Salute 14 Settembre 2020 14:53

Eutanasia, Associazione Luca Coscioni: «Proposta di legge ferma da 7 anni. Favorevole il 75% degli italiani»

I membri dell’associazione chiedono che venga messo all’ordine del giorno della Camera una proposta di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia

«Sono passati 7 anni da quando abbiamo depositato la proposta di legge popolare per l’eutanasia legale. Da allora Marco Cappato e Mina Welby hanno aiutato oltre 1000 persone che chiedevano aiuto medico alla morte volontaria in Svizzera. Si sono autodenunciati, sono stati processati e assolti. Con la Corte costituzionale aspettiamo ancora che il Parlamento si assuma la responsabilità di affrontare un dibattito su norme che contengano diritti e tutele per chi vuole interrompere le proprie sofferenze». Questi i motivi per cui l’Associazione Luca Coscioni è scesa questa mattina nelle principali piazze italiane.

«La nostra associazione – spiega Marco Perduca – chiede che venga finalmente iscritto all’ordine del giorno della Camera, dove giace da sette anni, il dibattito su una proposta di legge di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia. Non pretendiamo che la nostra proposta diventi legge dello Stato così com’è: vogliamo per lo meno che si inizi a discutere di cosa occorre agli italiani per poter finalmente, una volta deciso come finire la propria esistenza, avere la possibilità di poterlo fare a casa propria, nel proprio letto, e non essere costretti ad andare all’estero».

Secondo i dati forniti dall’Associazione Luca Coscioni, circa il 75% degli italiani sarebbe favorevole ad una legge che regolamenti l’eutanasia. Ma se è così, perché la politica continua a non voler trattare l’argomento? «Le giustificazioni che vengono dal palazzo – spiega ancora Perduca – girano intorno al fatto che c’è sempre un’altra emergenza più grave a cui dare le dovute attenzioni. Ora, è vero che negli ultimi sei mesi tutto il mondo ha avuto a che fare con un’emergenza sanitaria enorme, ma ciò non toglie che sono anni che si va avanti con questa storia. Il problema è che manca qualcuno che si assuma la responsabilità, sia a livello parlamentare che più semplicemente a livello di partito politico, di dire: “Abbiamo finalmente deciso che in Italia non si deve più soffrire nel momento della fine della vita”. Questo qualcuno – continua Perduca – non è ancora arrivato, malgrado nei programmi che i partiti presentano alle elezioni qualche riferimento a questo argomento ci sia. Oggi sembra che il problema principale sia diminuire il numero dei parlamentari. Noi vogliamo – conclude Perduca ai nostri microfoni – che si aggiunga un diritto che in parte è già stato conquistato grazie alle disubbidienze di Mina Welby e Marco Cappato».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»
La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»
Fine vita: via libera alla Camera. Ora serve il sì del Senato
Il disegno di legge sul fine vita è stato approvato alla Camera. Ora spetterà al Senato esprimersi
Super Green Pass, manovra e fine vita nella settimana parlamentare
Entra nel vivo l’esame della Legge di Bilancio 2022: si punta a chiudere al Senato entro Natale. In commissione Affari sociali esame del decreto legislativo sull’assegno unico, mentre in commissione Sanità continuano le audizioni sulla riforma della medicina territoriale. Il premier Draghi atteso per le comunicazioni in vista del consiglio europeo
di Francesco Torre
Suicidio assistito, Mario è il primo malato che ha ottenuto il via libera in Italia
Restano da individuare tipologia e posologia del farmaco eutanasico. Gallo (Coscioni): «Forniremo, in collaborazione con un esperto, il dettaglio delle modalità di autosomministrazione del farmaco che, in base alle condizioni di Mario, risulterà più idoneo»
di Isabella Faggiano
Eutanasia, Bologna (Coraggio Italia): «Armonizzare testo con legge sulle cure palliative»
Il medico e deputato di Coraggio Italia Fabiola Bologna non nasconde le sue perplessità sulla legge in discussione alla Camera: «Come medico ho seguito tanti pazienti con patologie gravi e gravissime che mi hanno chiesto di vivere anche con la loro malattia in modo dignitoso»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi