Salute 21 Aprile 2022 12:49

Giulio Gaetani, campione di scherma con diabete, racconta la sua battaglia per entrare nei gruppi sportivi militari

Lo scorso 6 aprile ha preso parte ad un incontro con società scientifiche, associazioni di pazienti, il sottosegretario Valentina Vezzali e l’onorevole Roberto Pella per cercare di superare l’ostacolo. «È un punto di partenza per trovare la soluzione migliore per riuscire a cambiare il sistema. Se così fosse, sarebbe una grande svolta»

È stato campione del mondo under 20 di spada, il primo pugliese a vincere il titolo italiano under 14, oggi è nella squadra nazionale di scherma; eppure, Giulio Gaetani classe 2000 ha il diabete di tipo 1 diagnosticato all’età di due anni. «La malattia nel quotidiano è facile da gestire, soprattutto per me che sono diabetico da vent’anni – spiega Giulio – occorre fare quattro insuline al giorno e poi piccole correzioni in base all’andamento della glicemia». Differente il discorso in ambito sportivo dove occorre eseguire un monitoraggio costante, ma che a Gaetani, schermitore dall’età di otto anni, non pesa più. «Ho iniziato a praticare questo sport da bambino – racconta – gestire il diabete durante le prime gare è stato difficile, ma con l’esperienza oggi so quali devono essere i livelli di glicemia per riuscire ad affrontare la prova nel migliore dei modi. Grazie al cerotto freestyle riesco a controllare la glicemia attraverso una app posizionata sul telefono al termine di ogni stoccata e quindi decido se è necessaria una correzione con una dose di insulina o di cibo».

Campioni sì, ma non abilitati per i gruppi sportivi militari

Oggi però ad un atleta agonista con il diabete è preclusa la possibilità di far parte di gruppi sportivi militari nei corpi di stato. Una chiusura che significa nessun contratto e una vita da dilettante in un mondo di professionisti, una discriminazione contro la quale Giulio si sta battendo come fa ogni qual volta è contro un avversario. «Una falla del sistema che significa da un punto di vista economico l’impossibilità di percepire uno stipendio – spiega – e una sorta di discriminazione insensata perché a livello politico abbiamo meno potere pure dei paralimpici che, invece, dallo scorso anno possono far parte dei gruppi sportivi».

Un passo avanti per superare l’ostacolo

Una sorta di limbo da cui gli atleti diabetici, capitanati da Giulio Gaetani e da Anna Arnaudo, campionessa europea di corsa campestre e azzurra di atletica leggera, stanno cercando di uscire supportati dalla società italiana di diabetologia, dall’associazione medici diabetologi con i loro presidenti Agostino Consoli e Graziano Di Cianni.  Lo scorso 6 aprile ha incontrato il sottosegretario con delega allo sport Valentina Vezzali e l’onorevole Roberto Pella. «È stato un primo incontro conoscitivo, un punto di partenza fino a pochi mesi fa neppure immaginabile, ora stiamo lavorando per trovare la soluzione migliore per riuscire a cambiare il sistema. Se così fosse, sarebbe una grande svolta».

Con Anna Arnaudo testimonial per i colleghi con diabete

Come testimonial di questa campagna Giulio lancia un messaggio a tutti gli atleti che vivono di sport con il diabete, affinché non perdano mai la voglia di lottare «Voglio ringraziare Anna Arnaudo atleta nazionale che con me condivide questa battaglia, il diabete è una malattia comune in crescita, perciò fare sport sia a livello amatoriale che agonistico fa bene e aiuta psicologicamente. Io so che devo dare sempre un po’ di più per essere considerato come gli altri, i primi tempi ero triste, ora invece questo limite mi carica e dà la forza per fare sempre meglio e per ottenere il massimo da quello che faccio perché so che purtroppo nulla è scontato e devo fare tre volte di più di quello che devono fare gli altri per dimostrare di essere valido come gli altri se non di più».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Talent Identification cycling Camp, in Toscana per scoprire giovani talenti del ciclismo con diabete
Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete, ha convocato 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo per misurare le loro capacità sportive ma anche per valutare la loro tenuta psicologica e scegliere i campioni di domani
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali