OMCeO, Enti e Territori 10 Aprile 2018

Italia sempre più anziana: aumentano Alzheimer, Parkinson e sclerosi multipla. I risultati del 18° Congresso Nazionale della SIRN

La popolazione italiana ha una elevata longevità: la speranza di vita alla nascita è di 80,3 anni per gli uomini e 84,9 per le donne, superiore alla media europea, che è di 77,9 e 83,3. In Italia si registra anche la percentuale più alta di popolazione anziana, ovvero gli over 65: il 21,7% della popolazione […]

La popolazione italiana ha una elevata longevità: la speranza di vita alla nascita è di 80,3 anni per gli uomini e 84,9 per le donne, superiore alla media europea, che è di 77,9 e 83,3. In Italia si registra anche la percentuale più alta di popolazione anziana, ovvero gli over 65: il 21,7% della popolazione contro una media europea del 18,9%.

«L’invecchiamento della popolazione è tipicamente accompagnato da un aumento del carico delle malattie non trasmissibili – spiega il Dottor Stefano Paolucci, Direttore U.O. complessa Riabilitazione Solventi Fondazione S. Lucia – IRCCS di Roma – come quelle cardiovascolari, il diabete, la malattia di Alzheimer e altre patologie neurodegenerative, tumori, malattie polmonari croniche ostruttive e problemi muscoloscheletrici».

Durante il 18° Congresso Nazionale della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica – SIRN, presieduto dal Professor Carlo Cisari Presidente SIRN – si è parlato di ictus, robotica, disabilità: questi i principali filoni seguiti con cinquecento specialisti presenti. La riabilitazione è un lavoro di gruppo che riguarda più professionalità: il medico, il fisioterapista, il terapista occupazionale, lo psicologo, l’infermiere, il bioingegnere. Nella SIRN, infatti, non sono iscritti solo medici, ma tutti gli operatori del team riabilitativo. «Il soggetto invecchia normalmente e perde giornalmente le sue competenze, da un punto di vista cognitivo e fisico –  spiega il Professor Carlo Cisari, Presidente della SIRN – Società Italiana di Riabilitazione Neurologica. È ovvio che noi dobbiamo stimolare, nell’ambito della popolazione normale, una serie di attività per ridurre questo invecchiamento, con esercizi ad hoc che stimolino corpo e mente, promuovendo uno stile di vita atto a vivere in maniera sana, senza eccessi, come fumo, stress, malnutrizione e alcol. Purtroppo si è visto che anche molti pazienti neurologici, invecchiando, perdono più rapidamente le loro abilità motorie, quindi anche quelli in fase cronica devono essere riabilitati costantemente per mantenerle attive. Lasciati a sé, infatti, perdono drasticamente le loro capacità».

È l’ictus la malattia più frequente legata all’invecchiamento ma è in diminuzione rispetto agli anni scorsi; sono anche migliorate le capacità di cura in fase acuta, soprattutto con la trombolisi. A preoccupare, le demenze: queste, nel 2050, supereranno i 130 milioni di casi al mondo.  In Italia ne è affetto un over80enne su 4, per un totale di circa 1 milione e 200mila casi, ma nell’arco di 25 anni i casi diventeranno 2 milioni e mezzo e riguarderanno un over80enne su 2.

«Molto frequenti, tra le patologie legate all’età, anche la sclerosi multipla – aggiunge il Professor Cisari – nonché le lesioni del midollo spinale, l’Alzheimer e il Parkinson: tutte queste malattie sono in aumento, costante e preoccupante. Soprattutto il Parkinson, essendo strettamente legato all’aumentare dell’età. Malattie che non si possono prevenire, ma per cui occorre instaurare precocemente una terapia farmacologica corretta e una terapia riabilitativa intensa e continuativa».

Anche il rapporto con il coma è cambiato con il cambiare della popolazione e della sua età. Meno traumi cranici, ma molti più anziani con emorragia cerebrale. Fino a 10 anni più del 50% dei pazienti che arrivavano nei reparti di riabilitazione intensiva con alterazione della coscienza o in coma protratto erano giovani con trauma cranico, in seguito a incidente stradali – spiega il Dottor Antonio De Tanti, Direttore Clinico Centro Cardinal Ferrari Coordinatore Direzione Scientifica Gruppo Santo Stefano Riabilitazione – Fontanellato (PR) – . I tempi sono cambiati, e come la prevenzione ha ridotto la percentuale di incidenti stradali, è aumentato invece il numero di persone con età avanzata che vanno incontro ad arresto cardiaco e a problematiche vascolari. Oggi più del 50% dei pazienti nei reparti di riabilitazione intensiva sono legati a patologie di ordine vascolare o anossica. Aumenta anche la complessità della presa in carico, in quanto l’età influisce anche sulle complicanze anagrafiche di ordine medico, come la presenza di diabete e ipertensione» conclude.

Articoli correlati
Ictus, Osservatorio: «Servono più unità neurovascolari, grandi differenze tra nord e sud». Presentata call to action in 10 punti
Ogni anno colpite 120mila persone, ma sono solo 190 le Unità presenti invece delle 300 necessarie. Antonio Carolei, Past President Italian Stroke Organisation: «Esiste ancora una problematica di diffusione di quella che è la patologia vascolare cerebrale a livello degli utenti. Occorre colmare i ritardi»
Cronicità, sette pazienti su dieci bocciano presa in carico e accesso alle cure. Aurilio (PreSa): «Offrire servizi mirati oltre a tutele economiche»
In occasione della consegna dei premi PreSa, presentata l’indagine conoscitiva "I Bisogni dei pazienti cronici”: il 60% promuove informazione e tempo dedicato dal professionista ma boccia la programmazione degli esami. Mennini (CEIS-EEHTA): «Ritardo nella presa in carico fa alzare spesa per sistema sanitario e previdenziale»
Malattie rare, il 96,5% dei neonati ha avuto lo screening metabolico: nel 2012 erano il 25%
In Italia vengono ricercate oltre 40 malattie: Regno Unito, Francia e Spagna non arrivano a 10. Tutte le Regioni sono state veloci nell’adeguarsi alla legge 167/2016, manca solo la Calabria
Ricerca, pochi fondi ma tante eccellenze. Leonardi (Carlo Besta): «Qui è difficile ma vale la pena restare»
Insignita del premio 100 eccellenze italiane, la ricercatrice Matilde Leonardi racconta la sua esperienza: «Da più di 30 anni mi occupo di ricerca sulla disabilità in Italia e nel mondo»
Italiani sempre più vecchi. Censis: «Non autosufficienti in crescita: +25% in 10 anni». Aumenta ricorso al privato
Pubblicato il 53esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Su 100 prestazioni rientranti nei LEA che i cittadini hanno provato a prenotare nel pubblico, quasi un terzo è finito nella sanità a pagamento. FNOMCeO: «Ancora troppe disuguaglianze in sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...