Salute 14 Settembre 2020 14:53

Eutanasia, Associazione Luca Coscioni: «Proposta di legge ferma da 7 anni. Favorevole il 75% degli italiani»

I membri dell’associazione chiedono che venga messo all’ordine del giorno della Camera una proposta di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia

«Sono passati 7 anni da quando abbiamo depositato la proposta di legge popolare per l’eutanasia legale. Da allora Marco Cappato e Mina Welby hanno aiutato oltre 1000 persone che chiedevano aiuto medico alla morte volontaria in Svizzera. Si sono autodenunciati, sono stati processati e assolti. Con la Corte costituzionale aspettiamo ancora che il Parlamento si assuma la responsabilità di affrontare un dibattito su norme che contengano diritti e tutele per chi vuole interrompere le proprie sofferenze». Questi i motivi per cui l’Associazione Luca Coscioni è scesa questa mattina nelle principali piazze italiane.

«La nostra associazione – spiega Marco Perduca – chiede che venga finalmente iscritto all’ordine del giorno della Camera, dove giace da sette anni, il dibattito su una proposta di legge di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia. Non pretendiamo che la nostra proposta diventi legge dello Stato così com’è: vogliamo per lo meno che si inizi a discutere di cosa occorre agli italiani per poter finalmente, una volta deciso come finire la propria esistenza, avere la possibilità di poterlo fare a casa propria, nel proprio letto, e non essere costretti ad andare all’estero».

Secondo i dati forniti dall’Associazione Luca Coscioni, circa il 75% degli italiani sarebbe favorevole ad una legge che regolamenti l’eutanasia. Ma se è così, perché la politica continua a non voler trattare l’argomento? «Le giustificazioni che vengono dal palazzo – spiega ancora Perduca – girano intorno al fatto che c’è sempre un’altra emergenza più grave a cui dare le dovute attenzioni. Ora, è vero che negli ultimi sei mesi tutto il mondo ha avuto a che fare con un’emergenza sanitaria enorme, ma ciò non toglie che sono anni che si va avanti con questa storia. Il problema è che manca qualcuno che si assuma la responsabilità, sia a livello parlamentare che più semplicemente a livello di partito politico, di dire: “Abbiamo finalmente deciso che in Italia non si deve più soffrire nel momento della fine della vita”. Questo qualcuno – continua Perduca – non è ancora arrivato, malgrado nei programmi che i partiti presentano alle elezioni qualche riferimento a questo argomento ci sia. Oggi sembra che il problema principale sia diminuire il numero dei parlamentari. Noi vogliamo – conclude Perduca ai nostri microfoni – che si aggiunga un diritto che in parte è già stato conquistato grazie alle disubbidienze di Mina Welby e Marco Cappato».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Suicidio assistito, Mario è il primo malato che ha ottenuto il via libera in Italia
Restano da individuare tipologia e posologia del farmaco eutanasico. Gallo (Coscioni): «Forniremo, in collaborazione con un esperto, il dettaglio delle modalità di autosomministrazione del farmaco che, in base alle condizioni di Mario, risulterà più idoneo»
di Isabella Faggiano
Eutanasia, Bologna (Coraggio Italia): «Armonizzare testo con legge sulle cure palliative»
Il medico e deputato di Coraggio Italia Fabiola Bologna non nasconde le sue perplessità sulla legge in discussione alla Camera: «Come medico ho seguito tanti pazienti con patologie gravi e gravissime che mi hanno chiesto di vivere anche con la loro malattia in modo dignitoso»
di Francesco Torre
Eutanasia, Rostan (Misto): «Testo unificato mette al primo posto dignità della persona, ora non snaturarlo»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali sottolinea: «È davvero la volta buona per avere una legge che gli italiani aspettano da anni». Poi sottolinea: «Bisogna garantire a tutti i cittadini la possibilità di portare avanti questa scelta senza incontrare ostacoli burocratici di sorta»
di Francesco Torre
Minori stranieri non accompagnati tra vulnerabilità e resilienza. CISMAI presenta percorsi di accoglienza, presa in carico, tutela e cura
Il volume, ultima pubblicazione di una collana FrancoAngeli interamente curata da CISMAI, offre una panoramica sul tema dei minori stranieri che affrontano un viaggio pieno di aspettative e speranze, abbracciando la complessità del fenomeno dal punto di vista psicologico, normativo, socio-educativo e specialistico
Eutanasia, il 25 ottobre il testo unificato sbarca alla Camera. Battaglia sugli emendamenti: 400 in tutto
Allargare o restringere le maglie per accedere al suicidio medicalmente assistito: si gioca su questo la partita della legge sul fine vita. Il centrodestra punta ad introdurre l’obiezione di coscienza per medici e sanitari. Intanto vola la raccolta firme per il referendum: oltre un milione quelle raccolte
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi