Salute 10 Novembre 2020 13:29

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell’Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copertura immunitaria così grande da creare il deserto intorno al virus, attaccandolo con tutti gli strumenti possibili contemporaneamente in tutto il mondo»

di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

«Siamo ricercatori che hanno lunga esperienza con la prevenzione dell’HIV/AIDS, in termini di vaccini e terapie; e alcuni di noi hanno anche esperienza con Ebola. Crediamo che sia veramente importante costruire la nostra risposta alla pandemia da Covid-19 sulle lezioni apprese dalle pandemie di HIV e dai recenti casi di Ebola». Comincia così una lettera firmata da 10 clinici e apparsa sul prestigioso New England Journal of Medicine. Il SARS–CoV–2 che è responsabile dell’attuale fase pandemica è pericoloso, insidioso e sta cambiando il volto del pianeta; ma a parte questo rimane un virus e non è il primo virus contro cui l’umanità si trova a lottare. Qualcosa, dicono i ricercatori del NEJM, dalle precedenti esperienze possiamo mettere a frutto. In questi termini abbiamo in effetti discusso con Stefano Vella, infettivologo, docente di Salute Globale e già direttore del Centro per la Salute Globale all’Istituto Superiore di Sanità di Roma, uno dei principali esperti di HIV/AIDS in Italia.

Professor Stefano Vella, come commenta il parallelo, proposto dall’intervento del NEJM, fra coronavirus e HIV?

«Possiamo iniziare dicendo che anche l’epidemia da HIV deriva da un salto di specie che il virus ha fatto quasi un secolo fa, dalle scimmie. Per questo io penso ci sia stato un colpevole ritardo nella dichiarazione della pandemia, scoppiata a gennaio e ufficializzata a marzo: per chi doveva capire, per gli esperti della materia, tutto doveva essere già comprensibile. Sa quale è il problema? Che ci siamo fidati della SARS».

Che intende?

«Anche in quel caso si trattava di un coronavirus che fece il “salto” dagli animali. Ma era talmente cattivo, talmente patogeno che non veniva trasmesso tramite agli asintomatici. Per intenderci: il tasso di mortalità era talmente alto che non c’erano proprio, gli asintomatici. Chi lo prendeva, moriva. Stessa cosa per l’Ebola: era talmente patogeno che non permetteva la propria autodiffusione. Ed è proprio per questo che si è, per così dire, suicidato: i microrganismi che vedono la loro esistenza crescere nei millenni sono quelli che instaurano con l’ospite un rapporto, per così dire, mutuale, amichevole. Questo coronavirus è in effetti proprio così, e in questo è simile all’HIV/AIDS».

Che si trasmette anche attraverso gli asintomatici.

«Per l’appunto. Viene trasmesso dalle persone che inconsapevolmente lo trasmettono. Altro punto di contatto è che per HIV non c’è un vaccino, oggi sappiamo che servono un insieme di misure di prevenzione. Il profilattico? Da solo non poteva funzionare, bisognava essere meno promiscui, bisognava scovare i sieropositivi. Sappiamo oggi che un sieropositivo se trattato con i farmaci anti-HIV non trasmette il virus. Come allora, anche oggi abbiamo tardato: come fai a combattere contro un virus che non sai dov’è? I Paesi che hanno risposto meglio alla pandemia sono quelli che hanno fatto test a dieci milioni di persone in una settimana. Oggi sappiamo invece che il contact tracing è impossibile, abbiamo 30-40 mila casi accertati al giorno, ognuno di noi vede 10 persone al giorno, fosse anche il benzinaio, il panettiere; fanno 400 mila persone al giorno e testare tutti è semplicemente impossibile».

 Quali sono le principali speranze per la terapia di SARS–CoV–2?

«Io sono convinto che il vaccino arriverà e sarà un vaccino a immunità persistente, sarà un buon vaccino che indurrà una buona risposta immunitaria. Ma fino a quel momento, la prevenzione dovrà passare ancora, per qualche mese direi, dalle misure che ormai conosciamo: distanziamento, mascherine e lockdown. Sono le uniche cose che hanno dimostrato di poter funzionare con impatto importante. Se un lockdown non è pensabile per gli impatti che avrebbe, dobbiamo pensare a misure alternative e combinate. Il nostro obiettivo è quello di avere una copertura immunitaria così grande da ammazzare il suo modo di vivere, che è quello di trasmettersi, trovare per ogni ospite un altro ospite che gli consenta di sopravvivere. Quando SARS–CoV–2 inizierà a non poter avere più cibo, sarà in difficoltà, e morirà. Dobbiamo affamarlo e per affamarlo bisogna creare una barriera. Per creare questa barriera, serve del tempo».

