Mondo 29 Aprile 2019 15:23

L’antimicrobico resistenza causerà 10 milioni di morti l’anno. Il rapporto e le raccomandazioni dell’ONU

Le Nazioni Unite e le agenzie internazionali chiedono agli Stati di intervenire per invertire la rotta di quella che si preannuncia una crisi disastrosa

L’antimicrobico resistenza causerà 10 milioni di morti l’anno. Il rapporto e le raccomandazioni dell’ONU

Stiamo per affrontare una crisi dagli effetti potenzialmente disastrosi. 10 milioni di morti l’anno, danni economici catastrofici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema. La causa di tutto questo? L’antimicrobico resistenza.

È quanto emerge da un nuovo rapporto “Non c’è tempo da perdere” pubblicato dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull’antimicrobico resistenza che, insieme a tutta l’ONU e alle agenzie internazionali, chiede un intervento «immediato, coordinato e ambizioso» per invertire la rotta.

«Riconoscendo l’interconnessione che lega uomini, animali, cibo e salute dell’ambiente – scrive l’Organizzazione Mondiale della Sanità in una nota – è necessario un approccio “One Health”. Il rapporto chiede quindi agli Stati di rendere prioritari i piani d’azione nazionali per aumentare gli sforzi finanziari e le conoscenze sul tema; di prevedere sistemi regolatori più rigidi e supportare un utilizzo più responsabile e prudente degli antimicrobici da parte dei professionisti che si occupano della salute degli uomini, degli animali e del pianeta; di investire in ricerche ambiziose e nello sviluppo di nuove tecnologie per combattere l’antimicrobico resistenza; di non utilizzare più antimicrobici particolarmente importante per favorire la crescita delle piante in agricoltura».

LEGGI ANCHE: RICETTA SANITARIA ELETTRONICA, GRILLO: «SIAMO I PRIMI IN EUROPA. COSI’ SI COMBATTE L’ANTIMICROBICO RESISTENZA E SI VALORIZZA IL RUOLO DEL VETERINARIO»

«Ad oggi, almeno 700mila persone muoiono ogni anno a causa di batteri che resistono ai farmaci – continua l’OMS -. Sempre più malattie comuni, come infezioni respiratorie, sessualmente trasmissibili o del tratto urinario, sono incurabili. Molte procedure mediche che salvano la vita stanno diventando più rischiose ed i nostri sistemi alimentari sono sempre più precari».

«L’antimicrobico resistenza è una delle principali minacce che la comunità globale deve affrontare – commenta Amina Mohammed, vicesegretario generale delle Nazioni Unite -. Questo rapporto riflette la profonda necessità di intervenire per fermarne la crescita e proteggere un secolo di progressi ottenuti nel campo della salute. Non c’è altro tempo da perdere».

«Siamo ad un punto critico e dobbiamo proteggere alcuni dei medicinali più essenziali che abbiamo – aggiunge Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS -. Le raccomandazioni concrete contenute da questo rapporto possono salvare migliaia di vite ogni anno».

«Gli antimicrobici sono necessari per salvaguardare la produzione, la sicurezza ed il commercio degli alimenti – conclude José Graziano da Silva, direttore generale della FAO (Food and Agriculture Organization) -, oltre alla salute umana ed animale. Gli Stati devono quindi prevedere sistemi alimentari e pratiche agricole sostenibili che riducano il rischio di resistenza antimicrobica per promuovere strade alternative percorribili».

Articoli correlati
I fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19?
È una domanda che chiunque abbia il vizio o l’abitudine a consumare sigarette si sarà fatto almeno una volta durante questo anno di pandemia. La risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Origine virus, team Oms a Wuhan: «Servono ulteriori studi, ma laboratorio ipotesi meno probabile»
Arriva il primo report della missione Oms in Cina per trovare l'origine della pandemia. Ancora molti gli interrogativi, ma l'ipotesi di laboratorio sembra la meno indicata
Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie
L'appello è stato firmato dai leader di 25 Paesi del mondo: «Rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali. Nessuno può farcela da solo»
Covid-19, l’OMS boccia l’idrossiclorochina: «Ricerca si concentri su altri farmaci»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità: «No ad uso in prevenzione: non evita l’infezione e non riduce ricoveri e decessi»
Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»
La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce "estremamente improbabile" l'origine in laboratorio, tornando sull'ipotesi zoonotica. Ma sull'animale ospite ci sono ancora dubbi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...