Salute 12 Febbraio 2021 10:02

Che cos’è il Fantamorto e perché attrae così tanti concorrenti. Le risposte dello psicoterapeuta

Il presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio Callipo: «Tra i più giovani, questi giochi possono trasformarsi in mezzi di autogratificazione o autoaffermazione all’interno del gruppo dei pari»

di Isabella Faggiano
Che cos’è il Fantamorto e perché attrae così tanti concorrenti. Le risposte dello psicoterapeuta

Non i calciatori più forti e in salute, ma i vip più anziani e acciaccati. Sono questi  i componenti più ambiti delle squadre del Fantamorto, che con il celebre gioco del Fantacalcio ha in un comune solo la prima metà del nome. Per partecipare al “campionato”, inaugurato, probabilmente non a caso, il 2 novembre di ogni anno (giorno della commemorazione dei defunti) è sufficiente comporre una “squadra” costituita da dieci “morituri”, da scegliere tra politici, attori, cantanti, atleti, italiani o stranieri, che si presume possano morire nei successivi 365 giorni.

La scelta: metto in pericolo la mia vita o gioco con quella altrui?

«Nel Fantomorto, a differenza di alcune challenge tragicamente finite sulle prime pagine dei giornali – spiega Stefano Callipo, psicologo clinico e giuridico, psicoterapeuta, presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio e referente di psicologia dell’emergenza dell’Ordine degli psicologi del Lazio – si gioca con la morte altrui. Mentre la fire challenge, una sfida che consiste nel cospargersi di sostanze infiammabili e che a Londra ha già mietuto diverse vittime, provoca una certa adrenalina, giochi come il Fantamorto possono attrarre anche giovani meno inclini alla ricerca del pericolo».

Cosa rischio se gioco con la morte degli altri

Ma se con le challenge più estreme si mette a rischio la propria vita, quali possono essere le conseguenze di un gioco che non mette a repentaglio l’incolumità fisica del partecipante, come il Fantamorto? «A livello psicologico – risponde Callipo – le conseguenze negative non sono affatto trascurabili. Giocando con la morte altrui, l’adolescente può trovarsi coinvolto e attratto da una sfida, dove il pericolo reale non viene percepito, rischiando anche una normalizzazione del concetto di morte, alterando la sua percezione del rischio. Inoltre, il Fantamorto, per le sue caratteristiche, può coinvolgere un numero elevato di persone, richiamando l’attenzione anche di coloro che, normalmente, non sono attratti dai “giochi pericolosi”, proprio per le sue specifiche caratteristiche. Ad ogni modo, va puntualizzato che la percezione del pericolo di un adolescente è diversa da quella di un adulto, così come il concetto di morte di un bambino di dieci anni sarà diverso. Di conseguenza – aggiunge l’esperto – un ragazzino che pratica atti di autolesionismo, partecipando ad una challenge estrema, non ha un’intenzione autolesionista o di arrivare al suicidio. Il suo fine è il divertimento, l’adrenalina pura».

Fantamorto, normalizzare la morte può minimizzare la vita

Spesso non ci si limita a giocare: le singole sfide e i loro esiti diventano parte integrate della vita di un individuo. «Questi giochi sono al centro dei dialoghi tra i giovani, tanto da poter diventare un mezzo di autogratificazione. Vincere una sfida – continua lo psicoterapeuta – può significare soddisfare il bisogno di affermare se stessi nel gruppo dei pari e all’interno della società di cui si fa parte. E tutto avviene in tempi rapidissimi, tanto che la velocità del web ne rende incontrollabile la diffusione».

I curatori dei giochi spesso conoscono la mente umana

Le restrizioni di accesso non sono sufficienti ad impedire che soggetti estremamente giovani mettano le mani su contenuti web del tutto inadatti alla loro età: «Se da un lato è vero che eludere i controlli può essere “un gioco da ragazzi” – dice lo psicologo -, dall’altro è altrettanto vero che concedere l’accesso dai 14 anni in su significa coinvolgere ragazzini non ancora in grado di proteggersi dai rischi che si celano nei giochi e challenge online di cui stiamo discutendo. Sono progettati da curatori adulti che ben conoscono il funzionamento della mente umana e i potenziali effetti che certe attività possono avere su di essa».

Fantamorto, il boom da pandemia

I giochi sono sempre aggiornati ed adatti a contesti e momenti storici: quest’anno, ad esempio, gli organizzatori del Fantamorto (l’Associazione italiana Fantamorto-Aifm), hanno arricchito la sfida con il “bonus pandemia”, che offre la possibilità di aumentare il proprio punteggio indovinando quale vip sarà contagiato dal Covid-19. «La pandemia non solo ha creato nuovi contesti di gioco, ma ha anche aumentato le ore trascorse in rete – sottolinea lo psicoterapeuta – permettendo ai giovani di esplorare contesti che, in situazioni di normalità, non avrebbero scoperto. D’altro canto, anche i curatori hanno approfittato del momento per lanciare sfide e giochi sempre nuovi».

È necessario correre ai ripari?

«Certo, ma non con la repressione, sequestrando smartphone, tablet e pc dei nostri figli o limitando l’accesso alla rete. Piuttosto, sarebbe necessario condividere con loro i momenti di navigazione, o quanto meno trovarsi nella stanza per controllare i contenuti a cui accedono, guidandoli verso siti più sicuri e orientandoli ad una corretta interpretazione di ciò che si legge». Anche tra le righe. All’articolo 8 del regolamento del Fantamorto i curatori specificano: “Non è concesso in alcun modo ai partecipanti al gioco di rendersi parte attiva nel conseguimento dei punti, né direttamente né per interposta persona”. Come se l’omicidio o l’esserne complici non fossero reati già puniti dal nostro codice penale e contrari alla morale di qualsiasi civiltà.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa spinge un figlio ad uccidere il proprio padre?
Intervista alla psicologa e criminologa Cristina Brasi
di Stefano Piazza
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
La Strage di Buffalo e il narcisismo patologico
Cosa può spingere un ragazzo qualunque a compiere una strage come quella di qualche giorno fa? Uno studio delle possibili motivazioni
di Stefano Piazza
La ristorazione italiana tra stress e pandemia: il primo studio psicologico
Disponibile in e-book il primo studio italiano che indaga le cause dello stress nei settori della ristorazione. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto insieme all’Ordine degli Psicologi del Lazio, è stata premiata dal programma internazionale 50 Best For Recovery, nell’ambito di The World’s 50 Best Restaurants
Fedez e la confessione sui social, esibizionismo o semplice sfogo? L’analisi della psicoterapeuta Iacobelli
La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli spiega quali potrebbero essere i motivi cha hanno spinto Fedez a confessare sui social di avere un problema di salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali