Salute 21 Maggio 2018

FederAnziani, Messina (Senior Italia): «Over 60 bocciati in prevenzione. Disertano gli screening fondamentali»  

«Per insegnare ai pazienti l’importanza della profilassi, serve il lavoro multidisciplinare di tutti i professionisti della salute». L’appello di Roberto Messina, Presidente Senior Italia a fronte dell’indagine dell’Associazione sulle abitudini degli anziani in Italia

di Isabella Faggiano
FederAnziani, Messina (Senior Italia): «Over 60 bocciati in prevenzione. Disertano gli screening fondamentali»   

«Non si prendono adeguatamente cura di sé, fanno poca prevenzione e, soprattutto, soffrono di patologie che ignorano di avere». A scattare la fotografia dello stato di salute della terza età, in Italia, è Roberto Messina, Presidente Senior Italia FederAnziani. Un’immagine della popolazione anziana delineata grazie ai risultati ottenuti attraverso numerose indagini che FederAnziani ha condotto sulla popolazione over 60, all’interno dei Centri Sociali Anziani della sua rete.

«In età senile – ha sottolineato Messina – sei persone su dieci non hanno mai eseguito una spirometria. Il 16,8% degli over 60 non effettua mai controlli dal cardiologo, quasi il 50% non ha mai eseguito il rilevamento del sangue occulto nelle feci. Ancora, raggiungono i 56 punti percentuali coloro che non hanno mai valutato la densità ossea. Dati ancora peggiori per il controllo della saturazione dell’ossigeno e per l’emogasanalisi arteriosa, esami rispettivamente ignorati dal 76,8% e 79,2% degli anziani». Il comportamento delle donne non è migliore di quello degli uomini: una su dieci non ha mai fatto prevenzione, quota che sale al 16% se si considerano coloro che non si sottopongono ad una mammografia da oltre due anni.

LEGGI ANCHE: OSSERVASALUTE, L’ITALIA È DIVISA A METÀ: AL SUD MENO LONGEVI CHE AL NORD. IMPENNATA DELLE MALATTIE CRONICHE

Per ottenere questi dati, Senior Italia FederAnziani ha passato al setaccio abitudini, comportamenti e stato di salute di 6 mila persone con più di sessant’anni,  per valutare il loro approccio alla prevenzione, ma anche per evidenziare l’eventuale presenza di patologie. E pure questi risultati non sono stati per nulla incoraggianti: «Abbiamo eseguito delle spirometrie a tutti i nostri anziani e per oltre il 20% dei casi sono state rilevate ostruzioni lievi o moderate. L’ipertensione non è ben trattata nel 44%  dei casi. Molto trascurate – ha aggiunto Messina – anche le patologie cardiache. Dall’esecuzione dell’elettrocardiogramma sono emerse alterazioni significative per il 31,3% degli uomini e il 13,4% delle donne. Disattenzioni che portano alla mancata diagnosi pure delle lesioni della pelle: in media ad ognuno dei nostri anziani ne è stata diagnosticata almeno una, che ignorava di avere». In alcune situazioni gli screening di Senior Italia sono risultati vitali: «grazie ai nostri interventi di valutazione – ha specificato Messina – sono stati intercettati anche 13 casi di cancro alla mammella».

Dati preoccupanti che per il Presidente di Senior Italia trovano soluzione in un’unica parola: prevenzione.  «Un lavoro multidisciplinare, di tutti i professionisti che si occupano della salute. Dallo specialista, al medico di famiglia, fino all’infermiere ed al farmacista: ognuno di loro deve prodigarsi affinché i pazienti facciano una sorta di manutenzione costante del proprio corpo. Solo facendo emergere le patologie allo stadio iniziale i medici possono  eradicare la malattia  o, nel caso di condizioni croniche, tenerla sottocontrollo».

POTREBBE INTERESSARTI: SEMPRE PIÙ ANZIANI, SEMPRE MENO GERIATRI. IL PARADOSSO SPIEGATO DAL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI GERONTOLOGIA E GERIATRIA

Un lavoro che ha bisogno di essere strutturato,  a partire dalle fondamenta: «esempi di eccellenza da seguire, purtroppo, non ce ne sono. La prevenzione in Italia – ha sottolineato il Presidente – è prossima allo zero. Ci sono solo due patologie che vengono monitorate con screening preventivi: il cancro del seno e quello del colon. Per tutto il resto – ha concluso – non solo manca completamente la cultura della prevenzione, ma anche la prevenzione stessa».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Coronavirus, Senior Italia FederAnziani: «Lockdown per fasce d’età»
Messina: «Il 95,4% di tutti i decessi Covid è over 60. Non isolare, ma proteggere, concentrando tutte le risorse su over 65 con patologie»
FederAnziani: «8 contagi su 10 in famiglia. Indossare la mascherina per evitare strage dei nonni»
«Non uscire se non è strettamente necessario, fare attenzione ai contatti con i figli e i nipoti». E ai giovani: «Proteggete i vostri nonni, stategli vicini più che potete ma a distanza, fate la spesa per conto loro»
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Covid-19, Senior Italia: «Anziani terrorizzati. Dilagano ansia e depressione. E il 55,7% ha problemi di accesso alle cure»
Anziani in auto lockdown. Le più grandi paure? Contagiare o essere contagiati dai propri cari e morire da soli. Ma il 72,4% ripone fiducia nelle scelte delle Istituzioni. TV e carta stampata le principali fonti per i comportamenti da adottare rispetto al Covid, e il 7,9% va a caccia di informazioni online
Festa dei Nonni, Senior Italia: «A Roma, nel rispetto delle regole, la celebrazione e il ricordo dei nonni scomparsi»
In Piazza del Campidoglio a Roma una delegazione di senior si è ritrovata, con mascherine e nel rispetto delle regole del distanziamento, per la consueta manifestazione nazionale dedicata alla ricorrenza, con il Vice Ministro della Salute Pierpaolo Sileri e la Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi  
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli