Salute 14 Giugno 2022 09:52

HIV, Icar 2022. Maggiolo (SIMIT): «Eradicazione lontana, ma le terapie long-acting sono il punto di svolta»

Lo specialista: «Durante l’ultimo anno sono calate le nuove diagnosi di HIV. Due le motivazioni: meno test in pandemia, ma anche maggiore efficacia delle terapie per la riduzione della trasmissione. Tuttavia, a livello globale, l’HIV è ancora un’epidemia»

Negli ultimi 12 mesi, in Italia, è diminuito il numero di nuovi casi di HIV. Ma è davvero una buona notizia? Gli esperti invitano a leggere i dati con cautela. «Le terapie di cui disponiamo attualmente sono senza dubbio efficaci e giocano un ruolo determinante nella riduzione della trasmissione dell’infezione, ma se durante la pandemia sono stati diagnosticati meno casi di HIV è anche perché sono stati eseguiti un minor numero di test -, spiega Franco Maggiolo, responsabile US Patologie HIV Correlate e Terapie Sperimentali, ASST Papa Giovanni XXIII -. L’HIV, a livello globale, è ancora un’epidemia. Lo è soprattutto nei Paesi più a sud del mondo, dove la situazione, del tutto fuori controllo, è ben lontana dagli obiettivi fissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità».

Icar

Ed è per non abbassare la guardia che, anche quest’anno, i maggiori esperti internazionali si sono dati appuntamento al Congresso ICAR, l’Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, punto di riferimento per la comunità scientifica in tema di HIV-AIDS, Epatiti, Infezioni Sessualmente Trasmissibili e virali. L’evento, giunto alla sua 14ª edizione e inaugurato il 14 giugno, proseguirà fino a giovedì 16 giugno, a Bergamo, presso il Centro Congressi Giovanni XXIII.

U=U: Undetectable=Untransmittable

Il Congresso ICAR 2022 rilancia anche l’evidenza scientifica: U=U, ovvero Undetectable=Untransmittable (Non rilevabile=Non trasmissibile). «Nonostante la Consensus Conference del 2019 abbia sancito l’evidenza scientifica dello U=U, ovvero che una terapia antiretrovirale assunta in modo corretto renda la viremia non più rilevabile nel sangue, lo stigma nei confronti dei malati di HIV è ancora molto evidente», aggiunge Franco Maggiolo che, con altri, presiede il Congresso Icar.

Lo stigma

Di strada da fare ce n’è ancora tanta: «Innanzitutto – aggiunge lo specialista – è necessario incrementare l’accesso ai test: molte persone preferiscono non farlo per non sapere, proprio per paura di sentirsi emarginate. In secondo luogo, andrebbe ripristinata la possibilità per il personale non medico, opportunamente formato, di eseguire i test. Ancora, si dovrebbe intervenire sulla profilassi pre-esposizione (PrEP), che permette di prevenire l’infezione, ma che in Italia non è ancora di facile accesso. La diffusione sul territorio italiano, infatti – spiega lo specialista -, non è uniforme, i costi sono differenti tra le regioni e soprattutto non rimborsabili. Ciò crea problemi ai soggetti che più ne avrebbero bisogno, come studenti, immigrati, sex workers».

Il Congresso in sintesi

Al Congresso ICAR sono previsti oltre mille tra specialisti e clinici, giovani ricercatori, infermieri, operatori nel sociale, volontari delle associazioni pazienti. Saranno assegnati 10 premi ai giovani ricercatori italiani con gli ICAR-CROI Awards 2022, gli Scientific Committee Awards e i SIMIT Special Awards. Vi sarà un coinvolgimento delle scuole superiori con RaccontART, il concorso artistico mediante il quale ICAR dedica particolare attenzione alle tematiche legate alla prevenzione e al coinvolgimento della società civile.

Sempre in tema di prevenzione, durante le giornate congressuali, ICAR darà la possibilità di effettuare gratuitamente il test per HIV, HCV e Sifilide. Quest’anno l’evento sarà arricchito anche dalla mostra “40 anni positivi. Dalla pandemia di AIDS a una generazione HIV free”, al Bergamo Science Center dal 2 al 15 giugno: «Documenti d’archivio, manifesti e installazioni raccontano la grande rivoluzione della terapia e lo sviluppo della ricerca scientifica, con il coinvolgimento dei movimenti di attivismo civile che hanno dato vita a una medicina partecipata e di prossimità», dice Maggiolo.

