Critical Care Review a Belfast. Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Pittsburgh e dell’Università di Washington, parla di 48,9 milioni di casi di sepsi nel mondo nel 2017 con 11 milioni di decessi

La sepsi causa 1 morto su 5 nel mondo. A rischio i bambini delle aree più povere

Una morte su cinque, nel mondo, è associata alla sepsi. Il doppio di quanto ritenuto fino ad ora. E’ quanto emerge dalle analisi pubblicate sulla rivista ‘The Lancet‘ e annunciate al meeting annuale della Critical Care Review a Belfast. Tra le vittime, c’è un numero sproporzionatamente elevato di bambini che vivono nelle aree più povere del pianeta.

Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Pittsburgh e dell’Università di Washington, parla di 48,9 milioni di casi di sepsi nel mondo nel 2017 con 11 milioni di decessi, ovvero 1 morte su 5 a livello globale. La sepsi si verifica quando gli organi di una persona cessano di funzionare bene, in seguito ad una risposta immunitaria ‘fuori controllo’ ad un’infezione. Anche se la sepsi non uccide sempre, può causare in chi sopravvive gravi disabilità. Secondo l’indagine la maggioranza dei casi di sepsi – 85% nel 2017 – si è verificata in Paesi a basso o medio reddito. In particolare nell’Africa sub-sahariana, nelle isole del Pacifico meridionale vicino all’Australia e nel Sud-Est asiatico. E i più colpiti sono i bambini: oltre il 40% di tutti i casi si verifica in piccoli sotto i 5 anni.

LEGGI: MENO DAY HOSPITAL E LUNGODEGENZE, NEL 2018 GLI OSPEDALI ITALIANI ALLEGGERITI DALLE CRONICITÀ. I DATI DEL RAPPORTO SDO

«Ho lavorato nelle zone rurali dell’Uganda e la sepsi è ciò che abbiamo visto ogni singolo giorno. Guardare un bambino morire di una malattia che avrebbe potuto essere prevenuta con misure sanitarie di base è davvero un colpo», commenta Kristina E. Rudd, autrice della ricerca. «Voglio contribuire a contrastare questa tragedia, per questo partecipo alla ricerca sulla sepsi. Ma come possiamo sapere se stiamo facendo progressi se non conosciamo nemmeno le dimensioni del problema? Se guardiamo gli elenchi delle prime 10 cause di morte a livello globale, la sepsi non è elencata perché non è stata conteggiata».

Per la loro analisi, Rudd e colleghi hanno sfruttato il Global Burden of Disease Study, un’analisi epidemiologica completa coordinata dall’Institute for Health Metrics and Evaluation (Ihme) presso l’University of Washington School of Medicine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Che cos’è il Fantamorto e perché attrae così tanti concorrenti. Le risposte dello psicoterapeuta
Il presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio Callipo: «Tra i più giovani, questi giochi possono trasformarsi in mezzi di autogratificazione o autoaffermazione all’interno del gruppo dei pari»
di Isabella Faggiano
Sputnik V, il vaccino russo è efficace al 91,6% e ora lo vogliono tutti
Il prodotto scudo Sputnik V, proveniente dalla Russia, segna oltre il 90% di efficacia. Il primo a base adenovirus con simili cifre. La scoperta da uno studio del Lancet
«Ecco le misure più efficaci per contrastare il Covid-19». Lo studio sul Lancet
Dalle scuole ai trasporti, dai grandi eventi al contact tracing, uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista fa il punto sulle misure "non farmacologiche" di contrasto al nuovo coronavirus adottate in 131 Paesi
di Tommaso Caldarelli
The Lancet pubblica uno studio pro-idrossiclorochina. Negli Usa, tre stati cancellano il divieto sul farmaco. Cosa sta succedendo?
Idrossiclorochina, sì o no? Intervista al prof. Antonio Cassone, già Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'ISS, sulle potenzialità del farmaco
di Peter D'Angelo
Disuguaglianze sanitarie, fuga dei cervelli e numero chiuso: medici italiani chiedono su The Lancet più ricerca in SSN
I suggerimenti dei ricercatori al Governo italiano dalle pagine della prestigiosa rivista scientifica. Tra i promotori medici di ISBEM, SIMA, SISPED, CNR e diverse Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM