Salute 12 Maggio 2020

Italiani di nuovo in fila nei pronto soccorso. Manca (Simeu): «+30% di accessi rispetto alla fase 1»

Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Durante il lockdown, al nord Italia il calo di accessi nei pronto soccorso ha superato il 50%. Al Sud, le richieste di cure negli stessi reparti sono diminuite di 15-30 punti percentuali»

di Isabella Faggiano

Mentre le strade cittadine sono sempre più popolate, le attività commerciali riaprono i battenti o si preparano ad affrontare la ripartenza, anche i pronto soccorso italiani ricominciano ad affollarsi. «Nella prima settimana della fase 2 gli accessi sono aumentati di circa il 30% rispetto alla fase 1», spiega Salvatore Manca, presidente della Simeu, la Società italiana della medicina di emergenza-urgenza.

Durante il lockdown il calo di presenze nei reparti di primo soccorso aveva raggiunto il 60%: «Al nord Italia – aggiunge Manca -, dove si è registrato un maggior numero di contagi da Covid-19, la diminuzione degli accessi nei pronto soccorso ha raggiunto e superato la quota del 50%, con picchi del 60 in Lombardia. Al Sud, invece, dove i casi di Coronavirus sono stati numericamente inferiori, le richieste di cure negli stessi reparti sono calate del 15-30%».

«È stata soprattutto la paura di contrarre il Covid-19 a frenare gli accessi durante la fase acuta della pandemia – continua il presidente Simeu -. Le restrizioni vigenti nella fase 1, poi, hanno contribuito al calo del numero degli infortuni lievi. Restando in casa, infatti, è diminuita la piccola traumatologia legata all’attività ludica, così come con la chiusura di molte attività si sono verificati meno infortuni sul lavoro. Infine, le situazioni di minore gravità sono state spesso gestite a livello territoriale. I codici bianchi o verdi, infatti, vengono normalmente trattati al pronto soccorso solo per una questione di comodità, essendo un reparto aperto 24 ore su 24, e non per una reale necessità».

LEGGI ANCHE: SCREENING ONCOLOGICI RIMANDATI PER COVID-19, STUDIO NOMISMA: «RECUPERARE 4 MILIONI DI TEST»

Ma che il numero di accessi giornalieri sia attualmente aumentato non significa che nei pronto soccorso italiani si possa respirare aria di “normalità”: «Le regole per l’accesso al reparto sono rimaste le stesse della fase 1 – sottolinea Manca-. Non bisogna abbassare la guardia: molti dei pazienti affetti da Covid-19 sono asintomatici  e, quindi, chiunque entri al pronto soccorso deve essere sottoposto ad un pre-triage ed indirizzato verso percorsi differenziati, a seconda delle sue condizioni. Resta operativa anche la zona grigia, riservata a tutti quei pazienti dalla diagnosi non chiara, e si continuano ad utilizzare gli appositi dispositivi di sicurezza, mantenendo, laddove possibile, il distanziamento sociale».

Intanto, la Società italiana della medicina di emergenza-urgenza ha diffuso, proprio in questi giorni, le linee guida per gestire i pronto soccorso durante questa nuova fase dell’emergenza: «Facendo tesoro dell’esperienza vissuta nei mesi scorsi – dice Manca – abbiamo messo nero su bianco i criteri utili ad affrontare il post-lockdown. Il documento è stato condiviso con gli oltre 24mila contatti che la nostra Società ha in tutta Italia, allo scopo di uniformare l’assistenza su tutto il territorio nazionale».

LEGGI ANCHE: FASE 2, SIMEU: «PRONTO SOCCORSO A RISCHIO CAOS. SI RISCHIA UNA NUOVA EMERGENZA»

Abitudini di gestione del sistema di urgenza che potrebbero essere conservate anche ad emergenza finita: «I percorsi di accesso così strutturati – commenta il presidente Simeu – e l’adozione di sistemi di sicurezza hanno favorito l’attività all’interno del pronto soccorso. Anche l’atteggiamento dei cittadini è nettamente più positivo. Per questo, auspichiamo che un tale miglioramento del sistema possa essere conservato anche in futuro».

Ma se personale sanitario e pazienti hanno superato a pieni voti la prova del cambiamento, più difficile è stato adeguare le strutture esistenti alle esigenze di gestione dell’emergenza Coronavirus: «Medici, infermieri e tutti coloro che lavorano all’interno dei pronto soccorso – spiega il presidente Simeu – sono altamente specializzati e preparati alla gestione delle situazioni di emergenza. Meno adeguate, invece, sono le strutture, soprattutto quelle dei vecchi ospedali, dove l’aera riservata al pronto soccorso non è concepita come un luogo di diagnosi e cura, ma piuttosto come una zona di passaggio. Per questo motivo, di recente, ho inviato una lettera al presidente del Consiglio dei Ministri per chiedere degli interventi strutturali che possano modificare il modo di valutare l’attività del pronto soccorso, non più solo in termini numerici, ma anche di qualità e tipologia delle prestazioni».

Già individuate le priorità su cui investire ad emergenza finita:«Oltre all’adeguamento delle strutture esistenti, sarà necessario rafforzare l’assistenza territoriale. Se i cittadini hanno dei punti di riferimento locali non saranno sempre costretti a rivolgersi all’ospedale e i pronto soccorso – conclude Manca – saranno così meno affollati e sgravati dalla gestione dei casi di minore gravità».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Pronto Soccorso, Giuliano (UGL): «Sistema in corto circuito, ora tutelare personale con rigida applicazione protocolli»
L'UGL sanità torna a chiedere investimenti, assunzioni e una riforma mirata della Medicina del territorio oltre allo sblocco del turn over. IL segretario Giuliano: «Situazione da girone dantesco, servono investimenti»
Sistema 118, Balzanelli: «Centrali subissate e code di 6-7 ore davanti agli ospedali. Governo rafforzi il 118 o si rischia il crack»
Il Presidente della Società Italiana Sistema 118 traccia un quadro preoccupante: «I nostri mezzi devono essere sanificati completamente e gli equipaggi si devono svestire e rivestire. Servono 45 minuti e in quel frangente i territori rischiano di rimanere scoperti». Sotto pressione tutte le aree metropolitane
Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi
La situazione negli ospedali romani raccontata dal segretario di CGIL Sanità Lazio e Michela Flores di Usb Sanità: «Le ambulanze sono utilizzate come camere di isolamento, in attesa di trovare un posto letto ai pazienti»
di Peter D'Angelo
Ictus e covid-19, Di Lazzaro (Campus): «Drammatico calo dei pazienti in pronto soccorso»
Per paura di contrarre il COVID-19, molti pazienti non si recano al pronto soccorso: «In caso di sintomi agire presto per evitare danni permanenti»
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli