Salute 24 Luglio 2019

Franco Di Mare si racconta: «Sono stato un caregiver per i miei genitori malati»

«Essere caregiver è qualcosa di più rispetto allo stato sociale, rispetto al welfare, perché nessuno come un parente riesce a stare vicino», il racconto del giornalista e conduttore televisivo Franco Di Mare

Sono padri e madri che assistono un figlio malato oppure con disabilità. O, all’inverso, figli alle prese con i propri genitori anziani, ma anche fratelli o sorelle in aiuto di un familiare fragile. Si tratta dei caregiver, un termine anglossassone che indica letteralmente “colui che si prende cura”.

In Italia, secondo i dati Istat, sono oltre il 17% della popolazione. La maggior parte dei quali assistono familiari con demenza. I caregiver sono per la maggioranza donne, ma non manca una componente maschile. Tutti possono trovarsi alle prese con il ruolo di caregiver, come ci racconta il giornalista e conduttore televisivo Franco Di Mare.

LEGGI ANCHE: CAREGIVER: ONDA E FARMINDUSTRIA INSIEME PER SOSTENERE ‘L’ESERCITO SILENZIOSO’

«Ho avuto due genitori ammalati e io sono stato il loro caregiver – ha raccontato ai microfoni di Sanità Informazione, il giornalista Franco Di Mare in occasione della premiazione del concorso “A fianco del coraggio” -. Essere caregiver è qualcosa di più rispetto allo stato sociale, rispetto al welfare, perché nessuno come un parente riesce a stare vicino. Certo se ci fosse il sostegno ancora un po’ più vicino dello Stato, se ci fosse una vicinanza in più del welfare non sarebbe male. Ma i caregiver in questo Paese sono una delle risorse più preziose che ci siano».

Un terzo elemento imprescindibile per l’assistenza al paziente è sicuramente la figura del medico, fondamentale anello di congiunzione tra il malato e la figura del caregiver. «I medici sono il mediatore straordinario e più importante che ci sia. Tra le esigenze del paziente e il caregiver improvvisato a volte, che non sa nulla della malattia e tutto deve imparare. Il rapporto tra medico, paziente e caregiver – conclude Di Mare – è fondamentale. È quell’asset, quel tassello che chiude il mosaico».

Articoli correlati
Caregiver, Regione Lazio stanzierà contributo. Troncarelli (Ass. Welfare): «Dai 700 ai 1200 euro mensili a seconda della disabilità»
«È importante per quanto concerne l’assistenza domiciliare dare una mano, è un supporto non soltanto a livello psicologico ma anche a livello economico a tutte quelle persone che hanno bisogno e soprattutto a quei genitori che, avendo dei figli con disabilità, si trovano costretti nella maggior parte dei casi a lasciare il proprio lavoro» sottolinea l’assessore al Welfare della Regione Lazio
Malattie rare, Binetti: «Sanità a un punto di svolta. Chiediamo stanziamenti concreti, significativi ed efficaci»
La presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare NTM è nata dall’iniziativa dell’intergruppo parlamentare malattie rare. «È importante per tre motivi: contribuisce alla conoscenza approfondita della patologia, aiuta a prendere decisioni sull’assistenza terapeutica e sui trattamenti personalizzati e offre spunti per l’attività di ricerca» ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Paola Binetti
Sla, Lazzarini (Lega): «Governo sostenga caregiver, pronta mozione»
«Ad oggi non c’è ancora una specifica normativa nazionale di riferimento che ne riconosca il valore sociale ed economico», sottolinea il segretario della Commissione Affari Sociali di Montecitorio
Big Data in Health 2019, Antonio Scala (CNR): «I dati sullo stile di vita decisivi per la nostra salute»
«Per stare bene non si può prescindere dall’ambiente in cui si vive e dagli stili di vita che si adottano» così Antonio Scala, organizzatore della conferenza internazionale sulle opportunità aperte dai Big Data in ambito medico e sanitario che si sta svolgendo al Cnr di Roma. Sanità informazione media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi
Paziente anziano, Orthmann (Onda): «Urgente approvare legge sul caregiver, invecchiamento della popolazione è realtà»
A Roma convegno promosso dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere e Daiichi Sankyo. «Servono forme di tutela previdenziale, assicurativa, sanitaria – sottolinea il Coordinatore medico-scientifico ONDA – ma anche un supporto psicologico». Studi hanno dimostrato che caregiver hanno aspettativa di vita più bassa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...