Salute 21 Maggio 2018

FederAnziani, Messina (Senior Italia): «Over 60 bocciati in prevenzione. Disertano gli screening fondamentali»  

«Per insegnare ai pazienti l’importanza della profilassi, serve il lavoro multidisciplinare di tutti i professionisti della salute». L’appello di Roberto Messina, Presidente Senior Italia a fronte dell’indagine dell’Associazione sulle abitudini degli anziani in Italia

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Non si prendono adeguatamente cura di sé, fanno poca prevenzione e, soprattutto, soffrono di patologie che ignorano di avere». A scattare la fotografia dello stato di salute della terza età, in Italia, è Roberto Messina, Presidente Senior Italia FederAnziani. Un’immagine della popolazione anziana delineata grazie ai risultati ottenuti attraverso numerose indagini che FederAnziani ha condotto sulla popolazione over 60, all’interno dei Centri Sociali Anziani della sua rete.

«In età senile – ha sottolineato Messina – sei persone su dieci non hanno mai eseguito una spirometria. Il 16,8% degli over 60 non effettua mai controlli dal cardiologo, quasi il 50% non ha mai eseguito il rilevamento del sangue occulto nelle feci. Ancora, raggiungono i 56 punti percentuali coloro che non hanno mai valutato la densità ossea. Dati ancora peggiori per il controllo della saturazione dell’ossigeno e per l’emogasanalisi arteriosa, esami rispettivamente ignorati dal 76,8% e 79,2% degli anziani». Il comportamento delle donne non è migliore di quello degli uomini: una su dieci non ha mai fatto prevenzione, quota che sale al 16% se si considerano coloro che non si sottopongono ad una mammografia da oltre due anni.

LEGGI ANCHE: OSSERVASALUTE, L’ITALIA È DIVISA A METÀ: AL SUD MENO LONGEVI CHE AL NORD. IMPENNATA DELLE MALATTIE CRONICHE

Per ottenere questi dati, Senior Italia FederAnziani ha passato al setaccio abitudini, comportamenti e stato di salute di 6 mila persone con più di sessant’anni,  per valutare il loro approccio alla prevenzione, ma anche per evidenziare l’eventuale presenza di patologie. E pure questi risultati non sono stati per nulla incoraggianti: «Abbiamo eseguito delle spirometrie a tutti i nostri anziani e per oltre il 20% dei casi sono state rilevate ostruzioni lievi o moderate. L’ipertensione non è ben trattata nel 44%  dei casi. Molto trascurate – ha aggiunto Messina – anche le patologie cardiache. Dall’esecuzione dell’elettrocardiogramma sono emerse alterazioni significative per il 31,3% degli uomini e il 13,4% delle donne. Disattenzioni che portano alla mancata diagnosi pure delle lesioni della pelle: in media ad ognuno dei nostri anziani ne è stata diagnosticata almeno una, che ignorava di avere». In alcune situazioni gli screening di Senior Italia sono risultati vitali: «grazie ai nostri interventi di valutazione – ha specificato Messina – sono stati intercettati anche 13 casi di cancro alla mammella».

Dati preoccupanti che per il Presidente di Senior Italia trovano soluzione in un’unica parola: prevenzione.  «Un lavoro multidisciplinare, di tutti i professionisti che si occupano della salute. Dallo specialista, al medico di famiglia, fino all’infermiere ed al farmacista: ognuno di loro deve prodigarsi affinché i pazienti facciano una sorta di manutenzione costante del proprio corpo. Solo facendo emergere le patologie allo stadio iniziale i medici possono  eradicare la malattia  o, nel caso di condizioni croniche, tenerla sottocontrollo».

POTREBBE INTERESSARTI: SEMPRE PIÙ ANZIANI, SEMPRE MENO GERIATRI. IL PARADOSSO SPIEGATO DAL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI GERONTOLOGIA E GERIATRIA

Un lavoro che ha bisogno di essere strutturato,  a partire dalle fondamenta: «esempi di eccellenza da seguire, purtroppo, non ce ne sono. La prevenzione in Italia – ha sottolineato il Presidente – è prossima allo zero. Ci sono solo due patologie che vengono monitorate con screening preventivi: il cancro del seno e quello del colon. Per tutto il resto – ha concluso – non solo manca completamente la cultura della prevenzione, ma anche la prevenzione stessa».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Campagna “Io Respiro”, oltre 3mila spirometrie effettuate gratuitamente su oltre 6mila over 65
Cento convegni in tutta Italia, 6.000 over 65 raggiunti, 3.000 spirometrie gratuite realizzate, questo il bilancio della prima parte della campagna Io respiro, che sta toccando i centri anziani di tutta Italia per sensibilizzare gli ultrasessantacinquenni sulle patologie respiratorie e sull’importanza della prevenzione. La campagna si accompagna a un vasto sondaggio che consentirà di analizzare […]
“A scuola con le Istituzioni”, al via lo studio osservazionale di IPACS in supporto del Piano Nazionale Cronicità
Nell’evento del 6 aprile che si svolgerà presso il Castello di Santa Severa, sette donne della sanità pubblica del Lazio sono invitate a raccontarsi su esperienze di criticità, integrazione e multidisciplinarità affrontate nella implementazione del Piano delle Cronicità
Da Senior Italia FederAnziani il database nazionale di canili e gattili di tutta Italia: censite 949 strutture
Adottare un animale da compagnia è una buona ricetta per vivere in salute e più a lungo facendo risparmiare il Servizio Sanitario Nazionale, ed è un atto di generosità che consente di dare una famiglia a tanti pet abbandonati in canili e gattili, liberando al contempo risorse economiche per i comuni, da investire in servizi […]
Medici di famiglia e cronicità, Bartoletti (Fimmg): «Accesso a farmaci innovativi limitato perché non si vuole che noi li prescriviamo»
Il vicesegretario della Fimmg: «Bisogna prevenire le malattie croniche e poi dichiarar loro guerra, rompendo gli schemi e istituendo una rete di servizi alla persona che integri ospedale e territorio». E sulle liste d'attesa: «È normale che mostri burocratici come i CUP non rispettino i tempi previsti per le singole patologie. Non avere la possibilità di gestire il percorso del malato cronico dal proprio studio è una grave limitazione per il medico di famiglia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...