Salute 15 Ottobre 2021 16:19

Giornata mondiale dell’alimentazione, il paradosso: «Prendo l’ascensore, uso l’auto, ma mangio light»

Con Silvia Migliaccio, nutrizionista, un’analisi del paradosso del nostro secolo: «Ricerchiamo cibi senza grassi e senza zuccheri, ma siamo “sedentary behavior”, ovvero preferiamo le attività sedentarie a quelle motorie»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dell’alimentazione, il paradosso: «Prendo l’ascensore, uso l’auto, ma mangio light»

Grassi zero e zero zuccheri: troppo spesso più che prestare attenzione agli ingredienti in etichetta, per assicurasi che siano sani, ci si preoccupa che siano accuratamente privati di grassi e zuccheri in eccesso. «Un atteggiamento tanto diffuso, quanto paradossale, se si considera che il tasso di sovrappeso e obesità in età adulta e nell’infanzia è in continua ascesa», commenta Silvia Migliaccio, professore associato in Scienze tecniche mediche applicate all’Università di Roma “Foro italico”, docente Ecm Consulcesi e segretario generale della SISA (Società italiana di Scienze dell’Alimentazione), in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione, che si celebra ogni anno il 16 ottobre.

Il secolo della sedentarietà

«Una problematica – sottolinea la specialista – collegata soprattutto alla sedentarietà». Un atteggiamento così diffuso nel nostro secolo da aver meritato anche la coniazione di un termine ad hoc: sedentary behavior (stile di vita sedentario). «Due parole – spiega Migliaccio – utilizzare per riassumere quel comportamento, sempre più diffuso tra la popolazione, di preferire un’attività sedentaria ad una motoria, come un film al cinema (magari accompagnato da pop corn e bevande zuccherate), piuttosto che una passeggiata al parco».

Confortevole non significa salutare

Anche i confort del mondo contemporaneo possono compromettere la forma fisica: «L’ascensore, l’automobile, le case riscaldate che ci inducono ad un minor dispendio energetico per mantenere la cosiddetta termoregolazione, fino alle giornate  frenetiche che lasciano poco spazio all’attività fisica – spiega la nutrizionista – sono tutte abitudini, consolidate tra la popolazione, che contribuiscono all’aumento di sovrappeso e obesità. Lo stesso accade anche tra i più piccoli che trascorrono più tempo attaccati a tv, tablet e pc, piuttosto che all’aria aperta, in palestra o in piscina».

Light si o no?

E sarà complice anche l’impossibilità di potersi allenare nel modo adeguato, di non avere mai abbastanza tempo, se il light e il “senza grassi” sono sempre più moda. Ma questa tendenza è un bene o un male per la salute? «In alcune condizioni può essere utile per abbassare la quantità di calorie introdotte quotidianamente, sempre che non diventi un’ossessione. Spesso – dice Migliaccio – basta diminuire di poco le quantità di alimenti non light per ottenere lo stesso risultato che si avrebbe con prodotti senza grassi». Attenzione anche alle quantità: «Può accadere che, convinti che il light non faccia ingrassare, si introduca una quantità di cibi talmente elevata da superare ugualmente il numero delle calorie giornaliere consigliate».

Prodotti chimici solo se necessari

L’uso eccessivo di dolcificanti non naturali, dosi smodate e per lungo tempo, possono dare origine anche a problemi gastrointestinali. «In assenza di patologie che ne rendano necessario l’utilizzo – sottolinea Migliaccio – è sempre meglio non utilizzare dolcificanti composti da sostanze chimiche, preferendo quelli naturali in quantità più limitate».

Scelta consapevole o ossessione?

Anche le scelte alimentari, al pari di tutte le altre, se caratterizzate da ossessività possono rappresentare un campanello di allarme di eventuali disturbi o patologie. «Un uso eccessivo o esclusivo di alimenti senza grassi o senza zuccheri dovrebbe indurre ad un’analisi più accurata delle abitudini dell’individuo in questione, per capire se possa soffrire (o se ne sia rischio) di disturbi del comportamento alimentare, sia in difetto che in eccesso. In generale – conclude – le persone normopeso non dovrebbero preferire il consumo di alimenti light».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più
Ione Acosta, giovane trainer dei vip: «Anche per l’allenamento più strutturato è sufficiente mezz’ora affinché il corpo possa beneficiarne senza subirne lo stress»
di Isabella Faggiano
La dieta della tiroide, ecco gli alimenti consigliati e quelli da evitare
Nell’intervista a Sanità Informazione, l’endocrinologa Serena Missori spiega quali sono i cibi che aiutano la tiroide e come lo stress influisce negativamente sulla salute di questa ghiandola. La chef Marisa Maffeo: «Mangiare bene senza rinunciare al gusto»
KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica
Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»
di Federica Bosco
Nutrinform vs Nutriscore, l’Europa alla guerra delle etichette. Ecco il sistema italiano che riabilita la dieta mediterranea
Entro il 2022 la Commissione UE adotterà un sistema di etichettatura alimentare per informare i consumatori. Ben 269 scienziati si sono pronunciati in favore del Nutriscore francese che però penalizza i prodotti made in Italy. Silano (ISS): «Il nostro sistema è capace di stimolare il consumatore a informarsi di più, ecco perché»
Ipercolesterolemia, l’esperto: «Pazienti poco consapevoli dei rischi. Seguire dieta e terapia farmacologica»
«In Italia c’è scarsa consapevolezza del rischio cardiovascolare associato al colesterolo alto e non si adottano le corrette misure concrete per abbassarlo» così il cardiologo a Sanità informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano