Salute 30 Agosto 2021 12:18

Iperconnessione: dipendenza o diritto? Ecco quando diventa un problema (e quando no)

Lo psichiatra esperto in dipendenze Federico Tonioni (Gemelli): «I social network e l’interattività digitale sono la nuova realtà. Sbagliato demonizzarli tout court»

Iperconnessione: dipendenza o diritto? Ecco quando diventa un problema (e quando no)

Immersi in uno schermo, assuefatti allo scrolling compulsivo saltando da un social a un altro, incapaci di resistere alla tentazione di controllare continuamente lo smartphone o il numero di like e condivisioni ai propri contenuti online. É una fotografia a tratti inquietante quella tracciata da The Guardian che, in un recente articolo, spiega come la dipendenza dai social ci renda schiavi della dopamina, il neurotrasmettitore che regola i meccanismi del piacere e della ricompensa, al pari di altre e più conclamate dipendenze, quali quelle da droga, sesso, cibo.

Così come, sempre secondo The Guardian, la dipendenza dai social possa avere un impatto sulla capacità di essere in contatto con la vita e con le emozioni reali, addirittura incidendo negativamente sull’essere bravi genitori, partner, amici. Esattamente come accade con le altre dipendenze. Dalle quali, per contro, si discosterebbe per un’unica quanto subdola differenza. Se è vero che per la maggior parte delle “addiction”, infatti, ad un certo punto interviene una causa frenante esterna (ad esempio, nel caso della droga, la mancanza di denaro per procurarsela), l’accesso compulsivo a smartphone e social non conosce freni.

Il punto è: la situazione è davvero così catastrofica come la descrive The Guardian? Siamo realmente a un punto di non ritorno che ci rende enormemente più edonisti e al tempo stesso più infelici? Si è davvero ribaltato un processo secondo il quale non siamo più noi a dominare il mezzo ma ne siamo, patologicamente, dominati? Ad esprimere ai nostri microfoni il suo punto di vista è il professor Federico Tonioni, psichiatra presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, Responsabile Area delle Dipendenze da Sostanze e Dipendenze Comportamentali presso il Policlinico Gemelli di.

Dipendenza dai social, Tonioni: «Nessun allarmismo, l’iperconnessione è la nuova realtà»

«Credo che toni così allarmistici siano al momento ingiustificati – spiega Tonioni – perché oggi, soprattutto per gli adolescenti, l’iperconnessione non è una dipendenza, è un diritto. È la nuova realtà in cui, volente o nolente, siamo calati, è il nuovo modo di comunicare, stabilire reti sociali, costruire un’identità. Sempre parlando dei giovanissimi, si tratta di una generazione nativa digitale, da sempre immersa in un ambiente altamente interattivo. Ridurre questi fenomeni a “dipendenza” – prosegue lo psichiatra – significa demonizzare il cambiamento e non accettare la realtà. Una realtà che, invece, stimola altamente il profilo cognitivo, seppur in maniera differente rispetto a ciò cui eravamo abituati».

«Proprio nelle scuole dovrebbe essere dato più spazio agli strumenti digitali per supportare i ragazzi con disturbi di apprendimento. Per quanto riguarda gli adulti, anche qui credo che una sorta di compulsività sia semplicemente passata dallo zapping col telecomando allo scrolling dello smartphone. Niente di nuovo insomma, abbiamo solo sostituito certe abitudini con altre».

Bravi partner o genitori indipendentemente dallo smartphone

«Anche la solitudine è un diritto, il ritagliarsi momenti per sé. E questo – afferma Tonioni – indipendentemente dal modo in cui lo facciamo, non incide sulla nostra capacità di essere dei bravi genitori o partner, che passano per tanti altri fattori. Viceversa, un genitore che non ha piacere nel giocare con un figlio, una moglie che non ha piacere nel condividere qualcosa con il marito, troveranno mille e uno motivi o diversivi per non farlo. Immergersi nei social o nel proprio smartphone sarà solo una scusa come un’altra».

L’allarme? Solo se c’è dolore psichico

«L’allarme scatta quando si assiste al ritiro sociale – continua lo psichiatra -. Nel caso degli adolescenti alla sindrome Hikikomori, e in generale a una sofferenza psicologica. Ma in questi casi il problema non è l’oggetto della dipendenza, è il disagio psicologico che ne è alla base. Gli adulti che non riescono mai a disconnettersi probabilmente hanno una depressione latente. L’alienarsi in una vita virtuale, così come rifugiarsi nelle droghe o nell’alcol, altro non sono che la punta di un iceberg, il mezzo attraverso cui sfogare un disagio che ha radici molto più profonde. Si tratta spesso, per contro, di ragazzi che nonostante le enormi difficoltà scolastiche sono quasi madrelingua inglesi (la lingua ufficiale dei videogiochi). Ed è emblematico – conclude Tonioni – il dato per il quale i soggetti “incastrati” in una realtà virtuale non hanno quasi mai un account Facebook o Whatsapp».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cannabis, allarme adolescenti: a 13 anni già ne fanno uso, a rischio il cervello
Uno studio europeo rivela: Italia al primo posto per il consumo di marjuana tra i ragazzi con conseguenze che possono essere devastanti dal punto di vista neurologico. Maisano (psicologa e psicoterapeuta Fatebenefratelli Sacco): «La risonanza magnetica rivela aree cerebrali danneggiate che possono col tempo compromettere funzioni percettive e cognitive dell’individuo»
Riforma MMG, Rossi (OMCeO Milano): «Fondi Pnrr per Case di Comunità? No, subito piano Marshall per territorio»
Il Presidente dell'OMCeO Milano: «Dibattito anacronistico con 21 sistemi regionali differenti e con le emergenze acuite dalla pandemia». La proposta: «Investire su medicina del lavoro e scolastica e restituire dignità alla medicina generale»
«I medici italiani vogliono scappare dalla dipendenza». Anelli (FNOMCeO) chiede un cambiamento
Il presidente FNOMCeO: «Inutile nascondersi dietro il passaggio a una nuova forma contrattuale per gli mmg: è demagogia, occorre cambiare i sistemi che non funzionano»
MMG dipendenti, Regioni chiedono assunzione solo in Case di Comunità e in zone carenti
Nessuna assunzione pubblica generalizzata per i medici di famiglia, ma solo nelle Case di Comunità e nelle zone carenti. È quello che propongono le Regioni al ministero della Salute, aprendo alla possibilità di contrattualizzare i medici di medicina generale in un rapporto di dipendenza con il Servizio Sanitario Nazionale
La rivoluzione della medicina generale: dalla dipendenza all’accreditamento, le soluzioni proposte dalle Regioni
Il documento delle Regioni: «La medicina generale non è più in grado di garantire che l'investimento notevole previsto dal PNRR porti i risultati auspicati». Proposte, obiettivi e criticità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa