Lavoro 30 Aprile 2018

Bologna, tre Premi Nobel al Festival della Scienza Medica. Il Direttore Scientifico Corbellini: «Pazienti interagiranno con intelligenze artificiali»

Il quarto appuntamento con la cultura medico-scientifica, a Bologna dal 3 al 6 maggio, è dedicato al tempo della cura. Il Professore presenta il Festival a Sanità Informazione: «La comunicazione medico-paziente può arginare le pseudocure»

di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio

Quattro giorni di eventi, oltre settanta appuntamenti, tre Premi Nobel, più di cento relatori, decine di migliaia di partecipanti. Sono i numeri della quarta edizione del Festival della Scienza Medica, che apre le porte il 3 maggio e che per quattro giorni renderà Bologna la capitale italiana della medicina. Cinque i filoni tematici attorno ai quali si raggruppano gli eventi in programma: neuroscienze, medicina interna, innovazione e tecnologia, oncologia ed alimentazione, che vengono trattati da un parterre di ospiti di caratura internazionale. Quest’anno il Festival è dedicato a “Il tempo della cura”. Per parlarne, abbiamo incontrato il Professor Gilberto Corbellini, Direttore Scientifico del Festival e Direttore del Dipartimento di Scienze umane e sociali del CNR.

Professore, cosa si intende per tempo della cura?
«In sostanza il tempo della cura è il tempo che il medico dovrebbe ritrovare per dialogare e interagire maggiormente con il paziente. Sappiamo che il dialogo migliora sul piano psicologico la relazione medico-paziente e che, al contrario, il contingentamento dei tempi aumenta il rischio di errore medico e l’insoddisfazione dei pazienti. E se aumenta l’insoddisfazione nei confronti dei medici, i pazienti potrebbero, ad esempio, cercare pseudocure, quindi qualcuno che non fornisce dei trattamenti scientifici, ma sostanzialmente dedica loro solo del tempo».

LEGGI ANCHE: COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE, IL PROFESSOR MICHELE CASSETTA: «È MOMENTO DI CURA, IL ‘MEDICHESE’ NON SERVE»

Quindi il tempo della cura come mezzo per arginare pseudoscienze e pseudocure. Ma che messaggio può dare, a tal proposito, ai medici?
«La comunicazione con il paziente è un elemento costitutivo della relazione di cura e le persone si aspettano da sempre una disponibilità del medico ad ascoltare, perché è attraverso la comunicazione che si costruisce un rapporto di fiducia. I medici sono ancora le figure sociali verso le quali la popolazione ha più fiducia, ma questo ruolo potrebbe essere a rischio se la relazione con il paziente viene vissuta con frettolosità».

In questo scenario la tecnologia che ruolo gioca e che ruolo potrebbe giocare in futuro?
«La tecnologia può giocare un ruolo molto importante perché sicuramente aiuta a migliorare la raccolta, il trattamento e l’elaborazione delle informazioni e può quindi far risparmiare al medico del tempo da dedicare all’interazione con il paziente. Poi in futuro le nuove tecnologie, soprattutto quelle robotiche, potrebbero anche offrire ai pazienti la possibilità di dialogare ed interagire con dei medici che in realtà sono intelligenze artificiali. E magari questo dialogo in alcuni casi potrà risultare anche più soddisfacente per il paziente».

LEGGI ANCHE: COME SARÀ L’OSPEDALE DEL FUTURO? ANDREA SILENZI (SIMM): «MEDICI E INTELLIGENZA ARTIFICIALE LAVORERANNO INSIEME»

Oltre a questo tema quali saranno gli argomenti che vengono affrontati durante il Festival e quali sono gli speaker più rinomati che intervengono?
«Ci sono tre Premi Nobel: May-Britt Moser, psicologa e neuroscienziata norvegese premiata nel 2014 per i suoi studi sul cervello umano; Robert Lefkowitz, Nobel per la Chimica nel 2012 per le scoperte sui recettori di membrana, e il 1 giugno in appendice al Festival arriva a Bologna Michael Rosbash, vincitore dell’ultimo Nobel per la Medicina per le sue scoperte sui meccanismi che regolano i ritmi circadiani. Abbiamo poi speaker di valore nel campo della neurologia come Giulio Tononi, psichiatra e neuroscienziato che fa un intervento sulla coscienza; Chiara Cirelli, neuroscienziata e neurofisiologa del sonno, che parla delle ricerche a livello genetico molecolare del sonno; il neuroscienziato Semir Zeki, che ha aperto la via allo studio di quella che lui definisce neuroestetica, che fa un intervento sulle basi neurobiologiche del bello. Poi ci sono interventi nell’area dell’oncologia, sulle cure e sui trattamenti immunitari dei tumori. A parlarne è l’immunologo Lorenzo Moretta. Ci sono interventi sulle medicine di frontiera, come per esempio la medicina rigenerativa: ne parla Michele De Luca, staminologo, che recentemente ha salvato la vita di un bambino trapiantandogli della pelle transgenica coltivata in laboratorio. Insomma, praticamente vengono toccati tutti i campi della medicina».

CONSULTA QUI L’ELENCO COMPLETO DEGLI SPEAKER

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Festival della Scienza Medica, a Bologna scienziati e premi Nobel per parlare dell'”intelligenza della Salute”
Quattro giorni di eventi, lezioni, conferenze, incontri per tutte le età, con scienziati di fama internazionale. Tra gli invitati il premio Nobel John Gurdon che per primo ipotizzò la clonazione
Bologna, Antonacci fa visita ai ragazzi ricoverati al Rizzoli: «Quanto amore ho visto»
L’invito dell’associazione Ansabbio è stato prontamente accettato dal cantautore Biagio Antonacci, che ha fatto visita ai pazienti ricoverati nei reparti oncologici e pediatrici dell’ospedale Rizzoli. Lo fa sapere lo stesso cantante sul profilo Fb, sottolineando l’amore che ha trovato con queste parole: «Oggi sono stato all’ospedale Rizzoli di Bologna a trovare i ragazzi ricoverati nei reparti oncologici e pediatrici. […]
“Testa o croce? Non affidarti al caso”. A Bologna i maxi poster della campagna UAAR sui medici obiettori | FOTO
«Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti è fondamentale. La nostra libertà è un bene prezioso, esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso» così l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (UAAR) avvisa le donne
Chirurgia Vertebrale: a Bologna il Memorial Patrizio Parisini
Un meeting scientifico per ricordare, a dieci anni dalla sua scomparsa, il chirurgo Patrizio Parisini, che ha diretto per 18 anni la Divisione di Chirurgia Ortopedica traumatologica vertebrale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. L’appuntamento con il “Memorial Patrizio Parisini” – organizzato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli e dalla Società scientifica SICV&GIS – è per il 23 e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti