Salute 19 Ottobre 2020 09:59

FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni

Il presidente Anelli invita a usare l’esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore

FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni

«Si ricomincia», è il commento lapidario e sofferto del presidente della FNOMCeO, Federazione nazionale Ordini dei Medici, Filippo Anelli. Negli ultimi giorni, dopo qualche tempo, sono tornate notizie di morti per Covid-19 tra le fila dei medici.

Due i camici bianchi che hanno perso la vita di recente. Ernesto Celentano, medico di famiglia a Secondigliano e in zona Foria e Giovanni Briglia, 50 anni, otorino all’Ospedale San Camillo di Roma. «Siamo vicini alle famiglie – continua Anelli – e siamo preoccupati che queste scomparse segnino l’inizio di una nuova fase. La speranza è che le esperienze che abbiamo vissuto nella primavera scorsa si trasformino in insegnamento».

CELENTANO E BRIGLIA, DUE PROFESSIONISTI

Ernesto Celentano è deceduto per aver fatto il suo lavoro, come tanti altri medici. Aveva probabilmente contratto il virus da uno dei suoi pazienti (a cui aveva tolto i punti di sutura), poi risultato positivo. Si è spento all’Ospedale Cotugno di Napoli ed era molto amato dalla sua comunità. «Non abbiamo mai sperato in una nuova fake news come stavolta… invece è vero! Le nostre condoglianze alla famiglia di un medico che ha lottato in prima linea pagando questa scelta a caro prezzo», scrive l’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”.

Giovanni Briglia aveva solo 50 anni, lavorava come otorino al San Camillo di Roma. Rispettato dai colleghi e dai suoi pazienti, si è spento allo Spallanzani mercoledì scorso. Era stato al sud a trovare i genitori e lì aveva contratto il virus, non è mai tornato a lavoro da allora. «L’Ospedale San Camillo – si legge sul sito – ha perso un professionista stimato ed apprezzato, i suoi pazienti un punto di riferimento “unico” per la tutela della loro salute». «Penso che, seppur in un momento di particolare complessità come questo, sia importante scongiurare il rischio più grande. Ovvero quello dell’oblio, e che anche il ricordo di una persona vicina e cara possa essere sovrastato dalle ansie del nostro quotidiano», conclude il direttore della struttura ospedaliera, Fabrizio D’Alba.

NURSING UP: «IN 72 ORE 10 INFERMIERI CONTAGIATI, È GUERRA»

In questo momento difficile, in cui si ricomincia a sentire di operatori sanitari contagiati, anche gli infermieri si fanno sentire. Il sindacato Nursing Up avverte: «Non possiamo più nasconderci, siamo entrati di nuovo in guerra». Alla fine del mese scorso, ricorda il presidente Antonio De Palma, 20 operatori risultavano contagiati. Ora, nelle ultime 72 ore, arrivano 8 casi dall’Ospedale Cardarelli di Campobasso (Molise) e due da Reggio Calabria.

«Dieci colleghi contagiati in un lasso di tempo così breve non può essere un dato da sottovalutare», invita De Palma, ricordando anche le carenze di personale in Lombardia, e il caso Campania già noto, insieme alle sorprese Molise e Valle d’Aosta. «Ai governanti diciamo: lasciateci fare quello che sappiamo fare meglio, difendere la salute dei cittadini. Ma non fateci combattere disarmati e a mani nude», conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, i sindacati medici: «Non saremo complici di riorganizzazione Ssn pagata con salute cittadini»
L’intersindacale si dice al fianco della FNOMCeO e chiede alla Federazione di convocare tutte le rappresentanze
Anelli (Fnomceo): «Apriamo la questione medica. Disagio intollerabile in tutte le componenti della Professione»
La durata semestrale del green pass impedirebbe ai medici, vaccinati a gennaio, di spostarsi e accedere ai servizi. Anelli: «Chiediamo confronto aperto, permanente, diretto al ministro Speranza»
Covid-19, emesso francobollo dedicato alle professioni sanitarie
Il Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti: «Riconoscimento a impegno e dedizione nella lotta al virus»
Decreto Covid, la delusione di medici e professionisti sanitari. Anelli (FNOMCeO): «Tutela insufficiente»
Il Ministro Speranza esprime soddisfazione per il DL e ribadisce «l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza»
Elezioni Fnomceo 2021-2024: ecco tutti gli eletti. Anelli confermato Presidente
Le prime elezioni a svolgersi con voto elettronico, in presenza, e telematico, a distanza. Filippo Anelli, il presidente uscente, ha ottenuto l’85% delle preferenze
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...