Salute 10 Maggio 2022 15:08

“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche

Alla Camera presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” promosso dalla deputata Benedetta Fiorini. Obiettivo della proposta di legge rendere più accessibile l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale

di Francesco Torre
“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche

Politica unita a sostegno delle donne in cura per combattere il cancro. Alla Camera è stato presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” che prende il nome dall’omonima onlus che da oltre 15 anni organizza gratuitamente laboratori di bellezza per le donne in trattamento oncologico in alcuni ospedali italiani. Promotrice dell’intergruppo la leghista Benedetta Fiorini, insieme ad Alessandro Battilocchio (FI), Marco Di Maio (IV), Paola Deiana (M5S), Alessia Morani (PD), Daniela Santanchè (Fdi).

PdL Fiorini

L’intergruppo parlamentare

L’obiettivo è sostenere, anche dal punto di vista istituzionale, l’operato dell’associazione presieduta da Anna Segatti, a facilitarne la diffusione su tutto il territorio nazionale e a supportare l’inserimento di attività di cura della persona all’interno dei percorsi di terapia formalmente riconosciuti.

«Terapie oncologiche ed estetica non sono e non devono essere concetti separati, ma fattori di un medesimo percorso. L’Intergruppo parlamentare, che nasce oggi alla Camera come iniziativa bipartisan, vuole rappresentare un sostegno, anche istituzionale, all’operato di chi facilita la diffusione su tutto il territorio nazionale di questo connubio nelle attività di cura della persona all’interno dei percorsi di terapia formalmente riconosciuti. Per questa ragione abbiamo presentato in proposito anche una proposta di legge, di cui sono prima firmataria» ha detto la deputata Fiorini.

«La cura cosmetica non è futile, anzi aiuta le donne che seguono i nostri laboratori a sentirsi meglio» ha spiegato Anna Segatti.

La pdl sulla detraibilità dei prodotti cosmetici per malati oncologici

Inoltre, c’è già pronto un progetto di legge a prima firma sempre di Benedetta Fiorini, ma con largo supporto bipartisan, intitolato “Modifiche all’articolo 15 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, in materia di detraibilità delle spese sostenute per l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale destinati a pazienti sottoposti a terapie oncologiche”.

Alla base della pdl, l’idea che nel corso di una terapia oncologica possa essere molto importante, da un punto di vista psicologico, mantenere e ritrovare la propria immagine e la propria identità per fronteggiare gli effetti secondari delle terapie oncologiche.

Lo dimostrano anche gli esiti di uno studio clinico pilota elaborato dall’Istituto europeo di oncologia in collaborazione con l’Università degli studi di Milano, pubblicato dalla rivista scientifica Quality of life Research, che ha confermato come gli accorgimenti estetici e l’utilizzo di cosmetici per attenuare gli effetti secondari delle terapie siano in grado di migliorare la qualità della vita delle persone in terapia oncologica dimezzando lo stress. I risultati mostrano che, dopo 28 giorni, si verifica una riduzione degli stati d’animo negativi del 53 per cento e dei sintomi cutanei percepiti del 60 per cento, con un cambiamento positivo della qualità della vita complessiva del paziente.

La proposta di legge, prendendo spunto anche dall’esperienza positiva della detraibilità per le spese di acquisto della parrucca, prevede la possibilità, a beneficio dei malati in terapia oncologica comprovata da documentazione medica, di detrarre le spese sostenute per l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale destinati alla correzione di un danno estetico, di uno o più effetti secondari connessi a tali terapie, nonché a supporto di una condizione di grave disagio psicologico conseguente.

«Vogliamo contribuire a diffondere una maggiore consapevolezza – ha aggiunto Fiorini – circa il ruolo che il benessere psicofisico può svolgere durante il percorso di cura. Ciò anche attraverso l’ampliamento dei benefici fiscali riconosciuti a tutti coloro che sono sottoposti a terapie anticancro, per rendere maggiormente accessibili – anche in termini economici – i prodotti cosmetici e quelli per l’igiene, la protezione e il benessere personale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
La sessualità dopo il cancro si può, via all’iniziativa «Ballata Sensuale»
Abbattere i tabù sulla sessualità e il cancro. Questo è l’obiettivo dell’evento pop-up «Sexandthecancer– Ballata Sensuale», una tre giorni dedicata alla divulgazione scientifica attraverso l'arte
di Redazione
Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici
L’arruolamento nei protocolli di ricerca consente maggiori chance terapeutiche. Gori (ROPI): «Fondamentale aumentare l’informazione per pazienti e professionisti»
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali