Lavoro 30 Aprile 2018

Bologna, tre Premi Nobel al Festival della Scienza Medica. Il Direttore Scientifico Corbellini: «Pazienti interagiranno con intelligenze artificiali»

Il quarto appuntamento con la cultura medico-scientifica, a Bologna dal 3 al 6 maggio, è dedicato al tempo della cura. Il Professore presenta il Festival a Sanità Informazione: «La comunicazione medico-paziente può arginare le pseudocure»

di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio

Quattro giorni di eventi, oltre settanta appuntamenti, tre Premi Nobel, più di cento relatori, decine di migliaia di partecipanti. Sono i numeri della quarta edizione del Festival della Scienza Medica, che apre le porte il 3 maggio e che per quattro giorni renderà Bologna la capitale italiana della medicina. Cinque i filoni tematici attorno ai quali si raggruppano gli eventi in programma: neuroscienze, medicina interna, innovazione e tecnologia, oncologia ed alimentazione, che vengono trattati da un parterre di ospiti di caratura internazionale. Quest’anno il Festival è dedicato a “Il tempo della cura”. Per parlarne, abbiamo incontrato il Professor Gilberto Corbellini, Direttore Scientifico del Festival e Direttore del Dipartimento di Scienze umane e sociali del CNR.

Professore, cosa si intende per tempo della cura?
«In sostanza il tempo della cura è il tempo che il medico dovrebbe ritrovare per dialogare e interagire maggiormente con il paziente. Sappiamo che il dialogo migliora sul piano psicologico la relazione medico-paziente e che, al contrario, il contingentamento dei tempi aumenta il rischio di errore medico e l’insoddisfazione dei pazienti. E se aumenta l’insoddisfazione nei confronti dei medici, i pazienti potrebbero, ad esempio, cercare pseudocure, quindi qualcuno che non fornisce dei trattamenti scientifici, ma sostanzialmente dedica loro solo del tempo».

LEGGI ANCHE: COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE, IL PROFESSOR MICHELE CASSETTA: «È MOMENTO DI CURA, IL ‘MEDICHESE’ NON SERVE»

Quindi il tempo della cura come mezzo per arginare pseudoscienze e pseudocure. Ma che messaggio può dare, a tal proposito, ai medici?
«La comunicazione con il paziente è un elemento costitutivo della relazione di cura e le persone si aspettano da sempre una disponibilità del medico ad ascoltare, perché è attraverso la comunicazione che si costruisce un rapporto di fiducia. I medici sono ancora le figure sociali verso le quali la popolazione ha più fiducia, ma questo ruolo potrebbe essere a rischio se la relazione con il paziente viene vissuta con frettolosità».

In questo scenario la tecnologia che ruolo gioca e che ruolo potrebbe giocare in futuro?
«La tecnologia può giocare un ruolo molto importante perché sicuramente aiuta a migliorare la raccolta, il trattamento e l’elaborazione delle informazioni e può quindi far risparmiare al medico del tempo da dedicare all’interazione con il paziente. Poi in futuro le nuove tecnologie, soprattutto quelle robotiche, potrebbero anche offrire ai pazienti la possibilità di dialogare ed interagire con dei medici che in realtà sono intelligenze artificiali. E magari questo dialogo in alcuni casi potrà risultare anche più soddisfacente per il paziente».

LEGGI ANCHE: COME SARÀ L’OSPEDALE DEL FUTURO? ANDREA SILENZI (SIMM): «MEDICI E INTELLIGENZA ARTIFICIALE LAVORERANNO INSIEME»

Oltre a questo tema quali saranno gli argomenti che vengono affrontati durante il Festival e quali sono gli speaker più rinomati che intervengono?
«Ci sono tre Premi Nobel: May-Britt Moser, psicologa e neuroscienziata norvegese premiata nel 2014 per i suoi studi sul cervello umano; Robert Lefkowitz, Nobel per la Chimica nel 2012 per le scoperte sui recettori di membrana, e il 1 giugno in appendice al Festival arriva a Bologna Michael Rosbash, vincitore dell’ultimo Nobel per la Medicina per le sue scoperte sui meccanismi che regolano i ritmi circadiani. Abbiamo poi speaker di valore nel campo della neurologia come Giulio Tononi, psichiatra e neuroscienziato che fa un intervento sulla coscienza; Chiara Cirelli, neuroscienziata e neurofisiologa del sonno, che parla delle ricerche a livello genetico molecolare del sonno; il neuroscienziato Semir Zeki, che ha aperto la via allo studio di quella che lui definisce neuroestetica, che fa un intervento sulle basi neurobiologiche del bello. Poi ci sono interventi nell’area dell’oncologia, sulle cure e sui trattamenti immunitari dei tumori. A parlarne è l’immunologo Lorenzo Moretta. Ci sono interventi sulle medicine di frontiera, come per esempio la medicina rigenerativa: ne parla Michele De Luca, staminologo, che recentemente ha salvato la vita di un bambino trapiantandogli della pelle transgenica coltivata in laboratorio. Insomma, praticamente vengono toccati tutti i campi della medicina».

CONSULTA QUI L’ELENCO COMPLETO DEGLI SPEAKER

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Milleproroghe, più fondi e termini certi per screening neonatale. Bologna (M5S): «Aggiornare Lea per capire come distribuire risorse»
Il medico Cinque Stelle spiega l'impatto delle nuove misure: entro 6 mesi dovrà essere aggiornato l'elenco delle patologie per cui occorre lo screening: «Importante impatto sulla vita dei bimbi e su costi per Servizio sanitario»
L’oncologia tra le 100 eccellenze italiane, premiato l’Istituto Tumori Pascale di Napoli
A ritirare il premio Franco Maria Buonaguro, direttore della UOC Biologia Molecolare e Oncogenesi Virale: «Progressi con la chirugia robotica, ma anche immunoterapia, radioterapia e il cyber-knife»
«Radiazione illegittima». La sentenza della Corte Costituzionale sul “caso Venturi”
Il medico e assessore alla Sanità dell'Emilia Romagna era stato radiato dall'Ordine dei medici di Bologna all'indomani dell'approvazione di una delibera della Giunta regionale sulla possibilità di impiegare infermieri nelle ambulanze anche in assenza dei medici
Congresso SIC, Basile: «Attenzione alla chirurgia di astensione per paura delle denunce»
«Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati», ha rivelato con amarezza il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile
Bologna, al Rizzoli il primo trapianto al mondo di vertebre umane
Quattro vertebre conservate nella Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico dell’Emilia-Romagna sono state utilizzate per sostituire la parte di colonna vertebrale rimossa.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...