Salute 20 Maggio 2021 17:24

Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini

Secondo l’ultimo Report Iss, ad aprile l’età media dei deceduti è scesa a 76 anni e sono aumentate le comorbidità. Si sceglie più la terapia steroidea di quella antivirale: il tocilizumab lasciato nel 2020

Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini

L’ondata di vaccinazioni sta sortendo l’effetto sperato: ricoveri e decessi sono in riduzione in maniera evidente da oltre tre settimane. La popolazione immunizzata, sebbene non sempre sfugga completamente al virus, evita nel 95% dei casi decesso e ospedalizzazione indipendentemente da età e sesso.

Indice mortalità, l’ultimo ad abbassarsi

L’indicatore delle morti per Covid-19, spiegano poi gli esperti, è l’ultimo a salire all’inizio di una nuova ondata così come è l’ultimo a discendere quando si esaurisce. Dall’insorgenza dei sintomi al decesso trascorre un tempo mediano di 13 giorni, che nella maggior parte dei casi il paziente trascorre perlopiù ricoverato. L’indice viaggia dunque con circa due settimane di ritardo rispetto alla situazione epidemiologica.

L’Italia ha comunque “festeggiato” la cifra che finalmente è scesa sotto i 100 morti giornalieri la scorsa settimana. L’effetto dei vaccini si vede ancor meglio con l’abbassamento dell’età media dei deceduti, che nella seconda settimana di aprile è scesa a 76 anni, mentre la media totale resta a 82.

Secondo i dati dell’osservatorio dell’Istituto Superiore di Sanità, aggiornati al 28 aprile scorso, i morti sono 118.581. Il 43% è composto da donne, con un’età media più alta rispetto agli uomini (85 contro 80). L’età media dei deceduti è di 30 anni più alta rispetto a quella di chi contrae l’infezione, che è di 47 anni e in discesa da febbraio.

Più patologie pregresse per chi muore ora

I morti sotto i 50 anni solo l’1,1% del totale, pari a 1.312 persone. Di questi 296 avevano meno di 40 anni, di cui oltre la metà con gravi patologie. Le comorbidità restano la causa principale dei decessi per Covid-19: la malattia scatenata dal Sars-CoV-2 conferma di avere un’intensità maggiore su soggetti in condizioni compromesse. Si è alzato, però, il numero medio di patologie già presenti nei deceduti, ora a 3,6, per effetto probabile della vaccinazione.

Si muore di più se Covid si associa a ipertensione arteriosa, demenza, diabete mellito di tipo 2 e fibrillazione atriale. I sintomi più accusati da chi ha poi avuto il decorso peggiore della malattia restano gli stessi: dispnea, febbre e tosse. L’insufficienza respiratoria è invece la complicanza più comune nei deceduti (93,7%), seguita dal danno renale acuto (24,6%).

Le terapie: steroidi superano antivirali

Il vaccino anti-Covid rappresenta ad oggi la strategia più efficace per evitare un decorso grave della malattia, ma anche le terapie si sono differenziate nei 15 mesi di pandemia che abbiamo affrontato. La terapia antibiotica resta la più usata durante i ricoveri (86,1% dei casi), mentre la steroidea ha superato nelle ondate 2021 quella antivirale (57% contro 42%). Anche il Tocilizumab, molto spinto dai dati conseguenti alla prima ondata, è stato ridotto in fase ospedaliera e si stanzia sul 3,9%.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM