Salute 16 maggio 2016

INMP in campo per la salute dei migranti: «Ma bisogna investire sui medici»

Intervista a Maria Concetta Mirisola, direttore dell’Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti

Pronti ad una forte azione in favore dei migranti oltre che degli italiani in difficoltà, aumentando gli investimenti sul nostro personale». Maria Concetta Mirisola, direttore generale dell’Istituto Nazionale per la salute dei Migranti ed il contrasto alle malattie della Povertà (Inmp), sintetizza così la missione della struttura che dirige e che di recente ha visto ampliare i propri spazi.

In occasione dell’inaugurazione dei reparti ristrutturati, avvenuta alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del ministro alla Salute Beatrice Lorenzin, sono state lanciate nuove sfide all’insegna di un Servizio Sanitario Nazionale senza «barriere, confini e pregiudizi», come ha affermato il Dg Mirisola.

In tal senso interessanti i dati relativi ai pazienti curati a Roma e presso l’ambulatorio specialistico Inmp di Lampedusa da maggio a novembre 2015: si tratta di 2.076 uomini e 392 donne, con un’età media di 22 anni. Tra i principali problemi di salute riscontrati tra le persone arrivate a Lampedusa ci sono soprattutto scabbia, pidocchi, impetigine e dermatite da contatto. Oltre alle patologie tipiche di chi è sottoposto a lunghi viaggi stressanti, si registrano, però, moltissimi traumi, persone che riportano fratture, donne stuprate che hanno bisogno non solo di assistenza medica ma anche psicologica. «Un servizio che il personale dell’Istituto svolge ogni giorno, in silenzio», ha evidenziato il ministro Lorenzin, ricordando anche che: «Moltissimi migranti sono stati assistiti nel nostro Paese, visitati, vaccinati, sottoposti a screening ma nessuno era portatore di virus pericolosi».

Un’opera, dunque, di straordinaria importanza in un momento in cui il nostro Paese si trova in prima linea nel fronteggiare da una parte l’emergenza migranti e dall’altra a dover fare i conti con la crisi economica, che sta privando del diritto alla salute sempre più italiani, con una percentuale in costante (e preoccupante) aumento di chi non riesce a garantirsi visite mediche e farmaci: il numero delle persone che si sono rivolte all’Istituto nazionale per la salute delle popolazioni migranti ed il contrasto delle malattie della povertà (Inmp) è infatti passato dall’8% del 2008 al 39% del 2015. Sono dati forniti proprio da Maria Concetta Mirisola nell’evidenziare, a tal riguardo, l’importanza di poter disporre di risorse a sufficienza per garantire il personale necessario.

Direttore Mirisola, nuovi spazi per l’Inmp ma anche un afflusso sempre maggiore di pazienti e più richieste. Crede che servirà anche un adeguamento di personale?
«Al momento è prioritario stabilizzare le persone che stanno già lavorando all’interno della struttura. Quindi è un percorso che richiede del tempo. Ma proprio la stabilizzazione è uno degli obiettivi da centrare con un canale preferenziale per le persone che lavorano da noi da più di cinque anni. Ci sono già contrattualizzati a tempo indeterminato, abbiamo fatto una riorganizzazione strutturale, ci siamo dotati di tecnologie all’avanguardia, adesso dobbiamo andare avanti con il resto del personale. Ritengo che in un paio di anni avremo risolto i nostri problemi».

Il ministro Lorenzin ha messo in evidenza le nuove richieste da parte di chi chiede assistenza al Ssn. In special modo si riferiva ai migranti. Ritiene che il personale sia adeguatamente formato?
«Io posso parlare del personale dell’Istituto, e quello è assolutamente formato e sta lavorando da anni, proprio in questo settore particolare della medicina delle emigrazioni. Tutti hanno diversi  anni di esperienza alle spalle, ma sono soprattutto specialisti che lavorano con dedizione e generosità».

Articoli correlati
Australia, il parlamento vota a favore dell’assistenza sanitaria ai migranti. Governo sconfitto
Il Parlamento australiano ha approvato una legge che facilita l’assistenza sanitaria ai migranti dei centri di Nauru e Manus, in Papua Nuova Guinea, in barba a un emendamento del governo di parere opposto. Il voto della Camera bassa è stato accolto come storico: è la prima volta da 80 anni che l’esecutivo viene sconfitto su […]
Migranti, tutela della salute e formazione: cinque azioni per gestire il fenomeno
Francesco Aureli, Presidente “Onlus Sanità Di Frontiera – Salute Senza Confini”: «Dopo le ultime tragedie nel Mediterraneo è il momento dell’azione concreta»
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
Libia, Foad Aodi (Amsi): «Basta morti nel mare, è finita la pacchia sulla pelle dei migranti»
Ancora tragedie del mare. 117 migranti, tra cui donne e bambini, sono morti lo scorso weekend a causa dell’affondamento di un gommone a largo della Libia. L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione medica euro mediterranea (Umem) insieme alle associazioni aderenti al movimento Internazionale “Uniti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...