Salute 28 Aprile 2020 09:43

Giornata mondiale vittime amianto, Contu (Aiea): «Posticipare la fase 2 per gli esposti all’asbesto»

Il segretario nazionale dell’Associazione italiana esposti amianto: «La maggior parte di queste persone soffre di interstiziopatie polmonari che aumentano il rischio di mortalità in caso di contatto con il Covid-19. Urgente attivare protocolli speciali di sorveglianza»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale vittime amianto, Contu (Aiea): «Posticipare la fase 2 per gli esposti all’asbesto»

«Per gli esposti all’amianto il lockdown deve continuare».  È questo l’appello di Sabina Contu, segretario nazionale Aiea, l’Associazione italiana esposti amianto, in occasione della Giornata mondiale dedicata alle vittime dell’amianto. «La maggior parte di queste persone soffre di interstiziopatie polmonari che aumentano il rischio di mortalità in caso di contatto con il Covid-19».

In Italia, stando agli ultimi dati diffusi dalla Società italiana di medicina ambientale (Sima), 6mila persone all’anno continuano a morire per l’amianto. Nel mondo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, sono 125 milioni gli esposti a questo minerale, tutti individui che rischiano di  ammalarsi soprattutto di tumore polmonare (mesotelioma pleurico), ma anche laringeo e ovarico.

«Si tratta di persone che hanno già pagato duramente per aver lavorato nelle industrie chimiche e petrolchimiche, ma anche nell’edilizia e in altre attività, in presenza di amianto, senza le necessarie tutele e precauzioni – continua Contu -. Per questo, chiediamo che venga attivato con urgenza un protocollo di sorveglianza specificoche consenta lo screening per il Covid-19 in tempi rapidi di tutti gli esposti all’amianto d’Italia, affinché vengano individuate le eventuali positività e presi i necessari provvedimenti, per limitare ulteriori gravi conseguenze».

LEGGI ANCHE: AMIANTO, IN ITALIA ANCORA 6MILA MORTI L’ANNO. MIANI (SIMA): «OCCORRE INVESTIRE SULLE BONIFICHE, 2400 SCUOLE A RISCHIO»

Il tumore più diffuso tra gli esposti all’amianto è il mesotelioma, lesione che nasce dalle cellule del mesotelio (rivestimento della parete interna di torace, addome e lo spazio intorno al cuore). «Le piccole fibre di amianto che si depositano nei polmoni – commenta il segretario nazionale Aiea – possono dare origine ad altre malattie come, per esempio, l’asbestosi (sorta di cicatrici nel tessuto polmonare che impediscono la corretta espansione dell’organo) o il tumore polmonare. È importante sottolineare che, tra la prima esposizione all’amianto e l’insorgenza del mesotelioma, possono trascorrere fino a quarant’anni. Il rischio di ammalarsi, purtroppo,  non diminuisce una volta eliminata completamente l’esposizione, ma rimane costante per tutta la vita».

Considerando che in Italia la prima legge che ha bandito definitivamente l’utilizzo dell’amianto risale al primi anni ’90 (Legge 257 del 1992) e che le bonifiche non sono state tempestive, molte persone continueranno ad ammalarsi ancora per decine di anni. Ed è proprio per tutti coloro che sono stati esposti all’amianto negli anni passati che le misure per l’emergenza Covid-19 dovrebbero essere personalizzate: «Per loro l’inizio della fase 2 dovrebbe essere prorogato – sottolinea  Contu -. Il distanziamento sociale è sicuramente, ad oggi, in assenza di cure o di un vaccino, la misura di prevenzione migliore. Tanto che gli esposti all’amianto dovrebbero continuare a restare in casa anche dopo l’allentamento delle restrizioni previste nei prossimi giorni e, contemporaneamente, dovrebbero essere sottoposti ad un’attenta sorveglianza».

Una richiesta, quella dell’Aiea, che troverebbe già la strada spianata: «Il ministero della Salute – spiega Contu – durante i primi giorni del mese di aprile ha emanato una circolare in cui si invitano le regioni ad individuare dei protocolli ad hoc, nell’ambito dell’emergenza Coronavirus, per tutti coloro che soffrono di patologie polmonari. Sarebbe sufficiente aggiungere un paragrafo dedicato agli esposti all’amianto». Anche individuare tutti i soggetti da “sorvegliare” sarebbe piuttosto semplice: «In ogni Regione – aggiunge il segretario nazionale Aiea – è presente il Registro Esposti Amianto (ai sensi della legge regionale 22 del 2005), documento che permetterebbe di intercettare in modo rapido tutti coloro da sottoporre a screening preventivi. La sorveglianza potrebbe essere affidata al Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPRESAL), istituti che in ogni regione – conclude – sono incaricati alla vigilanza attiva degli esposti all’amianto, attraverso  protocolli sanitari specifici che prevedono già l’uso di tamponi e test sierologici».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco