Salute 27 Aprile 2020

Fase 2, le regole per le mascherine riutilizzabili e la sanificazione degli ambienti

Triassi (Federico II): «Lasciamo le Ffp2 e Ffp3 agli operatori sanitari»

Immagine articolo

«Di qui al prossimo futuro dovremo abituarci a tenere sempre in viso la mascherina, non è pensabile che si prosegua ad usare le monouso. Si creerebbe un danno ambientale enorme ed inutile». La professoressa Maria Triassi, ordinario di Igiene e direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia della Federico II di Napoli, lancia un allarme in vista delle probabili ordinanze regionali che in tutta Italia si accompagneranno alla fine del lockdown e che imporranno l’uso di mascherine. «Per la vita sociale – dice Triassi – dovremmo scegliere tutti mascherine in TNT o altro tessuto tecnico impermeabile, che siano sterilizzabili e riutilizzabili». Triassi spiega infatti che queste mascherine sono quelle più efficaci per proteggere gli altri, e quindi noi stessi, dalla possibilità di un contagio. «Lasciamo che siano gli operatori della sanità ad adoperare altre mascherine di tipo Ffp2 o Ffp3, dispositivi di protezione individuale che non servono ai cittadini e che anzi se utilizzati impropriamente possono fare più danno che altro».

LEGGI ANCHE: LA FASE 2 COMINCIA LENTA, DAL 4 MAGGIO MASCHERINE NEI LUOGHI PUBBLICI E VISITE AI PARENTI CONCESSE

Gli italiani, a differenza di molti popoli asiatici, hanno poca dimestichezza con l’uso delle mascherine nella vita quotidiana. Per questo, abbiamo chiesto alla professoressa Triassi come si procede all’utilizzo (e al riutilizzo) delle mascherine. «Per quelle in tessuto tecnico dopo ogni utilizzo si procede alla loro sterilizzazione tramite ebollizione per 30 secondi, mentre quelle in cotone poco filtrante possono essere lavate con candeggina ed eventualmente stirate prima di adoperarle di nuovo. Queste mascherine – spiega – non hanno una “data di scadenza” e possono essere usate finché non si consumano. L’Università Federico II di Napoli, a questo proposito, si sta attivando con un progetto interdipartimentale sulla validazione di alcuni tipi di mascherine riutilizzabili».

Un altro nodo dell’imminente fase 2 riguarderà le attività di sanificazione e igienizzazione degli ambienti di lavoro. «Innanzitutto ricordiamo che il virus si deposita sulle superfici, per cui è soprattutto su queste che è necessario intervenire. Le superfici vanno pulite con alcol al 60% o con derivati del cloro, come amuchina e ipocloriti, oppure con candeggina. Sono tutte operazioni abbastanza semplici, che è possibile effettuare in autonomia, non è necessario il ricorso a ditte specializzate, che prevedrebbe lo stesso risultato a fronte, però, di costi esorbitanti. Naturalmente gli ambienti sanitari e quelli ad elevato rischio biologico richiedono un procedimento più approfondito, sempre però effettuabile in autonomia».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 299.506 (1.350 in più rispetto a ieri). 83.428 i […]
Covid-19, l’infettivologo: «Virus non è più debole, non abbassare la guardia»
Con il professor Luigi Toma, iscritto della Cisl Medici Lazio e consulente infettivologo aziendale dell’Ifo di Roma, chiariamo come stiamo convivendo con il Covid-19 oggi e come sarà il domani. Di certo, ciò che non possiamo sapere è quanto durerà questo nuovo stile di vita che abbiamo intrapreso dalla fine di febbraio di quest’anno. Professore, […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Mascherine, il dermatologo: «Uso non corretto causa acne e dermatite seborroica»
I consigli di Antonino Di Pietro, direttore dell'Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano, che avverte: «La pelle è sentinella del virus per gli asintomatici. Attenzione a vescicole, eritemi e lesioni agli arti»
di Federica Bosco
Mascherine ai medici a prezzo calmierato, c’è l’accordo tra FNOMCeO e Arcuri
Concluso l'accordo quadro che permetterà ai medici di avere le mascherine a un prezzo molto vantaggioso. L'operazione conclusa tra il commissario straordinario per l'emergenza e la Federazione nazionale dei medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto