Politica 4 Novembre 2017 20:02

G7, Lorenzin: «Clima decisivo per salute. Lavoriamo con Casa Bianca per documento comune»

«Investire sulla nutrizione significa investire sul futuro. Bisogna imparare a mangiare per apprendere la cultura della nutrizione e risparmiare in farmaci durante l’anzianità» così Beatrice Lorenzin in occasione dell’incontro preliminare al G7

di Cesare Buquicchio inviato al G7 Milano
G7, Lorenzin: «Clima decisivo per salute. Lavoriamo con Casa Bianca per documento comune»

Milano capitale della salute mondiale, avamposto di un sistema di benessere che fa della sanità pubblica e universalistica, e della qualità di vita italiana, un modello d’eccellenza per tutti i Paesi. «Questo vertice G7 è fondamentale, l’Italia per la prima volta ha portato nel dibattito internazionale, il tema dell’impatto dell’inquinamento sulla salute delle persone e degli animali» dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ai microfoni di Sanità Informazione in occasione dell’incontro preliminare al G7 Salute dedicato alla nutrizione (‘Global nutrition summit’) a Palazzo Reale a Milano.


PER APPROFONDIRE LEGGI: RAPPORTO IMPATTO FATTORI CLIMATICI E SALUTE

«Investire sulla nutrizione significa investire sul futuro. Ai cittadini diciamo ‘impara a mangiare, apprendi la cultura della nutrizione per risparmiare in farmaci quando sarai anziano’. Ai donatori diciamo di investire nella nutrizione, nella lotta alla malnutrizione per risparmiare in quello che si dovrà poi pagare in guerre e migrazioni. Questo è il filo conduttore del G7».

Ma è sul clima e sull’impatto che inquinamento e riscaldamento globale stanno avendo, e avranno ancora di più, sulla salute delle prossime generazioni, che gli “sherpa” delle delegazioni dei 7 Paesi presenti al vertice di Milano stanno lavorando alacremente. L’obiettivo è arrivare ad un documento che, esattamente 12 mesi dopo il varo ufficiale degli accordi di Parigi sul cambiamento climatico che l’amministrazione Trump ha annunciato di voler “disdettare”, faccia fare sul tema un passo avanti significativo alla comunità internazionale.

«Stiamo lavorando con gli altri Paesi e con la Casa Bianca per arrivare ad un documento comune su clima e salute. Quello che dobbiamo fare è mettere da parte gli aspetti che ci dividono e puntare sulle evidenze scientifiche per uscire con un messaggio univoco che riguarda la salute di centinaia di milioni di persone» spiega il Ministro Lorenzin.

Ma il G7 affronta altri temi decisivi per la salute globale: «Tra le voci di primo piano la salute della donna e del bambino – sottolinea il Ministro – questo tema mi è particolarmente caro e ritengo che si tratti di un cardine nell’ambito della salute globale, infatti la donna è vettore di salute in tutte le comunità in cui vive».

Altro tema che il vertice G7 affronta è l’invecchiamento della popolazione, trattato in occasione del convegno collaterale al G7 su “Innovazione e Ricerca per l’Invecchiamento attivo” organizzato a Palazzo Lombardia. «Per un invecchiamento sano della popolazione, per reggere questa sfida, questa grande domanda di salute, i sistemi sanitari sono oggi molto stressati e lo saranno sempre più in futuro, in quanto dovranno riuscire a garantire uguale accesso alle terapie nella prima, seconda, terza e quarta età. E’ un problema enorme cui solo la ricerca scientifica potrà  dare soluzioni».
«Inoltre – continua – per capire le cause dei problemi di salute che arrivano con l’ invecchiamento bisogna cambiare i modelli di organizzazione: sappiamo che la gestione di un paziente in ospedale costa due, tre, anche quattromila euro al giorno e che se gestito a casa lo stesso paziente ne costa solo alcune centinaia: questi sono i numeri. E’ evidente che dobbiamo ripensare l’organizzazione delle nostre citta’ delle nostre case, dei trasporti, dei servizi».

 

 

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Lorenzin, l’ultima intervista da Ministro (forse): «Situazione politica drammatica. Il mio futuro? Due cose sono certe…»
In occasione di “Farma & Friends”, la serata di beneficienza organizzata da Federfarma Roma, quella che con ogni probabilità è l’ultima uscita della Lorenzin in qualità di titolare del Dicastero alla Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»