Salute 24 Settembre 2021 12:56

I non sognatori? Non esistono. Il neurologo: «In realtà dimenticano il contenuto dei sogni»

In occasione della Giornata dei sogni che si celebra il 25 settembre, l’intervista a Luigi Ferini Strambi, direttore del centro di Medicina del Sonno: «Per aiutare la memoria onirica mettere un taccuino sul comodino e concedersi un risveglio lento»

di Isabella Faggiano

Qualcuno sogna ad occhi aperti, tutti sognano ad occhi chiusi. «Gli unici “non sognatori” sono coloro che hanno delle particolari lesioni al cervello, a causa delle quali hanno perduto la capacità di sognare». Ad assicurarlo, in occasione della Giornata dei Sogni che si celebra il 25 settembre di ogni anni, è Luigi Ferini Strambi, professore di neurologia all’università Vita e Salute San Raffaele di Milano e direttore del centro di Medicina del Sonno.

E allora perché ci sono delle persone incapaci di raccontare anche soltanto uno dei loro sogni? «Semplicemente perché non lo ricordano», spiega il docente.

Sogni e sonno Rem

Per capire la correlazione tra il sognare e la capacità di ricordarne il contenuto bisogna fare un passo indietro, lungo oltre mezzo secolo. Nel 1953 gli studiosi E. Aserinsky e N. Kleitman ipotizzarono un collegamento tra la fase Rem del sonno e i sogni, scoprendo che nell’80% dei casi i soggetti svegliati durante la fase Rem ricordavano un sogno.

«Tuttavia – sottolinea Ferini Strambi -, questa connessione non è poi così perfetta: anche un soggetto svegliato da una fase non Rem può essere in grado di raccontare un’attività mentale sperimentata durante il sonno. Potrà essere meno fantasiosa o fantastica di un sogno raccontato al risveglio dalla fase Rem, ma sarà pur sempre un’attività onirica».

A confermare questa possibilità c’è anche un’altra sperimentazione: «Se ad un soggetto viene represso farmacologicamente il sonno Rem, l’esperienza del sognare non verrà compromessa. Ancora, analizzando la percentuale di sonno Rem dei grandi sognatori, rispetto a coloro che dicono di non sognare, si scoprirà che non è poi così diversa».

Le interferenze

Studi, esperienze, dimostrazioni diverse tra loro, dalle quali si può comunque giungere ad una conclusione condivisa: «La correlazione tra sogno e sonno Rem esiste – sottolinea il professore -, ma il sonno Rem non è strettamente necessario affinché il sogno possa essere ricordato».

Esistono anche altri fattori in grado di compromettere la fissazione del ricordo di un sogno. «Chi si sveglia di soprassalto, per un rumore, il suono di una sveglia, ricorderà molto più difficilmente se e cosa stava sognando. Un passaggio brusco dallo stato di sonno ad un’attivazione corporea improvvisa, infatti, può inficiare sulla capacità di ricordare un sogno – spiega Ferini Strambi -. Al contrario, tengono meglio a mente il contenuto dei loro sogni i soggetti insonni o chi soffre di apnee notturne, soprattutto se i risvegli avvengono durante la fase Rem del sonno».

Come ricordare un sogno

Ma per “i non sognatori” (o meglio per coloro che credono di essere tali) una buona notizia c’è. «Mettere sul comodino un taccuino con una penna per annotare al risveglio o anche nel corso della notte qualche dettaglio di ciò che si stava sognando può stimolare il ricordo del sogno – assicura il neurologo -. Così come concedersi un risveglio lento: rimanere ancora un po’ nel letto dopo il suono della sveglia, in una condizione tra il sonno e la veglia, può facilitare l’emergenza del ricordo dell’attività onirica».

Il ruolo delle emozioni

Su questo mondo fantastico c’è ancora tanto da scoprire. «Dai racconti dei “sognatori” appare evidente che ci sia una connessione tra il vissuto del giorno prima o le ansie del giorno dopo e il contenuto dei sogni, ma stabilirlo con certezza, ad oggi, è impossibile. Di recente, è stata osservata la correlazione tra il sogno e l’attivazione della zona posteriore del nostro cervello: con un’attività cerebrale veloce il soggetto ricorda il sogno; al contrario, quando l’attività è lenta il soggetto non ricorda nulla. Una nuova evidenza che fa ipotizzare che la capacità di ricordare un sogno possa essere connessa, più probabilmente, ad un’attività metabolica, piuttosto che – conclude Ferini Strambi – ad emozioni specifiche».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Insonnia estiva: cause e rimedi di un disturbo che il Covid ha peggiorato
Sono oltre 18 milioni gli italiani che lamentano disturbi del sonno, in particolare durante l’estate
Il sonno e la sua evoluzione. Quando parliamo di insonnia?
La quantità di tempo che trascorriamo svegli e addormentati rispetto ai nostri antenati vedi le grandi scimmie e i lemuri potrebbe aver giocato un ruolo chiave nella nostra evoluzione. Nelle notti secche, i cacciatori-raccoglitori San (o Boscimani ) della Namibia dormono spesso sotto le stelle. Non hanno luci elettriche o nuove uscite di Netflix a tenerli svegli. Eppure, quando si svegliano al mattino, non hanno dormito più ore di un tipico abitante di città del Nord America o dell'Europa che è rimasto sveglio a guardare il proprio smartphone
di Stefano Piazza
Morte in culla, per la prima volta individuato un marcatore di rischio
Un studio australiano, condotto da una mamma in lutto, ha portato alla scoperta di un enzima legato alla morte in culla
Addio notti insonni, presto un farmaco che riduce le apnee notturne
Un farmaco già utilizzato contro il glaucoma e l'epilessia riduce le apnee notturne dal 40 al 60 per cento
World Sleep Day. Mencacci (psichiatra): «A rischio il sonno del 45% della popolazione mondiale»
Prima la pandemia, ora la guerra, lo specialista: «Il nostro sistema nervoso è in un continuo stato di ipervigilanza». Il 18 marzo si celebra, in tutto il mondo, la Giornata del Sonno. Per l’occasione l’AIMS, ha dato il via ad una maratona del sonno online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale