Salute 8 Aprile 2019

Giovani e tabacco, alleanza scuola-salute. Coppo (psicologo): «Fondamentali le politiche sui prezzi dei prodotti»

Il 20.7% dei giovani fuma sigarette correntemente e 8 ragazzi su 10 sono esposti a fumo passivo fuori casa (dati indagine GYTS). La promozione della Salute tra i giovani passa anche per la scuola, necessari interventi di prevenzione e promozione della vita senza tabacco.

di Lucia Oggianu

I dati

Secondo i dati dell’indagine GYTS su 1854 studenti di età compresa tra i 13 e i 15 anni in Italia, il 20,7% degli studenti fuma sigarette correntemente; il 7,3% fuma ogni giorno e 8 ragazzi su 10 sono esposti a fumo passivo fuori casa. Davvero poco utile la diffusione di distributori automatici, facili da aggirare, e ancora molto elevata la vendita diretta ai minori, nonostante il rigido divieto.

Collaborare per lo sviluppo di un approccio globale, una visione integrata in cui si combinano interventi di contesto e cambiamenti a livello individuale e collettivo. Un obiettivo importante che prevede la sorveglianza come strumento fondamentale per orientare programmi di prevenzione considerando che il benessere fisico, mentale e psicologico facilita il processo di apprendimento e viceversa. Ma quali interventi sono efficaci per ridurre il fumo di sigaretta tra le giovani generazioni?

«Ci sono diversi interventi che sono stati realizzati a livello italiano – spiega ai nostri microfoni Alessandro Coppo, dipartimento di Medicina Traslazionale dell’Università degli Studi del Piemonte orientale – sicuramente le politiche sui prezzi hanno ancora un potenziale da esprimere perché l’innalzamento dei prezzi sui prodotti del tabacco ha un effetto certo sulla gestione del fumo ma gli interventi in ambito scolastico sono ancora rari e poco diffusi. Ci sono però diverse tipologie di intervento disponibili in letteratura, che hanno dimostrato essere validi e che andrebbero intrapresi per garantire una copertura».

Gli interventi più validi

«Ci sono diversi interventi che hanno a che fare con la denormalizzazione – ci spiega il dottor Coppo – i divieti di fumo hanno sicuramente avuto grandi effetti, sono partiti dagli anni ’70 e proseguono ancora adesso perché sono sempre in aumento i luoghi dove non si fuma e questo crea un effetto di denormalizzazione che ha un grosso impatto».

Articoli correlati
Ricerca, il bando delle Fondazioni bancarie per attrarre in Italia giovani talenti
Sono oltre 25mila i laureati italiani che ogni anno lasciano l’Italia per trovare lavoro all’estero. E il nostro Paese va anche malissimo sul fronte dell’attrattività dei talenti: nell’indice Ocse siamo al 32° posto su 36. I cervelli fuggono, i talenti non arrivano. Per concorrere a contrastare quest’ultimo fenomeno e promuovere la ricerca scientifica e le […]
Tecnologici, informati e caparbi: ecco i giovani della sanità. Nasce “Punto Giovani”, la nuova video-rubrica di Sanità Informazione
Da oggi Sanità Informazione fa il "punto" su un tema molto delicato: i giovani. Studenti, neo-medici, professionisti sanitari e farmacisti alle prese con sogni e incubi della vita professionale
Vaccini, ultimi giorni per mettersi in regola. Genitori inadempienti rischiano multe e affievolimento della resposabilità
Il 31 ottobre, secondo la legge Lorenzin, è infatti il termine ultimo entro il quale i dirigenti scolastici sono tenuti a comunicare alla Asl le classi con più di due minori non vaccinati
Violenza, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa infermieri contro le aggressioni»
L’80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L’11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie»
E-cig, Rosastella Principe (pneumologa): «Acquistare solo da rivenditori autorizzati. È una moda pericolosa tra i giovani»
«Esistono studi che hanno evidenziato sostanze cancerogene sia nelle e-cig che in quelle a tabacco riscaldato: aldeidi, metalli e altri elementi irritanti. Le sigarette elettroniche non sono prive di rischi e non possono essere considerate innocue». Così la Responsabile del Centro per la prevenzione e la terapia del tabagismo dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...