Salute 30 Novembre 2020 09:58

«Io, medico, ho sconfitto il virus e ora dono il plasma alla ricerca»

La storia del dottor Molino, già tornato in corsia al Cardarelli di Napoli. L’ospedale contribuisce alla produzione di plasma iperimmune per il protocollo sperimentale Tsunami

«Io, medico, ho sconfitto il virus e ora dono il plasma alla ricerca»

Avere dentro di sé il virus significa essere contagioso per gli altri, certo. Ma significa anche avere, nel proprio sangue, una possibile speranza di guarigione da offrire al prossimo. Parliamo degli studi in corso sul plasma iperimmune, e sulla sua efficacia o meno contro il Covid. I trial sono ormai numerosi in Europa e nel mondo, e l’Italia, da questo punto di vista, si è dimostrata molto organizzata riunendo in un unico studio multicentrico e multi-Regione numerosissimi Centri Clinici e Servizi Trasfusionali che hanno aderito al protocollo denominato “Tsunami” sotto l’egida dell’ISS e del Centro Nazionale Sangue.

In Campania, l’ospedale Cardarelli di Napoli ha avviato lo screening per la raccolta di plasma iperimmune tramite il servizio trasfusionale che afferisce all’UOC di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, diretta dal dottor Michele Vacca. Per le prossime settimane il nosocomio napoletano identificherà i pazienti idonei a donare il plasma e li convocherà chiedendo una disponibilità allo screening e alla eventuale successiva donazione, ove siano presenti anticorpi neutralizzanti in quantità adeguata.

Il primo donatore

Primo donatore di plasma iperimmune al Cardarelli è il dottor Carlo Molino, direttore dell’UOC di Chirurgia generale I e Chirurgia del pancreas presso lo stesso ospedale. Da poco uscito da una forma fortemente sintomatica (che ha scelto di gestire a casa per non pesare sulla rete ospedaliera), Molino è già tornato in sala operatoria e, come gesto di responsabilità, ha voluto essere il primo a donare il plasma da trasferire all’ospedale Cotugno, HUB campano del protocollo Tsunami. E ai nostri microfoni ha raccontato la sua esperienza con il virus.

La malattia

«È cominciato tutto con un forte raffreddore e astenia – racconta Molino – sintomi che sono rimasti tali per un paio di giorni, durante i quali mi ero illuso di poter essere tra i fortunati paucisintomatici. Purtroppo invece nei giorni successivi sono subentrati i classici sintomi più severi, quali la dispnea (con saturazione a 86) dovuta a un focolaio di polmonite, dolori muscolari e articolari e, sempre, una profondissima stanchezza. Sono un ex atleta – aggiunge il chirurgo – l’attività fisica intensa è sempre stata una parte importante della mia vita. Quando mi sono accorto che non riuscivo neanche a compiere un passo, ho pensato che avrei dovuto ricoverarmi. Ma poi fortunatamente sono migliorato nel giro di poco».

La scelta di restare a casa e il ritorno in corsia

«Ho scelto di curarmi a casa – spiega Molino – perché sapevo di avere sintomi trattabili adeguatamente a domicilio. Mi sono ovviamente isolato e rinchiuso nella mia stanza così da non avere contatti con i miei familiari. Poi, non appena mi sono negativizzato dopo 12 giorni di malattia, sono tornato al lavoro in ospedale. Non riuscivo più a stare a casa, soprattutto in un momento così delicato sentivo l’importanza di tornare in attività. Ma nonostante io sia guarito – precisa – il virus mi ha lasciato una serie di strascichi: piastrinopenia, ipotensione e persino una pancreatite».

Il sostegno alla ricerca

«È un virus strano, imprevedibile, che presenta una ampissima scala di gravità del quadro sintomatico. Il dibattito sull’utilità del plasma Covid è aperto – conclude Molino – e questo studio randomizzato servirà proprio a quei ricercatori che dovranno comprendere se e in che modo il plasma iperimmune potrà essere un’arma efficace contro il Covid».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Palermo (Anaao): «Se non cambiano idea, 90mila no vax rischieranno la vita»
Il Segretario Nazionale di Anaao-Assomed spiega a Sanità Informazione perché l’obbligo vaccinale andrebbe preso in considerazione
Il 96% dei deceduti per Covid-19 non era vaccinato. Onder (ISS): «Ampia copertura per proteggere gli “iperfragili”»
Pubblicato il report ISS sui decessi per Covid-19 degli ultimi 8 mesi. I morti non vaccinati sono 23 volte di più di quelli che avevano ricevuto la doppia dose e sono comunque deceduti a causa del virus
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Green pass e badanti, le FAQ del Governo. Cosa c’è da sapere
Come comportarsi con badanti conviventi senza Green pass o positive al Covid-19? Le risposte di Palazzo Chigi
Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»
L'ex ministra della Salute ha partecipato all'ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?