Salute 20 Maggio 2021 17:24

Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini

Secondo l’ultimo Report Iss, ad aprile l’età media dei deceduti è scesa a 76 anni e sono aumentate le comorbidità. Si sceglie più la terapia steroidea di quella antivirale: il tocilizumab lasciato nel 2020

Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini

L’ondata di vaccinazioni sta sortendo l’effetto sperato: ricoveri e decessi sono in riduzione in maniera evidente da oltre tre settimane. La popolazione immunizzata, sebbene non sempre sfugga completamente al virus, evita nel 95% dei casi decesso e ospedalizzazione indipendentemente da età e sesso.

Indice mortalità, l’ultimo ad abbassarsi

L’indicatore delle morti per Covid-19, spiegano poi gli esperti, è l’ultimo a salire all’inizio di una nuova ondata così come è l’ultimo a discendere quando si esaurisce. Dall’insorgenza dei sintomi al decesso trascorre un tempo mediano di 13 giorni, che nella maggior parte dei casi il paziente trascorre perlopiù ricoverato. L’indice viaggia dunque con circa due settimane di ritardo rispetto alla situazione epidemiologica.

L’Italia ha comunque “festeggiato” la cifra che finalmente è scesa sotto i 100 morti giornalieri la scorsa settimana. L’effetto dei vaccini si vede ancor meglio con l’abbassamento dell’età media dei deceduti, che nella seconda settimana di aprile è scesa a 76 anni, mentre la media totale resta a 82.

Secondo i dati dell’osservatorio dell’Istituto Superiore di Sanità, aggiornati al 28 aprile scorso, i morti sono 118.581. Il 43% è composto da donne, con un’età media più alta rispetto agli uomini (85 contro 80). L’età media dei deceduti è di 30 anni più alta rispetto a quella di chi contrae l’infezione, che è di 47 anni e in discesa da febbraio.

Più patologie pregresse per chi muore ora

I morti sotto i 50 anni solo l’1,1% del totale, pari a 1.312 persone. Di questi 296 avevano meno di 40 anni, di cui oltre la metà con gravi patologie. Le comorbidità restano la causa principale dei decessi per Covid-19: la malattia scatenata dal Sars-CoV-2 conferma di avere un’intensità maggiore su soggetti in condizioni compromesse. Si è alzato, però, il numero medio di patologie già presenti nei deceduti, ora a 3,6, per effetto probabile della vaccinazione.

Si muore di più se Covid si associa a ipertensione arteriosa, demenza, diabete mellito di tipo 2 e fibrillazione atriale. I sintomi più accusati da chi ha poi avuto il decorso peggiore della malattia restano gli stessi: dispnea, febbre e tosse. L’insufficienza respiratoria è invece la complicanza più comune nei deceduti (93,7%), seguita dal danno renale acuto (24,6%).

Le terapie: steroidi superano antivirali

Il vaccino anti-Covid rappresenta ad oggi la strategia più efficace per evitare un decorso grave della malattia, ma anche le terapie si sono differenziate nei 15 mesi di pandemia che abbiamo affrontato. La terapia antibiotica resta la più usata durante i ricoveri (86,1% dei casi), mentre la steroidea ha superato nelle ondate 2021 quella antivirale (57% contro 42%). Anche il Tocilizumab, molto spinto dai dati conseguenti alla prima ondata, è stato ridotto in fase ospedaliera e si stanzia sul 3,9%.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Estensione Green Pass, depressione, fine vita e commissione d’inchiesta su origine Sars-CoV-2 nella settimana in Parlamento
Attesa per l’esame in commissione Affari costituzionali del Senato del decreto legge che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro. A Montecitorio in discussione due mozioni: una per la cura delle cerebrolesioni e una per potenziare gli strumenti per la diagnosi e la cura della depressione
di Francesco Torre
Arriva il freddo, l’Iss identifica i primi due casi di influenza per la stagione 2021-2022
Gli esperti hanno rilevato i primi casi legati al virus influenzale su due bambini, a Torino e Milano. Il picco si attende tra fine novembre e inizio dicembre
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?