Covid e HIV, lo studio italiano

Le persone con HIV stabilmente curate e con una buona risposta viro-immunologica non si sono rivelate maggiormente esposte ad acquisire l’infezione, ad avere una malattia grave né a morire a causa del Covid: lo dimostra uno studio italiano presentato in occasione del Congresso ICAR. «Questo ricerca, relativa alla fase in cui non erano disponibili i vaccini, prende in considerazione 155 casi di persone con HIV e con infezione da Covid-19 confrontati con altre 360 con HIV che il Covid non l’hanno avuto. Nessuna delle caratteristiche dell’HIV correlava col rischio di acquisire il Covid.

Le variabili che favorivano il contagio e la gravità dell’infezione erano l’età più avanzata e la presenza di diabete. Rispetto al rischio di decesso, le uniche due variabili correlate erano l’insieme delle comorbidità e dei valori di cellule CD4 all’ultima misurazione più bassi. Nonostante quest’ultimo elemento possa far pensare all’immunodepressione da AIDS, non si rileva comunque un nesso tra le due infezioni.

Inoltre, circa il 20% delle persone con HIV ha avuto un’infezione da Sars-CoV-2 totalmente asintomatica; quindi, molte misurazioni sono anche falsate dal mancato conteggio di queste infezioni. A Bergamo – racconta Maggiolo – sono state identificate 26 persone con HIV che hanno avuto Covid: un terzo era totalmente asintomatico, gli altri hanno avuto una malattia paucisintomatica, durata 3 giorni, con sintomi simil-influenzali come febbre, tosse, mialgie, faringite, raffreddore importante. Pertanto, in questo momento nei pazienti HIV la quarta dose non è fondamentale. Diverso sarà il discorso in autunno, quando un nuovo vaccino, forse un booster bivalente covid-omicron, sarà raccomandato per gran parte della popolazione».

Le ultime novità della ricerca

«Siamo senza dubbio ancor lontani dall’eradicazione dell’infezione – continua Maggiolo -, ma la ricerca scientifica non ha mai smesso di investire tempo e risorse per il raggiungimento di questo obiettivo. Tanto che, non possono essere considerati affatto secondari gli ultimi successi ottenuti dagli scienziati. È grazie a loro se oggi disponiamo delle terapie long-acting, che possono servire sia per il trattamento, che per la prevenzione. Somministrati per via iniettiva hanno una durata che può arrivare fino a due mesi. Ora, i riflettori della ricerca sono puntati su una serie di farmaci, che pur essendo ancora in fase di sperimentazione, ci permetteranno presto di migliorare la qualità della vita anche di quei pazienti che ancora oggi – conclude l’esperto – non rispondono in maniera ottimale alle terapie attualmente in uso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Hiv: donne ancora sottorappresentate negli studi clinici. L’efficacia della terapia B/F/TAF
Nonostante siano più esposte all’infezione e la medicina di genere indichi che le caratteristiche sesso-specifiche giochino un ruolo importante nella gestione della patologia, le donne sono ancora sottorappresentate negli studi clinici sull’HIV. Tuttavia, negli ultimi anni, si stanno conducendo analisi e indagini specifiche sulla popolazione femminile, che confermano l’efficacia terapeutica della combinazione bictegravir/emtricitabina/tenofovir alafenamide (B/F/TAF) in tutte le fasce di età della vita di una donna
di Marco Landucci
HIV: via a studio su prima “pellicola” vaginale mensile per prevenire i contagi nelle donne
Un nuovo studio, condotto negli Stati Uniti e in Africa Subsahariana, mira a testare la fattibilità e l'accettabilità di un film vaginale progettato per sciogliersi gradualmente in 30 giorni, come possibile metodo di prevenzione dell'HIV per le donne
Lotta all’HIV, arriva il supporto dei medici di famiglia per scovare il sommerso
«Si stima che in Italia ci siano circa 10mila persone inconsapevoli di essere infette dal virus dell’HIV. Il Medico di famiglia è impegnato nell’emersione del sommerso e nel seguire i pazienti in trattamento, visto che l’aspettativa di vita si è notevolmente allungata» sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Patologie Acute
Co-infezione di Covid-19, Hiv e vaiolo delle scimmie per un 36enne italiano
Il primo caso di co-infezione da Covid-19, Hiv e monkeypox segnalato in letteratura riguarda un 36enne siciliano che ha accusato vari sintomi di ritorno da un viaggio in Spagna. A descriverlo i ricercatori di Catania e Palermo in un articolo apparso sul Journal of Infection
Usa: uomo guarisce da HIV, è il quarto caso al mondo
In California un uomo di 66 anni, sieropositivo da oltre 40 anni, non presenta alcuna traccia del virus dell'HIV. È in remissione da 17 mesi senza terapia antiretrovirale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...