Salute 14 Settembre 2020 14:53

Eutanasia, Associazione Luca Coscioni: «Proposta di legge ferma da 7 anni. Favorevole il 75% degli italiani»

I membri dell’associazione chiedono che venga messo all’ordine del giorno della Camera una proposta di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia

«Sono passati 7 anni da quando abbiamo depositato la proposta di legge popolare per l’eutanasia legale. Da allora Marco Cappato e Mina Welby hanno aiutato oltre 1000 persone che chiedevano aiuto medico alla morte volontaria in Svizzera. Si sono autodenunciati, sono stati processati e assolti. Con la Corte costituzionale aspettiamo ancora che il Parlamento si assuma la responsabilità di affrontare un dibattito su norme che contengano diritti e tutele per chi vuole interrompere le proprie sofferenze». Questi i motivi per cui l’Associazione Luca Coscioni è scesa questa mattina nelle principali piazze italiane.

«La nostra associazione – spiega Marco Perduca – chiede che venga finalmente iscritto all’ordine del giorno della Camera, dove giace da sette anni, il dibattito su una proposta di legge di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia. Non pretendiamo che la nostra proposta diventi legge dello Stato così com’è: vogliamo per lo meno che si inizi a discutere di cosa occorre agli italiani per poter finalmente, una volta deciso come finire la propria esistenza, avere la possibilità di poterlo fare a casa propria, nel proprio letto, e non essere costretti ad andare all’estero».

Secondo i dati forniti dall’Associazione Luca Coscioni, circa il 75% degli italiani sarebbe favorevole ad una legge che regolamenti l’eutanasia. Ma se è così, perché la politica continua a non voler trattare l’argomento? «Le giustificazioni che vengono dal palazzo – spiega ancora Perduca – girano intorno al fatto che c’è sempre un’altra emergenza più grave a cui dare le dovute attenzioni. Ora, è vero che negli ultimi sei mesi tutto il mondo ha avuto a che fare con un’emergenza sanitaria enorme, ma ciò non toglie che sono anni che si va avanti con questa storia. Il problema è che manca qualcuno che si assuma la responsabilità, sia a livello parlamentare che più semplicemente a livello di partito politico, di dire: “Abbiamo finalmente deciso che in Italia non si deve più soffrire nel momento della fine della vita”. Questo qualcuno – continua Perduca – non è ancora arrivato, malgrado nei programmi che i partiti presentano alle elezioni qualche riferimento a questo argomento ci sia. Oggi sembra che il problema principale sia diminuire il numero dei parlamentari. Noi vogliamo – conclude Perduca ai nostri microfoni – che si aggiunga un diritto che in parte è già stato conquistato grazie alle disubbidienze di Mina Welby e Marco Cappato».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’appello di Conte alla Camera: «Momento delicato, servono costruttori». Sulla pandemia: «Rivendico scelta di tutelare salute»
Il Presidente del Consiglio è intervenuto a Montecitorio. Un passaggio è stato dedicato alle risorse destinate alla sanità: «21 miliardi per potenziare l'assistenza ospedaliera e territoriale, valorizzare e assumere il personale e investire nella formazione»
Covid-19, Speranza alla Camera: «Situazione peggiorata, stato di emergenza fino al 30 aprile. Arancioni Regioni ad alto rischio»
Il titolare della Salute, alla Camera, ha rivolto un appello all’unità: «Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani». Sarà introdotto il divieto di asporto dai bar dopo le 18 e il divieto di spostamento tra regioni. Sui vaccini: «Con 800mila dosi somministrate siamo i primi in Europa»
Dalle comunicazioni di Speranza alle audizioni sulla Medicina territoriale, la settimana in Parlamento (con lo spettro della crisi)
I lavori parlamentari proseguono regolarmente anche se all’orizzonte sembra avvicinarsi la crisi dell’esecutivo. Al Senato si torna a parlare di infermiere di famiglia. In audizione il Segretario SUMAI Antonio Magi e la virologa Antonella Viola. In Commissione Affari Sociali spazio alla conversione del Decreto sulle ultime misure per fronteggiare l’epidemia Covid
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Dl Rilancio, la carica degli 8mila emendamenti. Dagli incentivi ai sanitari all’aumento delle borse di specializzazione, tutte le proposte per la sanità
Molte proposte emendative si concentrano sul potenziamento della rete di assistenza territoriale, sull’assistenza domiciliare e sulla telemedicina. Forza Italia torna sullo scudo penale, mentre l’ex ministro Giulia Grillo chiede di estendere la legge Sirchia sul fumo alle sigarette elettroniche. Siani (Pd) chiede che le USCA si avvalgano di psicologi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»