Mondo 29 Aprile 2019 15:23

L’antimicrobico resistenza causerà 10 milioni di morti l’anno. Il rapporto e le raccomandazioni dell’ONU

Le Nazioni Unite e le agenzie internazionali chiedono agli Stati di intervenire per invertire la rotta di quella che si preannuncia una crisi disastrosa

L’antimicrobico resistenza causerà 10 milioni di morti l’anno. Il rapporto e le raccomandazioni dell’ONU

Stiamo per affrontare una crisi dagli effetti potenzialmente disastrosi. 10 milioni di morti l’anno, danni economici catastrofici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema. La causa di tutto questo? L’antimicrobico resistenza.

È quanto emerge da un nuovo rapporto “Non c’è tempo da perdere” pubblicato dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull’antimicrobico resistenza che, insieme a tutta l’ONU e alle agenzie internazionali, chiede un intervento «immediato, coordinato e ambizioso» per invertire la rotta.

«Riconoscendo l’interconnessione che lega uomini, animali, cibo e salute dell’ambiente – scrive l’Organizzazione Mondiale della Sanità in una nota – è necessario un approccio “One Health”. Il rapporto chiede quindi agli Stati di rendere prioritari i piani d’azione nazionali per aumentare gli sforzi finanziari e le conoscenze sul tema; di prevedere sistemi regolatori più rigidi e supportare un utilizzo più responsabile e prudente degli antimicrobici da parte dei professionisti che si occupano della salute degli uomini, degli animali e del pianeta; di investire in ricerche ambiziose e nello sviluppo di nuove tecnologie per combattere l’antimicrobico resistenza; di non utilizzare più antimicrobici particolarmente importante per favorire la crescita delle piante in agricoltura».

LEGGI ANCHE: RICETTA SANITARIA ELETTRONICA, GRILLO: «SIAMO I PRIMI IN EUROPA. COSI’ SI COMBATTE L’ANTIMICROBICO RESISTENZA E SI VALORIZZA IL RUOLO DEL VETERINARIO»

«Ad oggi, almeno 700mila persone muoiono ogni anno a causa di batteri che resistono ai farmaci – continua l’OMS -. Sempre più malattie comuni, come infezioni respiratorie, sessualmente trasmissibili o del tratto urinario, sono incurabili. Molte procedure mediche che salvano la vita stanno diventando più rischiose ed i nostri sistemi alimentari sono sempre più precari».

«L’antimicrobico resistenza è una delle principali minacce che la comunità globale deve affrontare – commenta Amina Mohammed, vicesegretario generale delle Nazioni Unite -. Questo rapporto riflette la profonda necessità di intervenire per fermarne la crescita e proteggere un secolo di progressi ottenuti nel campo della salute. Non c’è altro tempo da perdere».

«Siamo ad un punto critico e dobbiamo proteggere alcuni dei medicinali più essenziali che abbiamo – aggiunge Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS -. Le raccomandazioni concrete contenute da questo rapporto possono salvare migliaia di vite ogni anno».

«Gli antimicrobici sono necessari per salvaguardare la produzione, la sicurezza ed il commercio degli alimenti – conclude José Graziano da Silva, direttore generale della FAO (Food and Agriculture Organization) -, oltre alla salute umana ed animale. Gli Stati devono quindi prevedere sistemi alimentari e pratiche agricole sostenibili che riducano il rischio di resistenza antimicrobica per promuovere strade alternative percorribili».

Articoli correlati
Antibiotico resistenza, Andreoni (infettivologo): «Sarà la prima causa di morte nel mondo: 10 milioni di vittime entro il 2050»
Italia bocciata dall’UE, il direttore scientifico della Simit: «Nel nostro Paese c’è un vero e proprio abuso di antibiotici che causa più di 10mila morti ogni anno». Nel PNRR previsto un piano straordinario di “formazione sulle infezioni ospedaliere”
Nel 2050 i morti per infezioni ospedaliere in Italia saranno 450 mila. Lo studio
Censimento degli infermieri ANIPIO e le soluzioni proposte da ANIPIO e FNOPI
Covid-19, allarme Oms: «Oltre 2,2 milioni di morti in Europa entro primavera»
La previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla base delle tendenze attuali
Uso di antibiotici ridotto del 15% in Europa nel 2020, ma aumentato negli ospedali dell’est. Il report ECDC
Un effetto "positivo" della pandemia è stata la riduzione dell'uso degli antibiotici in Europa, un passo importante nella lotta all'antibiotico-resistenza che spaventa scienziati e istituzioni. Negli ospedali dei paesi dell'est il consumo è però aumentato e sono stati individuati anche ceppi di resistenza agli antimicrobici di ultima generazione
Antibiotico-resistenza: un’emergenza sanitaria mondiale e nazionale
Le dimensioni de problema impongono più cautela nella prescrizione anche per gli antibiotici per uso topico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 dicembre, sono 265.871.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.256.038 i decessi. Ad oggi, oltre 8,17 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...