Lavoro 15 Gennaio 2021 09:42

Governo, da Marini (Acoi) appello al Parlamento: «Fate presto»

Il Presidente ACOI Marini: «Il Sistema sanitario nazionale non può andare in lista d’attesa». Lanciato sui social hashtag #FatePresto»

«Siamo impegnati ogni giorno nelle strutture ospedaliere per fronteggiare la pandemia e gli effetti di questa sui pazienti non-Covid e l’ultima cosa a cui pensiamo è entrare nel dibattito politico. Ma da queste nostre postazioni, guardando i nostri pazienti, i familiari, il personale sanitario non possiamo non chiedervi di risolvere questa crisi di governo nel più breve tempo possibile: fate presto, nessuno può permettersi pause o, peggio, instabilità. Il Sistema sanitario nazionale non può andare in lista d’attesa». È quanto dichiara il Presidente ACOI (Associazione Chirurgi Ospedalieri Italiani) Pierluigi Marini.

«In questi mesi – continua Marini – abbiamo perso oltre 600 mila interventi chirurgici, ci sono ambulatori chiusi, interi reparti di chirurgia serrati o riconvertiti in posti letto Covid, sale operatorie decimate per destinare i chirurghi nei Pronto Soccorso e nelle aree Covid, non si hanno certezze sulle risorse destinate dal Recovery Fund per la Sanità. Se continua così per la sanità pubblica tra Covid e interventi chirurgici soppressi, il 2021 potrebbe essere peggiore del 2020».

«Per fronteggiare questa emergenza sanitaria – conclude Marini – servirebbe un vero e proprio piano Marshall: un piano straordinario per sostenere la sanità pubblica sbloccando le nuove assunzioni e introducendo investimenti strutturali e tecnologici. Ma per farlo serve un Governo operativo che non perda neanche un minuto di tempo. Per questo il nostro appello al Parlamento #FatePresto: non lasciate soli milioni di italiani, gli effetti negativi della instabilità e dei ritardi si mostreranno tutti nel tempo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenza territoriale, psicologo scolastico e riforma IRCCS al centro della settimana parlamentare
In commissione Sanità scadono i termini per presentare gli emendamenti su fine vita, normativa su stupefacenti e istituzione figura dell’autista soccorritore. In commissione Affari sociali si inizia a discutere pdl per la riforma della Legge Gelli sulla responsabilità professionale
di Francesco Torre
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Amici wecare 2.0: la prima piattaforma promossa dai pazienti per i pazienti. Da oggi online
Un ecosistema di servizi, dedicato a chi soffre di malattie infiammatorie croniche intestinali, che offre teleconsulti gratuiti con specialisti, telemonitoraggio attraverso l’ausilio di dispositivi indossabili d’avanguardia e la possibilità di prenotare e scaricare esami di laboratorio
DEF, riforma IRCCS, lotta all’AIDS e DL Riaperture: la settimana in Parlamento
Dopo la pausa pasquale approda alla Camera il Documento di Economia e Finanza, mentre in Senato arriva il DL Bollette. In commissione Affari sociali continua l’esame del DL Riaperture, con l’ammissione degli emendamenti
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...