Salute 24 Luglio 2019

Franco Di Mare si racconta: «Sono stato un caregiver per i miei genitori malati»

«Essere caregiver è qualcosa di più rispetto allo stato sociale, rispetto al welfare, perché nessuno come un parente riesce a stare vicino», il racconto del giornalista e conduttore televisivo Franco Di Mare

Sono padri e madri che assistono un figlio malato oppure con disabilità. O, all’inverso, figli alle prese con i propri genitori anziani, ma anche fratelli o sorelle in aiuto di un familiare fragile. Si tratta dei caregiver, un termine anglossassone che indica letteralmente “colui che si prende cura”.

In Italia, secondo i dati Istat, sono oltre il 17% della popolazione. La maggior parte dei quali assistono familiari con demenza. I caregiver sono per la maggioranza donne, ma non manca una componente maschile. Tutti possono trovarsi alle prese con il ruolo di caregiver, come ci racconta il giornalista e conduttore televisivo Franco Di Mare.

LEGGI ANCHE: CAREGIVER: ONDA E FARMINDUSTRIA INSIEME PER SOSTENERE ‘L’ESERCITO SILENZIOSO’

«Ho avuto due genitori ammalati e io sono stato il loro caregiver – ha raccontato ai microfoni di Sanità Informazione, il giornalista Franco Di Mare in occasione della premiazione del concorso “A fianco del coraggio” -. Essere caregiver è qualcosa di più rispetto allo stato sociale, rispetto al welfare, perché nessuno come un parente riesce a stare vicino. Certo se ci fosse il sostegno ancora un po’ più vicino dello Stato, se ci fosse una vicinanza in più del welfare non sarebbe male. Ma i caregiver in questo Paese sono una delle risorse più preziose che ci siano».

Un terzo elemento imprescindibile per l’assistenza al paziente è sicuramente la figura del medico, fondamentale anello di congiunzione tra il malato e la figura del caregiver. «I medici sono il mediatore straordinario e più importante che ci sia. Tra le esigenze del paziente e il caregiver improvvisato a volte, che non sa nulla della malattia e tutto deve imparare. Il rapporto tra medico, paziente e caregiver – conclude Di Mare – è fondamentale. È quell’asset, quel tassello che chiude il mosaico».

Articoli correlati
Presentato a Roma il Rapporto dell’ONU sulla Violenza Ostetrica
L’Osservatorio sulla Violenza Ostetrica Italia, insieme alle associazioni La Goccia Magica e CiaoLapo, ha presentato la traduzione in italiano del Rapporto della Relatrice Speciale delle Nazioni Unite Dubravka Šimonović sul tema del maltrattamento e della violenza ostetrica contro le donne nei servizi di salute riproduttiva e nel parto. La Relatrice Speciale sulla violenza contro le […]
«Solo così ho capito le esigenze di pazienti e caregiver». La storia del medico che porta la nutrizione assistita a casa dei malati
A Lecce da sette anni opera il Centro NAD, una rete di specialisti che segue il paziente dall’ospedale al domicilio sotto il profilo della nutrizione clinica. Oltre 2mila i pazienti in cura
Caregiver, in Lombardia associazioni lanciano proposta di legge: «Tutelare chi si deve assentare dal lavoro per accudire un familiare»
L’iniziativa lanciata da Acli e altre realtà del terzo settore lombardo, ha accolto il plauso di Regione Lombardia. La vicepresidente della Commissione Sanità Simona Tironi: «Riconoscere un profilo di contributi assicurativi, perché svolgere questo lavoro non deve essere un sacrificio»
di Federica Bosco
Rapporto OSSFOR, Berni (Rete Toscana): «Assistenza farmaceutica e ricoveri ospedalieri maggior spesa per malati rari»
«Il Dpcm sui nuovi Lea non ci ha colto impreparati: la maggior parte dei nuovi codici di esenzione erano già entrati nei nostri Lea aggiuntivi regionali. Un vantaggio per i pazienti e la programmazione sanitaria» così la Responsabile della Rete Malattie Rare Toscana Cecilia Berni a Sanità Informazione
Caregiver, Regione Lazio stanzierà contributo. Troncarelli (Ass. Welfare): «Dai 700 ai 1200 euro mensili a seconda della disabilità»
«È importante per quanto concerne l’assistenza domiciliare dare una mano, è un supporto non soltanto a livello psicologico ma anche a livello economico a tutte quelle persone che hanno bisogno e soprattutto a quei genitori che, avendo dei figli con disabilità, si trovano costretti nella maggior parte dei casi a lasciare il proprio lavoro» sottolinea l’assessore al Welfare della Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...