Salute 31 Maggio 2019 10:06

Infezioni ospedaliere, Bartoletti (Fimmg): «Riorganizzare e potenziare assistenza sanitaria sul territorio»

Il vicesegretario nazionale della Fimmg denuncia le condizioni strutturali degli ospedali italiani e auspica nuovi modelli organizzativi dell’assistenza per prevenire le infezioni: «Se nei Pronto soccorso ci sono anziani che rimangono lì per giorni, la contaminazione batterica diventa certezza»

Infezioni ospedaliere, Bartoletti (Fimmg): «Riorganizzare e potenziare assistenza sanitaria sul territorio»

Le infezioni ospedaliere che insorgono durante il ricovero o al ritorno a casa, sono la complicanza più frequente e grave dell’assistenza sanitaria. Si chiamano ICA (infezioni correlate all’assistenza) e si possono verificare in tutti gli ambiti assistenziali: ospedali, pronto soccorso, day-hospital/day-surgery, lungodegenze, ambulatori, assistenza domiciliare e strutture residenziali territoriali.

Il Vicepresidente dell’OMCeO Roma e vicesegretario nazionale della Fimmg Pier Luigi Bartoletti, ha individuato i punti deboli del sistema a partire dallo stato non proprio ottimale degli ospedali italiani: «Abbiamo strutture antiche, nate per altri bisogni. Bisogna riorganizzare e potenziare l’assistenza sanitaria sul territorio onde evitare, ad esempio, che una persona di 90 anni con una broncopolmonite riacutizzata debba stare in pronto soccorso per due-tre giorni». I pazienti che necessitano un ricovero, infatti, spesso si trovano in gravi condizioni e sono ad elevato rischio di infezioni: «Se questo accade – aggiunge Bartoletti a Sanità Informazione – qualche contaminazione batterica non è un’eventualità, è quasi una certezza».

Un altro fattore importante da considerare è antibioticoresistenza, che può provocare “un impatto economico catastrofico” secondo l’ultimo rapporto del Gruppo di coordinamento dell’Onu (Iacg) sulla resistenza antimicrobica che parla di “10 milioni di morti l’anno, danni economici catastrofici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema”.

Rapporto ONU antibioticoresistenza

Il problema è che si danno troppi antibiotici? «Dal punto di vista dell’antibiotico resistenza la consapevolezza è aumentata, anche le persone stanno più attente – continua Pier Luigi Bartoletti -. È un problema di sistema e come tale va affrontato».

LEGGI ANCHE: L’ANTIMICROBICO RESISTENZA CAUSERÀ 10 MILIONI DI MORTI L’ANNO. IL RAPPORTO E LE RACCOMANDAZIONI DELL’ONU

E allora come controllare o, ancora meglio, evitare la trasmissione di infezioni sia in ospedale che nelle altre strutture sanitarie? Con l’adozione di misure preventive che vanno dalla corretta disinfezione degli ambienti e degli strumenti a tutti quei comportamenti che consentano di ridurre il rischio di contaminazione: «Lavarsi le mani sembra un’azione semplice e banale ma in un ospedale significa salvare la vita alle persone» specifica Bartoletti, avvalorando la posizione del ministero della Salute che ha recentemente organizzato il convegno «L’igiene delle mani: strumento per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza e dell’antimicrobico-resistenza», in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA).

LEGGI ANCHE. ANTIBIOTICO-RESISTENZA, UNA CORRETTA IGIENE DELLE MANI PUÒ RIDURRE DEL 30% LE INFEZIONI OSPEDALIERE

«Sarebbe interessante vedere se esiste una correlazione tra vetustà della struttura e infezioni ospedaliere in costanza di adozione di norme di prevenzione – avanza Bartoletti -. Se applico norme di prevenzione in strutture antiche vediamo se sono efficaci quanto nelle strutture moderne. A livello mondiale si sta ragionando di architettura ospedaliera – conclude – proprio perché all’interno di un ospedale moderno è più facile rispettare gli obblighi di pulizia e sicurezza e introdurre camere operatorie differenziate a seconda della chirurgia. In strutture meno moderne è più difficile».

 

Articoli correlati
Mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2, nasce il registro italiano dei portatori
Assegnata a Francesca Doyle giovane studentessa di biologia la prima borsa di studio in ricordo di Fabiana Gregori socia fondatrice dell’associazione aBRCAdabra che per prima ha avuto l’intuizione di mappare i soggetti con queste caratteristiche. Il registro nazionale sarà seguito dai medici: Alberta Ferrari del Policlinico San Matteo di Pavia, Domenica Lorusso del Policlinico Gemelli di Roma e Matteo Lambertini del San Martino di Genova
«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks
Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre
Il ministro Speranza celebra i 43 anni del SSN
L'anniversario che celebra i tre principi fondanti: universalità, uguaglianza ed equità
Ospedalità privata, nasce Acop. Il presidente Vietti: «Avviare nuova fase di interlocuzione con governo»
Presentata a Roma la neonata Associazione Coordinamento Ospedalità Privata che riunisce più di 150 aziende, per oltre 15mila posti letto e 25mila dipendenti
Covid, Speranza: «Massima cautela, in Cdm ulteriori scelte. Vaccino ai bambini non è materia da talk show»
Le prenotazioni ai più piccoli inizieranno giovedì, domani v-day nel Lazio. Il ministro invita ad affidarsi ai pediatri per fare una scelta così delicata: «Non è una materia da talk show televisivi o che può essere delegata ai social network o alle discussioni che si fanno la mattina nei bar»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre