Salute 26 luglio 2018

Intelligenza artificiale, Patient Voice è la risposta alla presa in carico del paziente cronico

Softjam Spa in partnership con Microsoft ha inaugurato una piattaforma sofisticata di raccolta e analisi dei dati in grado di verificare l’andamento della salute degli stessi e offrire di conseguenza consigli “intelligenti” e personalizzati per migliorare la qualità della loro vita

Immagine articolo

Una piattaforma d’intelligenza artificiale che accompagna il paziente affetto da malattia cronica nel percorso terapeutico. Attraverso la raccolta, l’archiviazione e la condivisione di dati, Patient Voice, questo il nome del programma, può fornire consigli utili a migliorare la qualità di vita del malato.

Si tratta di una piattaforma sofisticata, realizzato da Softjam Spa in partnership con Microsoft, in cui cittadini, medici e strutture coinvolte nel percorso di cura, possono fare delle valutazioni sullo stato dell’arte delle terapie e su eventuali progressi o regressi del paziente rispetto al suo percorso.

LEGGI ANCHE: SANITÀ DIGITALE, CARABETTA (M5S): «POLITICA IN RITARDO SU BLOCKCHAIN, PUÒ ESSERE DECISIVA IN TUTELA DATI SANITARI»

Un altro passo in avanti a favore di una sanità innovativa ed equa, resa possibile dalle tecnologie basate su intelligenza artificiale e cognitive computing. Una nuova iniziativa di portata internazionale che coinvolge aziende farmaceutiche di rilevanza mondiale come Takeda, associazioni di pazienti estere e la EFCCA, Federazione Europea delle Associazioni di colite ulcerosa e Crohn.

«La sanità non è più sostenibile oggi – spiega Andrea Pescino, AD di Softjam in una nota stampa dell’azienda – e tutto il mondo si sta orientando verso la Value Based HealthCare, assistenza sanitaria basata sul valore, un modello di erogazione dell’assistenza sanitaria finalizzata a migliorare gli esiti di salute dei pazienti, ottimizzando le risorse. La centralità del paziente è la strategia Value Based HealthCare che prevede programmi innovativi in grado di valutare il percorso terapeutico nella sua complessità, in un’ottica di integrazione, sostenibilità e beneficio».

LEGGI ANCHE: FESTIVAL DELLA SCIENZA MEDICA. IL DIRETTORE SCIENTIFICO CORBELLINI: «PAZIENTI INTERAGIRANNO CON INTELLIGENZE ARTIFICIALI»

«Le ricadute di una piattaforma come Patient Voice sono molteplici – spiega Luisa Avedano, Ceo EFCCA – Le associazioni di pazienti si stanno rendendo conto di quanto sia utile unire le forze, le energie e le esperienze anche per essere più visibili e reclamare per qualche diritto. Noi cerchiamo di migliorare la qualità di vita dei nostri pazienti quindi le tecnologie che abilitano la raccolta e la fruizione dei dati sono fondamentali. EFCCA sta investendo molto in questo progetto che è il futuro: abbiamo bisogno di questi dati per fare pressione a livello politico sia nazionale sia internazionale, abbiamo bisogno dei dati per avere un quadro per fascia di età, per tipo di malattia e per avere uno screening di quello che accade alla persona, cosa che può aiutare ad affrontare la malattia in maniera più personalizzata».

«La salute digitale al servizio del paziente é da sempre elemento centrale nell’impegno di Microsoft per sostenere l’innovazione nella eHealth. La democratizzazione dell’intelligenza arificiale genera benefici concreti per tutti i cittadini, sia in termini di efficacia del servizio al paziente, sia in termini di efficienza del Servizio Sanitario. Il nuovo progetto realizzato con Softjam e Takeda, in particolare, è un ulteriore esempio di come la tecnologia possa migliorare la qualità della vita dei pazienti offrendo loro un servizio a valore», ha commentato alla stampa Elena Bonfiglioli, Managing Director Health and Life Science EMEA.

Andrea Pescino conclude: «Siamo estremamente felici di poter abilitare tecnicamente questo progetto che ha le potenzialità per migliorare le qualità della vita di pazienti che soffrono di malattie croniche e contemporaneamente ridurre i costi della sanità consentendo di investire solo su terapie che migliorano effettivamente la vita dei pazienti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
La medicina incontra il futuro: alla Sapienza nasce il Centro di ricerca STITCH
Nasce STITCH – Sapienza Information-Based Technology InnovaTion Center for Health – il primo centro di ricerca targato Sapienza che coniuga la medicina con le più innovative tecnologie dell’informazione, come la network medicine, i big data, la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e la robotica. Il nuovo Centro, frutto della collaborazione tra dipartimenti di area ingegneristica, informatica […]
Alzheimer, la memoria virtuale alleata dei malati
Ricordi che cominciano a sbiadire, dai nomi dei familiari al posto in cui si vive e al come ci si arriva, confusione con tempi e luoghi, richiesta delle stesse informazioni più volte: questi tra i primi sintomi con cui si manifesta l’Alzheimer, il mostro silenzioso che affligge oltre 600mila italiani e i loro familiari. Per […]
QI, studio norvegese: figli meno intelligenti dei padri? Marina de Tommaso (SIPF): «Intelligenza non cala, si trasforma»
«I cambiamenti non depotenziano i neuroni ma li trasformano permettendogli di adattarsi a diversi approcci cognitivi». Così risponde la Presidente della Società Italiana di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive commentando la ricerca nordeuropea che dimostra un calo di "quoziente intellettivo" nelle generazioni odierne
Come sarà l’ospedale del futuro? Andrea Silenzi (SIMM): «Medici e intelligenza artificiale lavoreranno insieme»
«Servono nuove competenze per gestire il progresso». L’intervista al Presidente della Società Giovani Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila