Salute 27 Aprile 2020 11:44

Fase 2, le regole per le mascherine riutilizzabili e la sanificazione degli ambienti

Triassi (Federico II): «Lasciamo le Ffp2 e Ffp3 agli operatori sanitari»

Fase 2, le regole per le mascherine riutilizzabili e la sanificazione degli ambienti

«Di qui al prossimo futuro dovremo abituarci a tenere sempre in viso la mascherina, non è pensabile che si prosegua ad usare le monouso. Si creerebbe un danno ambientale enorme ed inutile». La professoressa Maria Triassi, ordinario di Igiene e direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia della Federico II di Napoli, lancia un allarme in vista delle probabili ordinanze regionali che in tutta Italia si accompagneranno alla fine del lockdown e che imporranno l’uso di mascherine. «Per la vita sociale – dice Triassi – dovremmo scegliere tutti mascherine in TNT o altro tessuto tecnico impermeabile, che siano sterilizzabili e riutilizzabili». Triassi spiega infatti che queste mascherine sono quelle più efficaci per proteggere gli altri, e quindi noi stessi, dalla possibilità di un contagio. «Lasciamo che siano gli operatori della sanità ad adoperare altre mascherine di tipo Ffp2 o Ffp3, dispositivi di protezione individuale che non servono ai cittadini e che anzi se utilizzati impropriamente possono fare più danno che altro».

LEGGI ANCHE: LA FASE 2 COMINCIA LENTA, DAL 4 MAGGIO MASCHERINE NEI LUOGHI PUBBLICI E VISITE AI PARENTI CONCESSE

Gli italiani, a differenza di molti popoli asiatici, hanno poca dimestichezza con l’uso delle mascherine nella vita quotidiana. Per questo, abbiamo chiesto alla professoressa Triassi come si procede all’utilizzo (e al riutilizzo) delle mascherine. «Per quelle in tessuto tecnico dopo ogni utilizzo si procede alla loro sterilizzazione tramite ebollizione per 30 secondi, mentre quelle in cotone poco filtrante possono essere lavate con candeggina ed eventualmente stirate prima di adoperarle di nuovo. Queste mascherine – spiega – non hanno una “data di scadenza” e possono essere usate finché non si consumano. L’Università Federico II di Napoli, a questo proposito, si sta attivando con un progetto interdipartimentale sulla validazione di alcuni tipi di mascherine riutilizzabili».

Un altro nodo dell’imminente fase 2 riguarderà le attività di sanificazione e igienizzazione degli ambienti di lavoro. «Innanzitutto ricordiamo che il virus si deposita sulle superfici, per cui è soprattutto su queste che è necessario intervenire. Le superfici vanno pulite con alcol al 60% o con derivati del cloro, come amuchina e ipocloriti, oppure con candeggina. Sono tutte operazioni abbastanza semplici, che è possibile effettuare in autonomia, non è necessario il ricorso a ditte specializzate, che prevedrebbe lo stesso risultato a fronte, però, di costi esorbitanti. Naturalmente gli ambienti sanitari e quelli ad elevato rischio biologico richiedono un procedimento più approfondito, sempre però effettuabile in autonomia».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino del 12 agosto: Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il […]
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Oltre 46 mld di mascherine usate in Italia. SIMA: «Tsunami per l’ambiente»
Da quando è iniziata la pandemia sono state usate in Italia oltre 46 miliardi di mascherine. Dalla SIMA allarme per inquinamento mari
di Redazione
Arriva la circolare: niente più obbligo di mascherina ai seggi
Si cambia strada con l'ultima circolare sottoscritta da Lamorgese e Speranza, ai seggi mascherina solo fortemente raccomandata
Dal 1 giugno stop al Green Pass per chi arriva in Italia
Dal 1 giugno coloro che vogliono entrare nel nostro paese non avranno l'obbligo di esibire il Green Pass. Scadrà invece a metà giugno l'obbligo di indossare la mascherina negli spettacoli al chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...