Mondo 29 Aprile 2019

L’antimicrobico resistenza causerà 10 milioni di morti l’anno. Il rapporto e le raccomandazioni dell’ONU

Le Nazioni Unite e le agenzie internazionali chiedono agli Stati di intervenire per invertire la rotta di quella che si preannuncia una crisi disastrosa

Immagine articolo

Stiamo per affrontare una crisi dagli effetti potenzialmente disastrosi. 10 milioni di morti l’anno, danni economici catastrofici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema. La causa di tutto questo? L’antimicrobico resistenza.

È quanto emerge da un nuovo rapporto “Non c’è tempo da perdere” pubblicato dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull’antimicrobico resistenza che, insieme a tutta l’ONU e alle agenzie internazionali, chiede un intervento «immediato, coordinato e ambizioso» per invertire la rotta.

«Riconoscendo l’interconnessione che lega uomini, animali, cibo e salute dell’ambiente – scrive l’Organizzazione Mondiale della Sanità in una nota – è necessario un approccio “One Health”. Il rapporto chiede quindi agli Stati di rendere prioritari i piani d’azione nazionali per aumentare gli sforzi finanziari e le conoscenze sul tema; di prevedere sistemi regolatori più rigidi e supportare un utilizzo più responsabile e prudente degli antimicrobici da parte dei professionisti che si occupano della salute degli uomini, degli animali e del pianeta; di investire in ricerche ambiziose e nello sviluppo di nuove tecnologie per combattere l’antimicrobico resistenza; di non utilizzare più antimicrobici particolarmente importante per favorire la crescita delle piante in agricoltura».

LEGGI ANCHE: RICETTA SANITARIA ELETTRONICA, GRILLO: «SIAMO I PRIMI IN EUROPA. COSI’ SI COMBATTE L’ANTIMICROBICO RESISTENZA E SI VALORIZZA IL RUOLO DEL VETERINARIO»

«Ad oggi, almeno 700mila persone muoiono ogni anno a causa di batteri che resistono ai farmaci – continua l’OMS -. Sempre più malattie comuni, come infezioni respiratorie, sessualmente trasmissibili o del tratto urinario, sono incurabili. Molte procedure mediche che salvano la vita stanno diventando più rischiose ed i nostri sistemi alimentari sono sempre più precari».

«L’antimicrobico resistenza è una delle principali minacce che la comunità globale deve affrontare – commenta Amina Mohammed, vicesegretario generale delle Nazioni Unite -. Questo rapporto riflette la profonda necessità di intervenire per fermarne la crescita e proteggere un secolo di progressi ottenuti nel campo della salute. Non c’è altro tempo da perdere».

«Siamo ad un punto critico e dobbiamo proteggere alcuni dei medicinali più essenziali che abbiamo – aggiunge Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS -. Le raccomandazioni concrete contenute da questo rapporto possono salvare migliaia di vite ogni anno».

«Gli antimicrobici sono necessari per salvaguardare la produzione, la sicurezza ed il commercio degli alimenti – conclude José Graziano da Silva, direttore generale della FAO (Food and Agriculture Organization) -, oltre alla salute umana ed animale. Gli Stati devono quindi prevedere sistemi alimentari e pratiche agricole sostenibili che riducano il rischio di resistenza antimicrobica per promuovere strade alternative percorribili».

Articoli correlati
Coronavirus, in farmacia crescita a tre cifre per la vendita di mascherine e igienizzanti per mani
Le vendite di mascherine hanno iniziato a crescere nella settimana del 20 gennaio, più che quadruplicando rispetto alla settimana precedente, passando da un fatturato di 42mila euro a 180mila euro
Antibiotico-resistenza, alla Camera mozione per contrasto. Nappi (M5S): «Fenomeno da arginare, approvare subito Ddl»
Il Governo viene impegnato, tra le altre cose, anche a un programma di formazione continua degli operatori sanitari sul tema e al contrasto della vendita illegale di prodotti antimicrobici
Coronavirus, i dati della Cina sono veri? Crescono i dubbi della comunità internazionale
Diversi studi ed esperti sostengono che il numero dei contagiati, in realtà, sarebbe molto più alto di quello ufficiale
Infermieri, il Campus Bio-Medico celebra l’anno internazionale con un video
Oggi in Italia mancano 30 mila infermieri e il fenomeno delle “cure perse” rischia di accentuarsi di anno in anno, incrementando fortemente il rischio di mortalità in ospedale. Si tratta degli interventi infermieristici necessari al paziente ma che – secondo la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche – vengono omessi, in primo luogo a causa della […]
Coronavirus, OMS: «Servono 675 milioni di dollari per rispondere all’emergenza»
Il direttore generale: «La mia preoccupazione principale è che in alcuni Paesi sono assenti le strutture che consentono di individuare le persone che hanno contratto l'infezione. È quindi necessario un supporto urgente ai sistemi sanitari più deboli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.248 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.768 mentre i morti sono 2.704. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...