Salute 12 Marzo 2018

Giornata Mondiale del Sonno 2018. Garbarino (neurologo): «Dal ritmo circadiano dipende il benessere fisico e mentale»

«Trascorriamo un terzo della nostra vita a dormire. Riposare bene durante la notte aiuta a prevenire gravi patologie» così Sergio Garbarino, neurologo, in occasione del World Sleep Day 2018

di Isabella Faggiano

Distogliere lo sguardo dal proprio orologio da polso, chiudere gli occhi ed ascoltare un ticchettio speciale, quello del proprio orologio biologico. È l’invito lanciato dagli esperti internazionali in occasione della Giornata Mondiale del Sonno 2018, in programma per venerdì 16 marzo e finalizzata a sensibilizzare la popolazione sulla diagnosi precoce e sulla prevenzione dei disturbi del sonno.

L’iniziativa, organizzata dalla World Sleep Day Committee, è nata per aiutare a conoscere, prevenire e curare i disturbi del sonno in passato sottovalutati sia dal mondo clinico che dagli stessi pazienti. Il tema di questa undicesima edizione è “Join the Sleep World, Preserve the Rhythms to enjoy life”, un invito a rispettare i ritmi circadiani per ottenere un maggior benessere psico-fisico. «Un omaggio a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young, i vincitori del premio Nobel 2017 per la Medicina e la fisiologia», ha dichiarato Sergio Garbarino, neurologo dell’Università di Genova e responsabile scientifico della Convention Italia Sonno 2018.

LEGGI ANCHE: LE 10 REGOLE PER DORMIRE BENE

I tre scienziati citati dal professore, si sono distinti sulla scena mondiale per aver spiegato la complessa dinamica per cui gli esseri viventi sincronizzano i loro ritmi di sonno e di veglia ai movimenti della Terra: «I ritmi circadiani sono fondamentali per il nostro benessere – ha aggiunto Garbarino – tanto che, se alterati, possono compromettere lo stato di salute di un individuo. Sembra un fenomeno quasi inspiegabile ma ognuno di noi trascorre un terzo della propria vita a dormire. E molte delle patologie di cui ci rendiamo conto soltanto di giorno, in realtà si sviluppano proprio durante le ore notturne, anche a causa di disturbi del sonno non diagnosticati e non curati».

Dunque i disturbi notturni si riflettono inevitabilmente sull’attività quotidiana e sul benessere psico-fisico dell’essere umano: «Possono addirittura mettere a rischio la vita del paziente – spiega Garbarino – infatti alterano il regolare corso dei ritmi circadiani: di notte si riposa male e di giorno si avverte una continua sonnolenza. Tra questi, il più diffuso è senz’altro la Sindrome delle apnee ostruttive del sonno (Osas) che colpisce circa 5 milioni di italiani, soprattutto i maschi, tra i 40 e i 60 anni. La maggior parte dei pazienti è totalmente inconsapevole della propria patologia».

«Chi soffre di disturbi del sonno – ha concluso Garbarino – avrà inevitabilmente una sonnolenza diurna. Uno stato simile aumenta il rischio di incidenti stradali e di infortuni sul lavoro. Si diventa un pericolo per sé e per gli altri, occorre fare informazione su questi problemi per permettere ai cittadini di conoscere ed eventualmente intervenire».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
Roncopatia e apnee del sonno, ne soffre uno su due. Salamanca (otorinolaringoiatra): «Ecco le novità nella diagnosi e nei trattamenti»
Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia soffrono di roncopatia. Studi recenti, realizzati in Svizzera, parlano addirittura di un disturbo che interessa una persona su due, con forme di apnea del sonno anche gravi. Al centro Humanitas San Pio X di Milano il dottor Salamanca con la sua équipe studia nuove tecniche per […]
di Federica Bosco
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone