Lavoro 30 aprile 2018

Bologna, tre Premi Nobel al Festival della Scienza Medica. Il Direttore Scientifico Corbellini: «Pazienti interagiranno con intelligenze artificiali»

Il quarto appuntamento con la cultura medico-scientifica, a Bologna dal 3 al 6 maggio, è dedicato al tempo della cura. Il Professore presenta il Festival a Sanità Informazione: «La comunicazione medico-paziente può arginare le pseudocure»

di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio

Quattro giorni di eventi, oltre settanta appuntamenti, tre Premi Nobel, più di cento relatori, decine di migliaia di partecipanti. Sono i numeri della quarta edizione del Festival della Scienza Medica, che apre le porte il 3 maggio e che per quattro giorni renderà Bologna la capitale italiana della medicina. Cinque i filoni tematici attorno ai quali si raggruppano gli eventi in programma: neuroscienze, medicina interna, innovazione e tecnologia, oncologia ed alimentazione, che vengono trattati da un parterre di ospiti di caratura internazionale. Quest’anno il Festival è dedicato a “Il tempo della cura”. Per parlarne, abbiamo incontrato il Professor Gilberto Corbellini, Direttore Scientifico del Festival e Direttore del Dipartimento di Scienze umane e sociali del CNR.

Professore, cosa si intende per tempo della cura?
«In sostanza il tempo della cura è il tempo che il medico dovrebbe ritrovare per dialogare e interagire maggiormente con il paziente. Sappiamo che il dialogo migliora sul piano psicologico la relazione medico-paziente e che, al contrario, il contingentamento dei tempi aumenta il rischio di errore medico e l’insoddisfazione dei pazienti. E se aumenta l’insoddisfazione nei confronti dei medici, i pazienti potrebbero, ad esempio, cercare pseudocure, quindi qualcuno che non fornisce dei trattamenti scientifici, ma sostanzialmente dedica loro solo del tempo».

LEGGI ANCHE: COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE, IL PROFESSOR MICHELE CASSETTA: «È MOMENTO DI CURA, IL ‘MEDICHESE’ NON SERVE»

Quindi il tempo della cura come mezzo per arginare pseudoscienze e pseudocure. Ma che messaggio può dare, a tal proposito, ai medici?
«La comunicazione con il paziente è un elemento costitutivo della relazione di cura e le persone si aspettano da sempre una disponibilità del medico ad ascoltare, perché è attraverso la comunicazione che si costruisce un rapporto di fiducia. I medici sono ancora le figure sociali verso le quali la popolazione ha più fiducia, ma questo ruolo potrebbe essere a rischio se la relazione con il paziente viene vissuta con frettolosità».

In questo scenario la tecnologia che ruolo gioca e che ruolo potrebbe giocare in futuro?
«La tecnologia può giocare un ruolo molto importante perché sicuramente aiuta a migliorare la raccolta, il trattamento e l’elaborazione delle informazioni e può quindi far risparmiare al medico del tempo da dedicare all’interazione con il paziente. Poi in futuro le nuove tecnologie, soprattutto quelle robotiche, potrebbero anche offrire ai pazienti la possibilità di dialogare ed interagire con dei medici che in realtà sono intelligenze artificiali. E magari questo dialogo in alcuni casi potrà risultare anche più soddisfacente per il paziente».

LEGGI ANCHE: COME SARÀ L’OSPEDALE DEL FUTURO? ANDREA SILENZI (SIMM): «MEDICI E INTELLIGENZA ARTIFICIALE LAVORERANNO INSIEME»

Oltre a questo tema quali saranno gli argomenti che vengono affrontati durante il Festival e quali sono gli speaker più rinomati che intervengono?
«Ci sono tre Premi Nobel: May-Britt Moser, psicologa e neuroscienziata norvegese premiata nel 2014 per i suoi studi sul cervello umano; Robert Lefkowitz, Nobel per la Chimica nel 2012 per le scoperte sui recettori di membrana, e il 1 giugno in appendice al Festival arriva a Bologna Michael Rosbash, vincitore dell’ultimo Nobel per la Medicina per le sue scoperte sui meccanismi che regolano i ritmi circadiani. Abbiamo poi speaker di valore nel campo della neurologia come Giulio Tononi, psichiatra e neuroscienziato che fa un intervento sulla coscienza; Chiara Cirelli, neuroscienziata e neurofisiologa del sonno, che parla delle ricerche a livello genetico molecolare del sonno; il neuroscienziato Semir Zeki, che ha aperto la via allo studio di quella che lui definisce neuroestetica, che fa un intervento sulle basi neurobiologiche del bello. Poi ci sono interventi nell’area dell’oncologia, sulle cure e sui trattamenti immunitari dei tumori. A parlarne è l’immunologo Lorenzo Moretta. Ci sono interventi sulle medicine di frontiera, come per esempio la medicina rigenerativa: ne parla Michele De Luca, staminologo, che recentemente ha salvato la vita di un bambino trapiantandogli della pelle transgenica coltivata in laboratorio. Insomma, praticamente vengono toccati tutti i campi della medicina».

CONSULTA QUI L’ELENCO COMPLETO DEGLI SPEAKER

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Oncologia, Freddi (MSD): «Millenovecento molecole allo studio. Fondamentale la partnership pubblico-privato»
Parla l’Executive Director Policy & Communication di MSD: «Immuno-oncologia sta cambiando paradigmi di cura. Ma c’è il problema della sostenibilità». L’azienda sta portando avanti la ricerca sul pembrolizumab con settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori
Al via Exposanità 2018: 300 convegni e 700 aziende partecipanti, a Bologna l’eccellenza in salute
Sette focus tematici (ospedale, innovazioni, terza età, prevenzione, disabilità, ortopedia e primo soccorso), oltre 300 convegni (tra cui su innovazione tecnologica e digitale, contrasto alle infezioni, etica professionale…), 678 aziende partecipanti e quasi mille ore di formazione. Sono i numeri e parte del ‘menu’ di Exposanità, mostra internazionale dedicata alla sanità e all’assistenza, che dal […]
Comunicazione medico-paziente, il Professor Michele Cassetta: «È momento di cura, il ‘medichese’ non serve»
Sentenza della Suprema Corte di Cassazione stabilisce risarcimento per i familiari di un paziente deceduto che non aveva compreso bene il linguaggio del dottore. «Curare l’ambiente, dosare le parole, ascoltare le emozioni della persona», questi i consigli dell’esperto
Bologna, M5S: «Riconoscere l’estetica oncologica»
«La Regione Emilia-Romagna chieda al ministero della Salute di riconoscere la figura professionale in estetica oncologica». Ѐquesta la richiesta di Silvia Piccinini, capogruppo regionale del Movimento 5 stelle contenuta in una risoluzione che sarà discussa nelle prossime sedute dell’Assemblea legislativa. «Visto che ad una nostra interrogazione presentata qualche settimana fa, che chiedeva appunto l’inserimento dei tatuaggi medici tra i […]
Zika: un caso a Bologna. Al via tutte le misure di profilassi d’emergenza
Un caso di Zika è stato segnalato a Bologna. Il paziente immediatamente isolato ha contratto il virus durante un viaggio in paesi tropicali. Il Comune fa sapere che sono partite tutte le misure di emergenza previste in questi casi: una disinfestazione in tutte le zone pubbliche e private circostanti l’abitazione del paziente ed eventuali luoghi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...