Salute 12 Marzo 2021 17:35

Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»

Intervista al presidente dell’ Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego non lasciate soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo »

di Peter D'Angelo
Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»

A distanza di un anno esatto dall’inizio della pandemia in Italia, milioni di screening e centinaia di migliaia di interventi chirurgici sono stati persi, ci ricorda il professor Pierluigi Marini, presidente ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) che vuole essere concreto e diretto: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego di non lasciare soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo. I chirurghi italiani hanno come sempre risposto ‘presente’ accettando di esercitare linee di attività non proprie, come molta parte del personale sanitario. Ma non mettere in campo un piano straordinario di interventi, un vero e proprio “piano Marshall” per la sanità pubblica, rischia di essere, involontariamente, una silenziosa condanna a morte per migliaia di cittadini italiani. Nessuno se lo può permettere».

È necessario comprendere cosa stia accadendo oggi, da nord a sud, nelle strutture sanitarie: «Oltre all’indisponibilità parziale o totale degli ambienti destinati alla chirurgia ospedaliera dovuta nel 99% dei casi alla carenza di medici anestesisti e personale infermieristico – continua il presidente ACOI -, stiamo assistendo alla mancata ripresa delle attività chirurgiche. Dai nostri dati emerge una fotografia inquietante: nel 75% dei casi la ripresa della chirurgia programmata è sotto il 50%, e per oltre 1/3 dei casi non c’è stata alcuna ripresa delle attività per le patologie benigne o ancora un altro 33% dei chirurghi intervistati dichiara che non c’è stata alcuna ripresa o inferiore al 50% dell’attività diagnostica oncologica».

Per recuperare i ritardi accumulati, già «dopo il lockdown dicevamo che bisognava incrementare del 150% l’attività rispetto al pre-Covid per ripianificare gli interventi annullati. Ma nonostante siano passati 12 mesi, non abbiamo ancora visto un vero e proprio piano d’azione messo in campo: lo ricordo sempre, il tumore è una malattia tempo-dipendente e più tardi si inizia il corretto percorso diagnostico-terapeutico meno possibilità esistono di successo. Oggi si arriva ad operare casi in stadio avanzato come non si vedevano più da anni. E se non faremo più diagnosi condanniamo migliaia di pazienti a non essere più candidabili ad un intervento chirurgico».

Per aumentare l’intensità delle prestazioni e allinearsi agli standard della prevenzione «non basta disporre di più terapie intensive, servono più anestesisti, più chirurghi, più infermieri, più investimenti in tecnologie e più sale operatorie». Non solo, «servirebbe – secondo ACOI – aprire tavoli congiunti con il Ministero della Salute per pianificare risorse in modo adeguato ed equilibrato».

Le risorse devono essere spese in modo uniforme, equo e proporzionato. Per potenziare il Sistema Sanitario è necessario utilizzare criteri condivisi, razionali ed estendibili a tutte le Regioni: «I dati Agenas-Pne (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) dimostrano in maniera inequivocabile che chi fa più attività chirurgica ha i migliori esiti, intesi come risultati per complicanze e sopravvivenza. Le nostre attività sono fondate sul personale sanitario ma anche sulle tecnologie – ci tiene a precisare il presidente -, per questo motivo sarebbe importante, se non necessario, avviare programmi di accreditamento delle strutture ed in futuro anche dei medici. È sbagliato pensare che tutti possano essere autorizzati a fare tutto: le tecnologie sanitarie, esigenza impellente per il nostro Paese, dovrebbero essere distribuite e garantite tenendo presente le attività che si svolgono. Fare questo significa rispondere anche alla fortissima domanda di innovazione tecnologica di cui la sanità italiana ha bisogno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tunisia in piena crisi sanitaria. Dall’Italia arrivano donazioni da parte del Gruppo San Donato
Il Vicepresidente del gruppo, Kamel Ghribi, ha risposto all’appello lanciato dal governo tunisino con una donazione per aiutare il suo Paese di origine
Medici e scuole di specializzazione, Binetti: «Una sinergia tra tre numeri per evitare cervelli in fuga»
La senatrice dell'Udc spiega quale dovrebbe essere, dal suo punto di vista, uno dei perni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per quanto riguarda l’ambito della salute
Congresso Società Italiana di Igiene, il presidente: «Vaccinazione dovrebbe essere resa obbligatoria»
Tra i temi caldi i vaccini, il mantenimento delle misure di igiene e prevenzione, il nuovo ruolo dei Tecnici di Prevenzione e degli specialisti in Igiene e Medicina Preventiva
Operatori sanitari contagiati dal Covid-19, a chi spetta l’indennizzo e a chi no? Risponde l’esperto
L’avvocato Francesco Cecconi dello Studio Legale FCA parla di «intollerabile disparità di trattamento tra gli operatori sanitari dipendenti e i libero professionisti»
Covid-19, Miozzo (ex CTS): «Eravamo soli con una patata bollente, oggi tutti maestri del senno di poi»
Nel webinar ALTEMS le esperienze, i ricordi e i bilanci dei protagonisti della fase 1. Antonelli (Policlinico Gemelli): «Cercavamo una guida, ma la guida eravamo noi». E Ricciardi sposa la linea francese
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva