Salute 23 Ottobre 2020 10:59

Hikikomori, con la pandemia e il lockdown aumentati “gli isolati per scelta”

La psicoterapeuta: «Secondo un sondaggio di Hikikomori Italia, il 40% di chi non usciva di casa da tempo durante il lockdown si è sentito meglio, finalmente “normale”. Ma una volta riprese le attività il disagio è tornato più forte di prima. La DAD ha riavvicinato molti ragazzi alla scuola, chiediamo sia un’alternativa alle lezioni in presenza utilizzabile sempre»

di Isabella Faggiano

Vivevano già isolati prima che esplodesse la pandemia e che in molte zone del mondo fosse dichiarato il lockdown. Sono gli Hikikomori (che letteralmente significa “stare in disparte”), un popolo che in Giappone sfiora il milione e in Italia i 100 mila casi stimati. Gli Hikikomori restano chiusi in casa per scelta, perché pur se in compagnia di altri avvertirebbero un’unica sensazione: la solitudine.

E come si è trasformata la vita delle persone che vivono questo disagio esistenziale quando l’isolamento non è stato più una scelta volontaria ma un’imposizione? A rispondere a Sanità Informazione è Chiara Illiano, psicologa e psicoterapeuta, coordinatrice dell’area psicologica di Hikikomori Italia per il Lazio, la prima associazione nazionale italiana che offre informazione e supporto sul tema dell’isolamento sociale volontario giovanile.

IL LOCKDOWN DEGLI HIKIKOMORI

«Il fenomeno degli Hikikomori durante il lockdown – spiega Illiano – si è amplificato. Ma per comprendere bene come questo disagio sia aumentato è necessario sottolineare che gli Hikikomori possono vivere un grado diverso di isolamento: c’è chi pur percependo questa voglia di solitudine riesce a contrastarla vivendo una vita normale, chi invece è totalmente chiuso in se stesso».

«Di conseguenza – aggiunge la psicoterapeuta -, gli Hikikomori che durante il lockdown si trovavano nel primo stadio, e che quindi sentivano il bisogno di isolarsi ma non lo facevano concretamente, hanno peggiorato la loro condizione. Lo stesso vale per coloro che stavano cercando di superare il proprio disagio attraverso percorsi personali o di psicoterapia. Nel primo caso l’isolamento imposto ha assecondato il bisogno di solitudine. Nel secondo, ogni tentativo di riaffacciarsi al mondo è stato improvvisamente interrotto».

UN MIGLIORAMENTO APPARENTE

Le persone che invece non uscivano da casa da molto tempo, che vivevano la fase più critica dell’Hikikomori, hanno mostrato un miglioramento cosiddetto “paradossale”. «Si sono ritrovati ad essere come tutti gli altri – dice la psicologa -: non hanno percepito più quella differenza tra la loro chiusura e la socialità degli altri. Si sono sentiti finalmente “normali”, privi di quella pressione sociale che li vorrebbe sempre impegnati, concentrati su specifici obiettivi».

Infatti, secondo un sondaggio condotto dalla stessa associazione Hikikomori Italia, il 30% durante il lockdown si è sentito “meglio” e l’11%  “molto meglio”.  Una sensazione che ha trovato conferma nella diminuzione delle richieste di aiuto. «Anche molti genitori hanno avuto la percezione che la condizione dei propri figli fosse migliorata ed invece era solo apparenza: l’isolamento dell’Hikikomori, infatti, non è  di per sé “il problema”, quanto piuttosto – sottolinea l’esperta – un sintomo di un problema, che rimane psicologico-adattivo».

Terminato il lockdown il disagio è tornato più forte di prima: «Hanno subito un duro contraccolpo perché gli altri hanno ben presto ripreso la loro vita e gli Hikikomori si sono scontrati con l’idea che forse per loro non ci sarà mai la fine del proprio personale lockdown».

LA DIDATTICA A DISTANZA

Ma un lato positivo c’è stato: «La didattica a distanza avviata durante le fase 1 dell’emergenza ha riavvicinato gli Hikikomori alla scuola, giovani – racconta Illiano – che non seguivano una lezione da mesi o addirittura da anni. Per questo, chiediamo che la DaD diventi un’alternativa alle lezioni in presenza utilizzabile sempre. Così da garantire il diritto all’istruzione anche a coloro che, per problemi o disagi personali – conclude la psicoterapeuta -, non sono in grado di varcare la soglia di una scuola e di condividere la giornata con professori e compagni di classe».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Strage di Buffalo e il narcisismo patologico
Cosa può spingere un ragazzo qualunque a compiere una strage come quella di qualche giorno fa? Uno studio delle possibili motivazioni
di Stefano Piazza
Shanghai, misure draconiane per evitare i contagi. Cos’è il “sistema bolla”?
Dipendenti delle "aziende essenziali" fino al prossimo 1 maggio 2022, resteranno 24 ore su 24 in azienda. Sì, anche a dormire e mangiare
di Stefano Piazza
La ristorazione italiana tra stress e pandemia: il primo studio psicologico
Disponibile in e-book il primo studio italiano che indaga le cause dello stress nei settori della ristorazione. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto insieme all’Ordine degli Psicologi del Lazio, è stata premiata dal programma internazionale 50 Best For Recovery, nell’ambito di The World’s 50 Best Restaurants
Fedez e la confessione sui social, esibizionismo o semplice sfogo? L’analisi della psicoterapeuta Iacobelli
La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli spiega quali potrebbero essere i motivi cha hanno spinto Fedez a confessare sui social di avere un problema di salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto