Voci della Sanità 15 Dicembre 2020 10:41

Covid-19, Fials: «Piano Marshall per la sanità o SSN muore. In legge di Bilancio valorizzare profili professionali»

«Occorre ricostruire e avviare una stagione di riforme con più risorse in campo immaginando e condividendo un progetto di Paese a partire dalla sanità» spiega il Segretario generale della Fials Giuseppe Carbone

«Siamo a un bivio. O si cambia con un progetto condiviso, un piano Marshall per la sanità, o si muore come sistema Paese, e ci dimostriamo incapaci di cogliere l’opportunità dei fondi europei. Non perdiamo tempo in rimpasti inutili: sono solo un vecchio copione che sembra autorizzare gli italiani agli assembramenti del week end. Comportamenti irresponsabili i primi, tanto quanto i secondi. Proprio ora che è cruciale contenere la pandemia, visto che gli ospedali hanno raggiunto un numero di ricoveri superiore a quelli della scorsa primavera. Non dimentichiamo che a pagare per tutti nelle corsie degli ospedali sono infermieri, medici e personale sanitario, che cadono come birilli». Questo l’appello alla responsabilità lanciato da Giuseppe Carbone, segretario generale della Fials.

«Assistiamo impotenti allo scaricabarile tra potere centrale e Regioni sulla gestione della pandemia, mentre in Germania si ritorna al lockdown duro – prosegue – e in Francia si paventano le non riaperture anche dopo le feste. Da noi infuria la polemica del giorno dopo, invece di mettere mano subito a un piano Marshall per la sanità che sappia ridisegnare l’architettura del SSN, la cui parola d’ordine dovrà essere ‘prossimità’. Non basta che il professor Walter Ricciardi, consigliere del ministro Speranza, spieghi che gli oltre 60mila italiani morti per Covid sono dovuti a un SSN troppo povero. E non bastano gli allarmi di associazioni di categoria e sindacati per fermare una deriva inarrestabile, conseguenza delle scellerate scelte politiche del passato che hanno determinato scarsità di posti letto e di personale».

Mancano all’appello oltre 60mila infermieri, 6mila medici e numerose professionalità sanitarie ed operatori socio sanitari, tra cui personale amministrativo e tecnico. «Un capitale umano che svolgerà un ruolo fondamentale anche alla riuscita dell’immane piano vaccinale che ci attende. Professioni considerate manovalanza per qualche mese – denuncia Carbone – e se va bene un paio d’anni. Persone su cui il sistema Italia non investe granchè, ma che dovranno impegnarsi mettendo a rischio la propria incolumità fisica, salvo poi ritornare nel limbo della precarietà. Ma noi della Fials guardiamo al futuro credendo che si possa costruire una proposta più equa e rispettosa della dignità degli eroi dimenticati, come pure dei giovani che verranno reclutati nella ‘chiamata alle armi’ dal commissario Arcuri».

Oggi, tenendo a mente gli errori di ieri e le opportunità di domani, è il momento di una nuova stagione di investimenti sul SSN. La carenza di medici specialisti, come degli infermieri sconta un decennio di programmazione dei fabbisogni fallimentare, una carenza che si ripercuote nelle peggiorate condizioni di lavoro mettendo a rischio qualità e sicurezza delle cure erogate. «Occorre ricostruire e avviare una stagione di riforme con più risorse in campo – propone il segretario generale Fials – immaginando e condividendo un progetto di Paese a partire dalla sanità. Perché, lo ribadiamo, senza salute non c’è economia. Pensavamo che questo punto fosse stato chiarito una volta per tutte dopo la prima ondata, invece il gioco delle parti, tra correnti di partito e ricerche del colpevole, la fa da padrone».

«Manca un esame serio della realtà e un confronto con le parti sociali sulle questioni più scottanti – conclude Carbone – a cominciare dalla revisione dei protocolli di sicurezza. Capitolo urgente nel quale coinvolgere i professionisti della sanità, perché solo loro sanno di cosa hanno bisogno. Servono interventi legislativi che valorizzino ruolo, capacità e competenze dei singoli profili professionali e per farlo occorrono risorse già in Legge di Bilancio. Tutto il personale del comparto sanità reclama un diverso valore, anche retributivo e giuridico, e di questo il Governo se ne deve fare carico, altrimenti la risposta sindacale sarà più determinata».

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...