Salute 27 Maggio 2020

Indagine di sieroprevalenza Istat, 7mila italiani già contattati: 3 su 4 non accettano subito

L’appello del presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca: «Il numero è 06.5510, rispondete e sottoponetevi al test per il vostro Paese»

Il 60% degli italiani già chiamati dalla Croce Rossa per partecipare all’indagine di sieroprevalenza Istat ha chiesto di essere richiamato. Stenta a decollare, alla terza giornata, l’iniziativa gratuita del Ministero della Salute per mappare la situazione epidemiologica del Paese. I primi 7mila contattati (su 150mila coinvolti) mostrano una bassa percentuale di consensi immediati, anche se i dati stanno migliorando.

Oscilla tra il 20% e il 25% la percentuale di chi ha subito preso appuntamento con il laboratorio di riferimento con l’aiuto dei volontari della Croce Rossa Italiana, tra il 15% e il 18% chi invece ha rifiutato di sottoporsi al test sierologico. I restanti hanno chiesto maggiori informazioni o tempo per pensare. Molti non si sono fidati della procedura o hanno pensato a una truffa, ha riferito il presidente di Cri, Francesco Rocca.

LEGGI ANCHE: INDAGINE SIEROPREVALENZA, SPERANZA ALLA CROCE ROSSA: «CONOSCERE EPIDEMIA È IMPORTANTE PER AFFRONTARLA E VINCERLA»

«Mi aspettavo una certa resistenza e che le persone volessero sapere di più prima di fare il test sierologico – ha aggiunto – ma siamo molto ottimisti. Il nostro è un test approfondito con il prelievo venoso e non con il cosiddetto pungidito». Le chiamate arrivano dallo 06.5510 e da oggi si procederà anche a chiamare su cellulare. «Non è uno stalker – ha insistito Rocca – non è una truffa telefonica, ma è un servizio che potete rendere al vostro Paese».

È importante che le persone selezionate dall’Istat in prima istanza accettino nel numero più alto possibile di fare il test, così da rendere l’indagine uno strumento importante per la ricerca e per la gestione dell’emergenza Covid-19 in Italia. La selezione ha identificato un campione ben bilanciato per età, sesso, condizioni socio-economiche e stato di salute, includendo persone che sono state a contatto con il virus e non.

Il tutto è gestito in maniera anonima e tutelando la privacy del singolo, ha ricordato Rocca e il test viene effettuato anche a domicilio per persone con difficoltà. Chi risulterà positivo verrà poi sottoposto a tampone dalla propria regione di appartenenza. Se non ci saranno ritardi le analisi dovrebbero essere pronte nelle prossime tre settimane.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Covid, Gimbe: «+10 mila casi in una settimana. In cima Lazio e Campania, aumentano i ricoveri»
Il presidente della fondazione Gimbe Nino Cartabellotta invita a concentrarsi su testing & tracing, numeri in costante aumento da un mese
Covid, Consulcesi & Partners: «Boom di denunce contro i medici, via a task force per difesa categoria»
Secondo il procuratore aggiunto di Roma, sono cresciute le denunce di pazienti e familiari su presunta responsabilità medica per aver contratto il Covid-19. Da Consulcesi & Partners un aiuto per tutelare le ragioni degli operatori sanitari
Trattativa pensioni, Cignarelli (Codirp): «Utilizzare risorse del Recovery Fund per prepensionare lavoratori a rischio Covid»
Ai nostri microfoni, la Segretaria generale della Confederazione Dirigenti della Repubblica spiega cosa non sta andando ai tavoli di trattativa con il Ministero del Lavoro e quali sono le soluzioni per riformare il sistema (e prevedere maggiore flessibilità in uscita)
Intelligenza artificiale e medicina: «In Italia ancora troppo poche le competenze nel pubblico»
La rivista Nature fa il punto sulle procedure di clinical trial assistite da algoritmi. Caruso (AISDET): «Vedo rischi nell’uso dei fondi Recovery Plan»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...