Salute 26 Ottobre 2020 08:25

Terapia del plasma, al via studi randomizzati in Italia e in Europa

Il direttore di Immunoematologia del Policlinico di Pavia: «La terapia sembra essere efficace se ci sono anticorpi sufficienti e se somministrata entro le prime 72 ore dalla comparsa dei sintomi»

di Federica Bosco

Prosegue il dibattito sull’impiego della terapia del plasma iperimmune per combattere il Covid. Se da un lato buona parte dei virologi lo ritiene poco efficace, al Policlinico San Matteo di Pavia continuano ad impiegarlo ad uso compassionevole per i pazienti Covid, come spiega il direttore del Servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale Cesare Perotti: «La nostra esperienza è molto positiva, ma non deve essere considerata assoluta. Noi abbiamo imparato che il plasma funziona a due condizioni: che sia raccolto bene e che ci siano all’interno gli anticorpi neutralizzanti. C’è uno studio indiano randomizzato che boccia la terapia, ma se si approfondisce e si va a vedere ciò che dice nel dettaglio, emerge che il contenuto del plasma raccolto è poco superiore a zero. Noi abbiamo un quantitativo di plasma cinque volte superiore e dunque con una maggiore efficacia».

«In secondo luogo – continua Perotti – deve essere dato per tempo. Il timing di infusione è importantissimo – spiega -. È in uscita un bel lavoro fatto negli Stati Uniti nel quale si danno i tempi di quello che noi abbiamo osservato a marzo e aprile: deve essere somministrato nelle prime 48-72 ore da quando il paziente inizia ad avere problemi respiratori. Quindi la tempistica fa la differenza».

GLI STUDI IN CORSO IN EUROPA E IN ITALIA

Se a marzo ed aprile l’emergenza ha impedito di avviare uno studio randomizzato, oggi i tempi sono maturi per procedere con una sperimentazione ufficiale che richiede una organizzazione complessa, come ha ribadito il professor Perotti.

«Il San Matteo è stato nominato dalla Commissione Europea per uno studio molto vasto ed approfondito sull’utilizzo del plasma per trarre le conclusioni e scrivere le linee guida per la selezione del convalescente, per la raccolta del plasma e per la sperimentazione. In Europa c’è grande interesse, al punto che questo progetto, che si chiama Support-E, ha avuto un finanziamento di quattro milioni e mezzo da distribuire tra tutti i Paesi aderenti, soprattutto i più bisognosi».

«A livello italiano – continua Perotti – lo studio è partito in ritardo e con fatica perché le vicende burocratiche sono state lunghe. Oggi è partito Tsunami, il protocollo italiano che si prefigge di raccogliere i dati su pazienti randomizzati. Cosa che prima non è stato possibile fare, perché era necessario agire con rapidità sui malati; ora invece ci sono le condizioni per farlo nel miglior modo possibile. Anche perché – aggiunge – purtroppo abbiamo ricominciato a utilizzarlo per uso compassionevole a chi ne fa richiesta».

SERVONO DONATORI PER LA BANCA DEL PLASMA

Mentre Tsunami fa il suo corso, al San Matteo si lavora per potenziare la banca del plasma che a causa della ripresa della pandemia necessita di un maggior numero di donatori: «Da subito ci siamo organizzati per stoccare il plasma iperimmune – racconta Perotti – ma la banca del plasma va implementata e oggi stiamo attivando di nuovo il meccanismo di richiamo dei convalescenti perché vengano a donare. È un’azione di concerto tra il clinico, il paziente e la comunicazione», conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Incidenza e occupazioni in terapia intensiva stabili, sette Regioni a rischio alto. I dati del nuovo Report Iss
Sale il tasso di occupazione delle aree mediche e aumenta il numero dei casi rilevati attraverso il tracciamento dei contatti. Rt in diminuzione ma ancora sopra la soglia epidemica
«Presidente Draghi, siamo “giovani” medici ospedalieri ma alle favole non crediamo più»
Lettera aperta di Anaao Giovani al Premier Mario Draghi
di Anaao Giovani
Cure domiciliari, Consiglio di Stato sospende sentenza del Tar Lazio: «Raccomandazioni, non prescrizioni»
Quanto stabilito dal Tribunale amministrativo regionale determinerebbe «il venir meno di un documento riassuntivo delle “migliori pratiche”»
C’è un caso positivo nella classe di mio figlio, che devo fare?
Il decreto legge del 7 gennaio 2022 cambia le regole per la gestione dei casi di positività al Covid-19 nelle aule. Ecco cosa cambia
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre