Salute 10 Maggio 2022 15:08

“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche

Alla Camera presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” promosso dalla deputata Benedetta Fiorini. Obiettivo della proposta di legge rendere più accessibile l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale

di Francesco Torre
“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche

Politica unita a sostegno delle donne in cura per combattere il cancro. Alla Camera è stato presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” che prende il nome dall’omonima onlus che da oltre 15 anni organizza gratuitamente laboratori di bellezza per le donne in trattamento oncologico in alcuni ospedali italiani. Promotrice dell’intergruppo la leghista Benedetta Fiorini, insieme ad Alessandro Battilocchio (FI), Marco Di Maio (IV), Paola Deiana (M5S), Alessia Morani (PD), Daniela Santanchè (Fdi).

PdL Fiorini

L’intergruppo parlamentare

L’obiettivo è sostenere, anche dal punto di vista istituzionale, l’operato dell’associazione presieduta da Anna Segatti, a facilitarne la diffusione su tutto il territorio nazionale e a supportare l’inserimento di attività di cura della persona all’interno dei percorsi di terapia formalmente riconosciuti.

«Terapie oncologiche ed estetica non sono e non devono essere concetti separati, ma fattori di un medesimo percorso. L’Intergruppo parlamentare, che nasce oggi alla Camera come iniziativa bipartisan, vuole rappresentare un sostegno, anche istituzionale, all’operato di chi facilita la diffusione su tutto il territorio nazionale di questo connubio nelle attività di cura della persona all’interno dei percorsi di terapia formalmente riconosciuti. Per questa ragione abbiamo presentato in proposito anche una proposta di legge, di cui sono prima firmataria» ha detto la deputata Fiorini.

«La cura cosmetica non è futile, anzi aiuta le donne che seguono i nostri laboratori a sentirsi meglio» ha spiegato Anna Segatti.

La pdl sulla detraibilità dei prodotti cosmetici per malati oncologici

Inoltre, c’è già pronto un progetto di legge a prima firma sempre di Benedetta Fiorini, ma con largo supporto bipartisan, intitolato “Modifiche all’articolo 15 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, in materia di detraibilità delle spese sostenute per l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale destinati a pazienti sottoposti a terapie oncologiche”.

Alla base della pdl, l’idea che nel corso di una terapia oncologica possa essere molto importante, da un punto di vista psicologico, mantenere e ritrovare la propria immagine e la propria identità per fronteggiare gli effetti secondari delle terapie oncologiche.

Lo dimostrano anche gli esiti di uno studio clinico pilota elaborato dall’Istituto europeo di oncologia in collaborazione con l’Università degli studi di Milano, pubblicato dalla rivista scientifica Quality of life Research, che ha confermato come gli accorgimenti estetici e l’utilizzo di cosmetici per attenuare gli effetti secondari delle terapie siano in grado di migliorare la qualità della vita delle persone in terapia oncologica dimezzando lo stress. I risultati mostrano che, dopo 28 giorni, si verifica una riduzione degli stati d’animo negativi del 53 per cento e dei sintomi cutanei percepiti del 60 per cento, con un cambiamento positivo della qualità della vita complessiva del paziente.

La proposta di legge, prendendo spunto anche dall’esperienza positiva della detraibilità per le spese di acquisto della parrucca, prevede la possibilità, a beneficio dei malati in terapia oncologica comprovata da documentazione medica, di detrarre le spese sostenute per l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale destinati alla correzione di un danno estetico, di uno o più effetti secondari connessi a tali terapie, nonché a supporto di una condizione di grave disagio psicologico conseguente.

«Vogliamo contribuire a diffondere una maggiore consapevolezza – ha aggiunto Fiorini – circa il ruolo che il benessere psicofisico può svolgere durante il percorso di cura. Ciò anche attraverso l’ampliamento dei benefici fiscali riconosciuti a tutti coloro che sono sottoposti a terapie anticancro, per rendere maggiormente accessibili – anche in termini economici – i prodotti cosmetici e quelli per l’igiene, la protezione e il benessere personale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Tumori: disagio psicologico per oltre il 50% dei pazienti, ma depressione non curata nel 70% dei casi
Il 20% delle persone con tumore è colpito da depressione, il 10% da ansia e oltre il 50% sviluppa disagio psicologico. Questi disturbi hanno un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici. Ma sono individuati e curati solo nella minoranza dei casi. Per questo l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha richiesto una reale integrazione dell’assistenza psicosociale nella pratica clinica quotidiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...