Salute 8 Aprile 2019

Giovani e tabacco, alleanza scuola-salute. Coppo (psicologo): «Fondamentali le politiche sui prezzi dei prodotti»

Il 20.7% dei giovani fuma sigarette correntemente e 8 ragazzi su 10 sono esposti a fumo passivo fuori casa (dati indagine GYTS). La promozione della Salute tra i giovani passa anche per la scuola, necessari interventi di prevenzione e promozione della vita senza tabacco.

di Lucia Oggianu

I dati

Secondo i dati dell’indagine GYTS su 1854 studenti di età compresa tra i 13 e i 15 anni in Italia, il 20,7% degli studenti fuma sigarette correntemente; il 7,3% fuma ogni giorno e 8 ragazzi su 10 sono esposti a fumo passivo fuori casa. Davvero poco utile la diffusione di distributori automatici, facili da aggirare, e ancora molto elevata la vendita diretta ai minori, nonostante il rigido divieto.

Collaborare per lo sviluppo di un approccio globale, una visione integrata in cui si combinano interventi di contesto e cambiamenti a livello individuale e collettivo. Un obiettivo importante che prevede la sorveglianza come strumento fondamentale per orientare programmi di prevenzione considerando che il benessere fisico, mentale e psicologico facilita il processo di apprendimento e viceversa. Ma quali interventi sono efficaci per ridurre il fumo di sigaretta tra le giovani generazioni?

«Ci sono diversi interventi che sono stati realizzati a livello italiano – spiega ai nostri microfoni Alessandro Coppo, dipartimento di Medicina Traslazionale dell’Università degli Studi del Piemonte orientale – sicuramente le politiche sui prezzi hanno ancora un potenziale da esprimere perché l’innalzamento dei prezzi sui prodotti del tabacco ha un effetto certo sulla gestione del fumo ma gli interventi in ambito scolastico sono ancora rari e poco diffusi. Ci sono però diverse tipologie di intervento disponibili in letteratura, che hanno dimostrato essere validi e che andrebbero intrapresi per garantire una copertura».

Gli interventi più validi

«Ci sono diversi interventi che hanno a che fare con la denormalizzazione – ci spiega il dottor Coppo – i divieti di fumo hanno sicuramente avuto grandi effetti, sono partiti dagli anni ’70 e proseguono ancora adesso perché sono sempre in aumento i luoghi dove non si fuma e questo crea un effetto di denormalizzazione che ha un grosso impatto».

Articoli correlati
Palermo, le manovre di primo soccorso si imparano a scuola
Gli studenti del quarto e quinto anno del liceo scientifico Cannizzaro di Palermo saranno addestrati alle manovre di primo soccorso grazie ad un protocollo d’intesa siglato tra l’Ordine dei medici di Palermo, gli assessorati regionali della Salute e della Formazione professionale e l’Istituto scolastico del Capolugo. E’ partito il percorso di training (Blsd-Basic life support […]
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Vaccini, Zingaretti: «Proposta di legge nel Lazio per tutelare e garantire accesso scolastico a bambini immunodepressi»
Il Presidente della Regione: «E’ una questione di civiltà. La proposta di Legge passa ora all’esame del Consiglio regionale per l’approvazione definitiva». «Raggiunto risultato straordinario in coperture vaccinali, ora mantenere alta attenzione a tutela della salute dei più piccoli» precisa l'Assessore D’Amato
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Giornata Autismo, Sogos (neuropsichiatra): «Un bambino ogni 59 è autistico. SSN non riesce a rispondere all’aumento dei casi»
“Light It up the Blue”: per la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull'Autismo il mondo si tinge di blu, da Palazzo Montecitorio, all’Empire State Building di New York, fino al Cristo Redentore di Rio de Janeiro. Con l’hastag #sfidAutismo19 l'organizzazione Autism Speaking sensibilizza la popolazione e raccoglie fondi
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...