Salute 8 Ottobre 2019

Farmacia dei servizi, il governatore lombardo Fontana: «Da noi è già realtà ma va ampliata per affrontare cronicità»

Il Presidente della Regione Lombardia è intervenuto al Congresso FarmacistaPiù insieme al ministro della Salute Speranza: «Noi non chiediamo maggiori risorse, ma di poter spendere i soldi che riceviamo nei comparti che riteniamo più importanti»

di Federica Bosco
Immagine articolo

La farmacia dei servizi che, secondo gli annunci del ministro della Salute Roberto Speranza potrebbe essere approvata a breve, è già una realtà in Lombardia. A rimarcarlo il presidente Attilio Fontana al VI congresso FarmacistaPiù tenutosi lo scorso weekend a Milano. Dinnanzi alla platea di Farmacista Più ha ribadito l’importanza della libera professione e di un nuovo concetto di farmacia sempre più digitale in uno scenario in cui le cronicità aumentano ed è richiesta maggiore assistenza sui territori.

LEGGI ANCHE: IL MINISTRO SPERANZA A FARMACISTA PIU’: «BASTA TAGLI ALLA SANITA’, SUBITO IL PATTO DELLA SALUTE E LA FARMACIA DEI SERVIZI»

«La farmacia dei servizi è una realtà nella nostra Regione – ha sottolineato Fontana – sta dando grandi prestazioni a favore dei nostri cittadini, ma noi la vogliamo ampliare perché con la riforma delle cronicità che stiamo attuando, crediamo che la partecipazione della farmacia sia fondamentale e, per poter continuare questa presa in carico del malato cronico, ci voglia e ci debba essere una grande collaborazione da parte delle farmacie».

Farmacisti che, secondo Fontana devono avere due tratti importanti: la fiducia e la capillarità sul territorio.

«Occorre poi ricordare che la Sanità è pubblica – ha ribadito il Presidente di Regione Lombardia – ma è anche importante, anzi fondamentale, la collaborazione del privato. Credo che con questo ministro si possano portare avanti dei grandi discorsi. Noi non chiediamo maggiori risorse, ma di poter spendere i soldi che riceviamo nei comparti che riteniamo più importanti. In Lombardia abbiamo le risorse, ma abbiamo le necessità di assumere medici. Purtroppo – ha aggiunto guardando negli occhi il Ministro Speranza – la finanziaria oggi lo impedisce e di conseguenza la gente si lamenta per le liste di attesa che si allungano e per la scarsa efficienza. Ecco, – ha concluso – questi sono punti di partenza dai quali noi non vogliamo e non possiamo prescindere, oggi siamo contenti di aver avuto la disponibilità del Ministro, ma ci auguriamo che le parole poi si trasformino in fatti!».

Articoli correlati
Dl Rilancio approvato dal CdM: 3,2 miliardi per sanità, assunzione di 9mila infermieri e 4200 nuove borse di specializzazione
Aumentato del 115% il numero dei posti letto in terapia intensiva e introdotto l’infermiere di famiglia. 190 milioni per incentivi al personale sanitario e 1,5 miliardi per il Fondo per le emergenze nazionali. Le reazioni
Giornata internazionale infermiere, Speranza: «Ruolo sempre più fondamentale per l’assistenza alle persone»
La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Pazienti mai soli se gli infermieri potranno essergli vicini. Il tempo di relazione per noi è tempo di cura»
120 posti letto in 15 giorni: dal sodalizio tra Difesa e Salute nasce l’Hub Covid-Hospital al Celio di Roma
I primi 60 posti pronti entro Pasqua, il Policlinico Militare del Celio sarà punto di riferimento per il Centro Italia. I ministri Guerini e Speranza in sopralluogo: «L'Italia ha risposto»
di Gloria Frezza
Sicurezza personale sanitario, sindacati e Speranza firmano Protocollo: «Dpi e tamponi a chi è esposto»
Istituito un ‘Comitato Nazionale’ cui parteciperanno le organizzazioni sindacali per il continuo monitoraggio delle varie situazioni. Nursing Up: «Assurda assenza dei sindacati degli infermieri»
Coronavirus, l’ordinanza di Speranza: chiusi i parchi, sì all’attività motoria vicino casa
Chiusi bar e ristoranti all'interno delle stazioni ferroviarie e delle aree di servizio. Vietato andare nelle seconde case in prossimità del week-end
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...