Salute 19 Marzo 2019

Farmaci contraffatti, Lusi (NAS): «Lotta dura ma siamo sempre più attrezzati con nuove tecnologie contro traffici illeciti»

Dalla blockchain alla bollinatura, sono tanti gli strumenti messi in campo dalle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno: «Ormai bisogna essere veramente esperti per riuscire a contraffare una confezione. Purtroppo però di casi ce ne sono ancora…»

di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Immagine articolo

I farmaci contraffatti non sono soltanto un grosso danno alla filiera, ma rappresentano un fattore di notevole rischio nei confronti della salute di chi li assume, consapevolmente o meno. Negli anni le tecniche di prevenzione e di contrasto a questo fenomeno (che ha avuto un grande boom con l’avvento di internet) si sono affinate sempre di più grazie anche alle nuove tecnologie. Nel mondo si va dalla bollinatura alla filiera controllata tramite blockchain, la “catena dei blocchi” che rende ogni informazione certa e immodificabile. Ma a che punto è la lotta a questa pratica nel nostro Paese? Lo abbiamo chiesto al Generale Adelmo Lusi, Comandante del NAS, intervenuto di recente agli Stati Generali della Farmacia.

Qui agli stati Generali della farmacia si è messo in evidenza un problema molto sentito, quello della contraffazione dei farmaci e quello dei pericoli derivanti dal traffico dei farmaci online…

«La contraffazione dei farmaci è un’attività illecita molto grave, che mette a rischio direttamente la salute dei cittadini. Devo dire che i farmaci contraffatti vengono realizzati in Paesi al di fuori dell’Italia ma noi siamo quelli che li importano attraverso circuiti illegali, senza timore di correre il rischio di utilizzare farmaci guasti, spesso senza etichetta, che non rispettano la catena del freddo e di cui non si sa la composizione. Purtroppo, c’è ancora qualcuno che crede in queste cose e mette a rischio la propria salute. Noi ci stiamo attrezzando sempre di più per poter contrastare questo traffico e riuscire a garantire la salute dei nostri concittadini. Ma è una lotta molto dura».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN E FARMACIE, COSSOLO (FEDERFARMA): «OTTIMO STRUMENTO CONTRO FARMACI CONRAFFATTI»

Sentivamo poco fa un rappresentante delle farmaceutiche sostenere che la tecnologia sta facendo molto per contrastare questo fenomeno…

«Sì, devo dire che in Italia abbiamo il sistema della bollinatura che ci mette sostanzialmente al riparo dal farmaco contraffatto. Il sistema funziona. Il Poligrafico dello Stato ha adottato un sistema di tracciatura molto puntuale che rende molto difficile la contraffazione. Attualmente bisogna essere veramente esperti per poter contraffare un farmaco o una confezione. Siamo abbastanza protetti ma purtroppo ci è capitato di trovare casi anche in Italia di confezioni non originali»

Articoli correlati
Farmacie, decolla l’e-commerce: nel 2018 aumento del 60%. Valore delle vendite per 154,5 mln
Secondo le previsioni di Iqvia, provider globale di dati e tecnologie innovative in ambito farmaceutico, il mercato italiano crescerà a tripla cifra arrivando nel 2020 a 315 milioni di euro. Il comparto che registra più vendite è quello dei prodotti da banco di automedicazione e degli integratori
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
OMS, al via l’assemblea a Ginevra. L’Italia chiede più trasparenza sul prezzo dei farmaci
L'Assemblea mondiale della Salute costituisce un forum unico e privilegiato di confronto, a livello internazionale, sui principali temi relativi alla salute globale
Uomini e donne rispondono in modo diverso ai farmaci. Un esempio? La cardioaspirina
Solo negli ultimi anni la ricerca clinica e biomedica ha cominciato ad approntare cure mirate alle specificità dei due sessi e ad includere le donne nelle sperimentazioni cliniche. La professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna: «La medicina di genere supera l’approccio androcentrico che ha caratterizzato la ricerca fino alla fine degli anni ‘90»
“Ho assunto farmaci per potenziare il cervello. Ecco la mia inchiesta…”. Primo libro sul miglioramento cognitivo
“Cervello senza limiti” è la prima inchiesta italiana sul fenomeno controverso, ma sempre più diffuso, del brain enhancement. L’autrice, Johann Rossi Mason: «Ti permettono di lavorare per ore senza sentire la fatica ma non sono una scorciatoia». E lancia il sondaggio per indagare il fenomeno nel nostro paese
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...