Secondo lei di che tempi stiamo parlando?

«Basta vedere ad esempio quali siano i problemi, a tutt’oggi, per avere il vaccino antinfluenzale e antipneumococco. C’è un problema di disponibilità e di distribuzione. Quando arriverà il vaccino per il Covid-19 bisognerà, e questo è noto, decidere a quali fasce darlo per prime: ci saranno i sanitari e gli anziani, poi le forze dell’ordine, le categorie fragili, i malati cronici, i soggetti con insufficienza respiratoria. SARS–CoV–2 non deve trovare alcuna porta di ingresso a disposizione, dobbiamo creargli il deserto intorno. Anche per questo dovremo continuare a portare mascherine e a fare distanziamento nonostante venga messo in produzione il vaccino. Dovremo poi contare sugli anticorpi monoclonali, che come è noto sono molto costosi, delle sorte di bombe al napalm a uso singolo, a persone molto esposte. Un’altra cosa che ci insegna HIV è che non basta alzare dei muretti per fermare l’epidemia».

Quali muretti?

«Intendo, le piccole barriere fra gli stati che si vedono alzare nel dibattito giornalistico. Il virus deve essere attaccato con tutti gli strumenti possibili in tutte le parti del mondo contemporaneamente, è solo così che ce la faremo. Noi abbiamo messo in seria difficoltà HIV anche perché a partire dal 2000 abbiamo agito con decisione in Africa dove nei primi anni del millennio di AIDS si moriva a valanga. Abbiamo creato un fondo finanziario internazionale che si occupa di combattere HIV laddove non si hanno risorse a sufficienza, dove servono test, farmaci, cure. HIV ci ha insegnato che il problema delle disuguaglianze nell’accesso ai farmaci non è sottovalutabile e che nessun Paese si può salvare da solo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Hiv: donne ancora sottorappresentate negli studi clinici. L’efficacia della terapia B/F/TAF
Nonostante siano più esposte all’infezione e la medicina di genere indichi che le caratteristiche sesso-specifiche giochino un ruolo importante nella gestione della patologia, le donne sono ancora sottorappresentate negli studi clinici sull’HIV. Tuttavia, negli ultimi anni, si stanno conducendo analisi e indagini specifiche sulla popolazione femminile, che confermano l’efficacia terapeutica della combinazione bictegravir/emtricitabina/tenofovir alafenamide (B/F/TAF) in tutte le fasce di età della vita di una donna
di Marco Landucci
HIV: via a studio su prima “pellicola” vaginale mensile per prevenire i contagi nelle donne
Un nuovo studio, condotto negli Stati Uniti e in Africa Subsahariana, mira a testare la fattibilità e l'accettabilità di un film vaginale progettato per sciogliersi gradualmente in 30 giorni, come possibile metodo di prevenzione dell'HIV per le donne
Nuove pandemie, Vella (Cattolica): «Attenzione all’influenza umana, potrebbe essere prossima emergenza»
Per il docente di Salute Globale alla Cattolica tanti i virus su cui dobbiamo vigilare, dal Marburg a Zika. Poi Elogia il modello Intersos adottato per portare i vaccini in zone di guerra come Nigeria e Yemen. Al Pandemic fund creato dal G20 arrivati oltre 850 progetti: «Potremo lavorare per rafforzare i sistemi sanitari dei paesi del sud del mondo anche se i fondi sono limitati»
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Lotta all’HIV, arriva il supporto dei medici di famiglia per scovare il sommerso
«Si stima che in Italia ci siano circa 10mila persone inconsapevoli di essere infette dal virus dell’HIV. Il Medico di famiglia è impegnato nell’emersione del sommerso e nel seguire i pazienti in trattamento, visto che l’aspettativa di vita si è notevolmente allungata» sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Patologie Acute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...