Salute 26 Aprile 2023 14:21

Dieta: uomini perdono il doppio del grasso rispetto alle donne, ma disparità si annulla dopo i 45 anni

Quando si tratta di perdere peso con la dieta i vincitori nella «battaglia fra sessi» sono gli uomini. Secondo uno studio dell’Università di Edimburgo, infatti, gli uomini perdono il doppio del grasso seguendo una dieta ipocalorica, rispetto invece alle donne. Si tratta di una disparità, tuttavia, che si annulla quando il gentil sesso supera la soglia dei 45 anni d’età, in menopausa

Dieta: uomini perdono il doppio del grasso rispetto alle donne, ma disparità si annulla dopo i 45 anni

Quando si tratta di perdere peso con la dieta i vincitori nella «battaglia fra sessi» sono gli uomini. Secondo uno studio dell’Università di Edimburgo, infatti, gli uomini perdono il doppio del grasso seguendo una dieta ipocalorica, rispetto invece alle donne. Si tratta di una disparità, tuttavia, che si annulla quando il gentil sesso supera la soglia dei 45 anni d’età, in menopausa. Lo studio, pubblicato sulla rivista eLife, mostra che le donne over 45 che riducono le calorie in un mese possono arrivare a perdere circa il 10% del grasso corporeo. Mentre con la stessa dieta prima dei 45 anni d’età possono perde solo l’8% del grasso.

Le differenze di sesso scompaiono con l’avanzare dell’età

«Questi risultati sono una buona notizia per le donne che potrebbero aver lottato con la dieta in giovane età, poiché suggeriscono che i risultati potrebbero migliorare con l’età», dice William Cawthorn, che ha guidato lo studio dell’Università di Edimburgo. «È un buon incentivo a non arrendersi. Le diete ipocaloriche hanno molti benefici per la salute – continua – e possono aiutare a invecchiare in modo più sano. Alcune ricerche precedenti hanno suggerito che l’efficacia di queste diete può differire tra maschi e femmine, ma il nostro studio è il primo a dimostrare che queste differenze di sesso scompaiono in gran parte quando la dieta inizia in età avanzata».

Con la dieta uomini perdono il 16% del grasso, le donne solo l’8%

Nel nuovo studio i ricercatori hanno esaminato 42 persone, di età compresa tra 21 e 61 anni, che erano in sovrappeso o obese. I partecipanti, che avevano risposto a un annuncio su un giornale per uno studio sulla perdita di peso, sono stati invitati a consumare tre pasti al giorno, ma è stato detto loro di ridurre le calorie in media di circa il 30% in quattro settimane. Gli uomini consumavano una media di 1.600 calorie al giorno, mentre le donne una media di 1.300 calorie giornaliere. Ebbene, dai risultati è emerso che gli uomini sono in grado di perdere più peso rispetto alle donne attraverso la dieta a tutte le età. Nelle quattro settimane di follow-up, gli uomini sotto i 45 anni hanno perso più del 16% del loro grasso corporeo, mentre le donne della stessa fascia di età ne hanno perso la metà, solo l’8%.

Dopo i 45 anni uomini con «pancia da birra», donne più rispondenti a dieta

Ma quando uomini e donne di età superiore ai 45 anni sono stati esaminati separatamente, entrambi hanno perso in media il 10% del loro grasso corporeo. I ricercatori hanno in programma di approfondire questi risultati per capire il perché di questa differenza fra uomini e donne. Ipotizzano che gli uomini riescano a bruciare meno grasso localizzato sulla pancia con l’età, il che potrebbe spiegare in parte la predominanza delle cosiddette «pance di birra». Nel frattempo, le donne, i cui livelli di estrogeni in genere diminuiscono dopo i 45 anni, possono perdere più grasso quando non è necessario per sostenere una possibile gravidanza.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
Tumori: IFO, “La medicina è personalizzata se prevede un approccio di sesso e genere”
I tumori oltre a essere differenti tra di loro, possono avere caratteristiche diverse a seconda del sesso, maschio o femmina, e anche del genere, uomo o donna che rappresenta il contesto sociale, culturale ed economico all’interno del quale vivono gli individui. Alla luce delle evidenze scientifiche è quindi fondamentale capire e individuare queste differenze per poter pianificare dei percorsi di diagnosi e terapia mirati
di V.A.
Sesso: giovani confusi, 1 su 2 si informa online, a scuola nascono i “tutor della fertilità”
I giovani italiani sono affamati di informazioni circa la loro sessualità, ma uno su due si affida al web. Lo mostra una ricerca presentata al congresso della SIRU Lazio, nell'ambito del quale è stato lanciato il progetto di Formazione nelle scuole
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.