Salute 19 Ottobre 2020 09:59

FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni

Il presidente Anelli invita a usare l’esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore

FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni

«Si ricomincia», è il commento lapidario e sofferto del presidente della FNOMCeO, Federazione nazionale Ordini dei Medici, Filippo Anelli. Negli ultimi giorni, dopo qualche tempo, sono tornate notizie di morti per Covid-19 tra le fila dei medici.

Due i camici bianchi che hanno perso la vita di recente. Ernesto Celentano, medico di famiglia a Secondigliano e in zona Foria e Giovanni Briglia, 50 anni, otorino all’Ospedale San Camillo di Roma. «Siamo vicini alle famiglie – continua Anelli – e siamo preoccupati che queste scomparse segnino l’inizio di una nuova fase. La speranza è che le esperienze che abbiamo vissuto nella primavera scorsa si trasformino in insegnamento».

CELENTANO E BRIGLIA, DUE PROFESSIONISTI

Ernesto Celentano è deceduto per aver fatto il suo lavoro, come tanti altri medici. Aveva probabilmente contratto il virus da uno dei suoi pazienti (a cui aveva tolto i punti di sutura), poi risultato positivo. Si è spento all’Ospedale Cotugno di Napoli ed era molto amato dalla sua comunità. «Non abbiamo mai sperato in una nuova fake news come stavolta… invece è vero! Le nostre condoglianze alla famiglia di un medico che ha lottato in prima linea pagando questa scelta a caro prezzo», scrive l’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”.

Giovanni Briglia aveva solo 50 anni, lavorava come otorino al San Camillo di Roma. Rispettato dai colleghi e dai suoi pazienti, si è spento allo Spallanzani mercoledì scorso. Era stato al sud a trovare i genitori e lì aveva contratto il virus, non è mai tornato a lavoro da allora. «L’Ospedale San Camillo – si legge sul sito – ha perso un professionista stimato ed apprezzato, i suoi pazienti un punto di riferimento “unico” per la tutela della loro salute». «Penso che, seppur in un momento di particolare complessità come questo, sia importante scongiurare il rischio più grande. Ovvero quello dell’oblio, e che anche il ricordo di una persona vicina e cara possa essere sovrastato dalle ansie del nostro quotidiano», conclude il direttore della struttura ospedaliera, Fabrizio D’Alba.

NURSING UP: «IN 72 ORE 10 INFERMIERI CONTAGIATI, È GUERRA»

In questo momento difficile, in cui si ricomincia a sentire di operatori sanitari contagiati, anche gli infermieri si fanno sentire. Il sindacato Nursing Up avverte: «Non possiamo più nasconderci, siamo entrati di nuovo in guerra». Alla fine del mese scorso, ricorda il presidente Antonio De Palma, 20 operatori risultavano contagiati. Ora, nelle ultime 72 ore, arrivano 8 casi dall’Ospedale Cardarelli di Campobasso (Molise) e due da Reggio Calabria.

«Dieci colleghi contagiati in un lasso di tempo così breve non può essere un dato da sottovalutare», invita De Palma, ricordando anche le carenze di personale in Lombardia, e il caso Campania già noto, insieme alle sorprese Molise e Valle d’Aosta. «Ai governanti diciamo: lasciateci fare quello che sappiamo fare meglio, difendere la salute dei cittadini. Ma non fateci combattere disarmati e a mani nude», conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni