Salute 20 Maggio 2021 17:24

Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini

Secondo l’ultimo Report Iss, ad aprile l’età media dei deceduti è scesa a 76 anni e sono aumentate le comorbidità. Si sceglie più la terapia steroidea di quella antivirale: il tocilizumab lasciato nel 2020

Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini

L’ondata di vaccinazioni sta sortendo l’effetto sperato: ricoveri e decessi sono in riduzione in maniera evidente da oltre tre settimane. La popolazione immunizzata, sebbene non sempre sfugga completamente al virus, evita nel 95% dei casi decesso e ospedalizzazione indipendentemente da età e sesso.

Indice mortalità, l’ultimo ad abbassarsi

L’indicatore delle morti per Covid-19, spiegano poi gli esperti, è l’ultimo a salire all’inizio di una nuova ondata così come è l’ultimo a discendere quando si esaurisce. Dall’insorgenza dei sintomi al decesso trascorre un tempo mediano di 13 giorni, che nella maggior parte dei casi il paziente trascorre perlopiù ricoverato. L’indice viaggia dunque con circa due settimane di ritardo rispetto alla situazione epidemiologica.

L’Italia ha comunque “festeggiato” la cifra che finalmente è scesa sotto i 100 morti giornalieri la scorsa settimana. L’effetto dei vaccini si vede ancor meglio con l’abbassamento dell’età media dei deceduti, che nella seconda settimana di aprile è scesa a 76 anni, mentre la media totale resta a 82.

Secondo i dati dell’osservatorio dell’Istituto Superiore di Sanità, aggiornati al 28 aprile scorso, i morti sono 118.581. Il 43% è composto da donne, con un’età media più alta rispetto agli uomini (85 contro 80). L’età media dei deceduti è di 30 anni più alta rispetto a quella di chi contrae l’infezione, che è di 47 anni e in discesa da febbraio.

Più patologie pregresse per chi muore ora

I morti sotto i 50 anni solo l’1,1% del totale, pari a 1.312 persone. Di questi 296 avevano meno di 40 anni, di cui oltre la metà con gravi patologie. Le comorbidità restano la causa principale dei decessi per Covid-19: la malattia scatenata dal Sars-CoV-2 conferma di avere un’intensità maggiore su soggetti in condizioni compromesse. Si è alzato, però, il numero medio di patologie già presenti nei deceduti, ora a 3,6, per effetto probabile della vaccinazione.

Si muore di più se Covid si associa a ipertensione arteriosa, demenza, diabete mellito di tipo 2 e fibrillazione atriale. I sintomi più accusati da chi ha poi avuto il decorso peggiore della malattia restano gli stessi: dispnea, febbre e tosse. L’insufficienza respiratoria è invece la complicanza più comune nei deceduti (93,7%), seguita dal danno renale acuto (24,6%).

Le terapie: steroidi superano antivirali

Il vaccino anti-Covid rappresenta ad oggi la strategia più efficace per evitare un decorso grave della malattia, ma anche le terapie si sono differenziate nei 15 mesi di pandemia che abbiamo affrontato. La terapia antibiotica resta la più usata durante i ricoveri (86,1% dei casi), mentre la steroidea ha superato nelle ondate 2021 quella antivirale (57% contro 42%). Anche il Tocilizumab, molto spinto dai dati conseguenti alla prima ondata, è stato ridotto in fase ospedaliera e si stanzia sul 3,9%.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: Iss, via a indagine nazionale sull’impatto della pandemia nelle case di riposo
Il Reparto di Promozione e Valutazione di Prevenzione delle Malattie Croniche del CNaPPS, dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, si propone di condurre un’indagine nazionale sull’impatto della pandemia da Covid-19 nelle case di riposo
di Redazione
Iss: dipendenza da Internet, ecco a chi rivolgersi. Sono 102 i centri in Italia
In Italia ci sono 102 centri che si occupano di dipendenza da Internet, il 65% dei quali si trovano al Nord. Questo è quanto si evince dalla prima mappa geolocalizzata interattiva, aggiornata dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Realizzata dal Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss, conta 3.667 utenti presi in carico soprattutto tra i 15 […]
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
West Nile: nuovo caso in Sardegna, emergenza in crescita
Continua a cresce l'emergenza West Nile in Italia. Ieri è stato registrato l'ottavo caso in Sardegna. La donna non è in condizioni gravi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.