Salute 12 Novembre 2021 16:01

Giornata Mondiale contro la Polmonite, influenza e pneumococco i nemici da abbattere

L’importanza di una copertura vaccinale adeguata per ridurre complicanze respiratorie e ospedalizzazioni

Giornata Mondiale contro la Polmonite, influenza e pneumococco i nemici da abbattere

Il 12 novembre è la Giornata Mondiale contro la Polmonite, una patologia che, negli ultimi due anni, abbiamo associato perlopiù al Covid. Tuttavia le polmoniti sono anche una delle complicanze più frequenti nelle sindromi influenzali, caratteristiche del periodo invernale, specialmente nei pazienti anziani e con fragilità. Da anni ormai la vaccinazione antinfluenzale e antipneumococcica è uno strumento essenziale nella prevenzione dell’influenza (il cui virus ha la capacità di ledere la mucosa respiratoria) e delle complicanze batteriche a carico dell’apparato respiratorio (polmoniti in primis) dovute allo Pneumococco.  Ce ne ha parlato Roberto Ieraci, Vaccinologo Strategie Vaccinali in Regione Lazio.

Il vaccino antinfluenzale e antipneumococcico armi contro polmoniti e ricoveri

«Esistono vari vaccini antinfluenzali, relativamente ai quali occorre un’appropriatezza prescrittiva. Il tipo di vaccino deve essere rapportato all’età e allo stato di salute del soggetto, perché nei pazienti anziani c’è una minore risposta immunitaria ai vaccini in generale, ma soprattutto ai vaccini antinfluenzali, legata al fenomeno dell’immunosenescenza. È quindi importante usare il vaccino adatto. Oltre al vaccino antinfluenzale – spiega Ieraci – è raccomandato il vaccino antipneumoccico sequenziale: oggi abbiamo a disposizione l’antipneumococco 13valente coniugato e il 23valente da polisaccaride free, e nei soggetti anziani e/o fragili deve essere somministrata la prima dose 13valente e a distanza di otto settimane il 23valente. Nei soggetti con risposta immunitaria normale, invece, questo lasso di tempo può essere di un anno. Questa differenza nasce dell’esigenza di offrire ai primi una protezione maggiore, in quanto si è visto che la maggior parte delle patologie invasive da pneumococco, comprese le polmoniti, sono legate nel 30-40% dei casi a sierotipi unici contenuti nel 23valente. In più, la vaccinazione antipneumococcica ha un ruolo essenziale nel prevenire l’uso eccessivo di antibiotici e, di conseguenza, nel combattere il pericoloso fenomeno dell’antibioticoresistenza».

I nuovi vaccini ad alto dosaggio

«I vaccini antinfluenzali più appropriati per gli anziani sono il quadrivalente, adiuvato con una sostanza che amplifica la risposta immunitari – spiega Ieraci – ma sono adesso disponibili in Europa i vaccini high dose (ad alto dosaggio), un quadrivalente in cui è presente un carico antigenico aumentato di quattro volte rispetto al vaccino standard. Un vaccino particolarmente efficace e sicuro, autorizzato per gli over65».

L’importanza della vaccinazione contestuale contro Covid e influenza

«Ribadiamo ovviamente l’importanza della vaccinazione antinfluenzale soprattutto in questo ulteriore anno di co-circolazione col Sars-CoV-2, per evitare una “tempesta perfetta” e allentare il carico sugli ospedali – afferma Ieraci – ricordando che la terza dose di vaccino anti-Covid può essere somministrata contestualmente al vaccino antinfluenzale e antipneumococcico, così da ottenere una protezione completa. L’efficacia protettiva della vaccinazione antinfluenzale dipende strettamente dalla percentuale di soggetti vaccinati nella popolazione generale, così come per il vaccino anti-Covid, laddove l’obiettivo – conclude – non è solo proteggere sé stessi ma proteggere l’intera comunità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi