Salute 1 Dicembre 2020 09:31

Giornata mondiale contro l’AIDS, luci e ombre ai tempi del coronavirus

Dati in miglioramento e speranze dalla ricerca, ma ancora troppe diagnosi sono tardive. Tutti i numeri

di Tommaso Caldarelli
Giornata mondiale contro l’AIDS, luci e ombre ai tempi del coronavirus

Buone nuove, complessivamente, per la lotta contro l’AIDS/HIV in Italia e in Europa; ma anche tinte fosche e molto ancora da migliorare e risolvere. Arriva in un momento in cui di virus si parla tanto, per motivi diversi da quelli connessi al fiocco rosso, la data del 1 dicembre 2020, nuovo appuntamento con la Giornata mondiale contro l’AIDS. L’Istituto Superiore di Sanità in un comunicato stampa diffuso a pochi giorni dalla ricorrenza sottolineava che, sebbene dal 2012 le infezioni da HIV siano progressivamente calate, i numeri continuano a raccontare una realtà meritevole di attenzione e di allarmi.

Giornata mondiale contro l’AIDS, i dati ISS

Ad esempio le maggioranza di nuove infezioni da HIV è nella fascia 25-29 anni, mentre, continua ISS, «nel 2019 per la prima volta la quota di nuove diagnosi HIV riferibili a maschi che fanno sesso con maschi (MSM) ha raggiunto quella attribuibile a rapporti eterosessuali (42%), che invece è stata da sempre la modalità più frequente».

Allarmante è poi constatare che «il 60% delle persone diagnosticate con infezione da HIV nel 2019 erano già in fase avanzata di malattia e ignoravano di essere HIV positive già da molto tempo».

Nel mondo

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato i dati più aggiornati in suo possesso: ci sono oggi nel pianeta quasi 40 milioni di persone che vivono con infezione da HIV e, a causa di disfunzioni nei servizi HIV, oltre 690 mila persone sono morte «per cause collegabili al virus» e circa 1,7 milioni di persone sono state infettate.

Vi sono fortunatamente molte notizie positive: nel 2019 il 69% degli adulti e il 53% dei bambini HIV-positivi hanno visto il beneficio di una terapia antiretrovirale gratuita e a vita. La grande maggioranza delle donne incinte e con neonati in allattamento al seno hanno ricevuto terapie antiretrovirali, il che non solo va a proteggere la salute delle donne stesse, ma sa anche prevenire la trasmissione dell’HIV verso i neonati.

In Europa

Colpisce il contributo europeo, soprattutto di alcune regioni, alla diffusione del virus. La divisione europea dell’OMS insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie afferma che «il numero di persone che vive con HIV non diagnosticato è in aumento nella regione di pertinenza dell’OMS Europa. Circa 136 mila persone hanno avuto una nuova diagnosi nel 2019, di cui circa il 20% nell’Unione Europea e il restante 80% nelle regioni dell’Est Europa».

Ciò dimostra, continuano i numeri allo studio, che «ci sono più persone divenute infette all’HIV nell’ultimo decennio rispetto a quanti hanno ricevuto una diagnosi, indicando che il numero delle persone che vive senza diagnosi è in crescita nella regione». Quello degli asintomatici è ovviamente un problema, come abbiamo ormai imparato a conoscere nelle lunghe giornate del coronavirus, perché si tratta di soggetti «che non sanno di avere HIV e non si curano».

Quali passi avanti?

La Società di malattie infettive e tropicali in una nota fa presente che «l’HIV oggi si può controllare, garantendo al paziente una qualità di vita molto simile al resto della popolazione, e si può ridurre la viremia fino ad azzerarne il rischio contagio».

Vero è che i fronti aperti rimangono tanti, ma anche la ricerca medica ha in effetti fatto il suo lavoro: «Gli studi HPTN83 e HTPN84 sono tra i più rilevanti dell’ultimo periodo – ha sottolineato per la SIMIT la professoressa Antonella Castagna, primario di malattie infettive all’Ospedale San Raffaele di Milano –. L’introduzione di un farmaco long acting somministrato per via intramuscolare ogni 8 settimane ha portato a una significativa riduzione delle nuove infezioni di HIV, sia nelle donne che nei maschi che fanno sesso con maschi: questa è una delle acquisizioni più importati di questi ultimi mesi. Si sta muovendo anche la strada dei vaccini, ma resta molto complessa, per diverse ragioni tra cui la variabilità del virus e la mancanza di modelli utili nella dimostrazione dell’efficacia».

E il vaccino?

Qualche segno di vita sul fronte dei vaccini in effetti pare esserci e arriva dagli Stati Uniti; alcuni giorni fa gli scienziati dello Scripps Research Center di La Jolla in California hanno pubblicato alcune risultanze di un esperimento basato sulla riprogrammazione dei linfociti B estratti dallo stesso malato. Il nuovo studio pubblicato su Nature e per ora testato su cavie di laboratorio «mostra che questi linfociti B, dopo essere stati reintrodotti nel corpo, possono moltiplicarsi in risposta a una vaccinazione e maturano in celle di memoria e di plasma che possono produrre alti livelli di anticorpi protettivi per lungo tempo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa: uomo guarisce da HIV, è il quarto caso al mondo
In California un uomo di 66 anni, sieropositivo da oltre 40 anni, non presenta alcuna traccia del virus dell'HIV. È in remissione da 17 mesi senza terapia antiretrovirale
HIV, Icar 2022. Maggiolo (SIMIT): «Eradicazione lontana, ma le terapie long-acting sono il punto di svolta»
Lo specialista: «Durante l’ultimo anno sono calate le nuove diagnosi di HIV. Due le motivazioni: meno test in pandemia, ma anche maggiore efficacia delle terapie per la riduzione della trasmissione. Tuttavia, a livello globale, l’HIV è ancora un’epidemia»
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
AIDS. Prevenzione, lotta allo stigma e terapie: alla Camera una legge per una nuova presa in carico del paziente
Il Ddl bipartisan, a prima firma D’Attis, prevede che l’esperienza maturata nella cura dell’AIDS possa diventare un modello organizzativo per crisi analoghe. Per i minori dai 16 ai 18 anni possibile fare il test anche senza il consenso del genitore. E il datore di lavoro non potrà svolgere indagini per accertare lo stato di sieropositività dei dipendenti
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...