Salute 20 Novembre 2020 13:10

Esperti Oms: «Non ci sono prove che remdesivir funzioni con i pazienti ricoverati»

Secondo il Guideline Development Group dell’Oms non ci sono certezze che il Remdesivir funzioni, ma invitano a non interrompere gli studi. L’AIFA rivaluterà il suo utilizzo nella terapia

Esperti Oms: «Non ci sono prove che remdesivir funzioni con i pazienti ricoverati»

Il farmaco antivirale remdesivir non è consigliato per i pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19, indipendentemente da quanto gravemente siano malati, perché attualmente non ci sono prove che migliori la sopravvivenza o la necessità di ventilazione. Lo sostiene un gruppo di esperti internazionali del Guideline Development Group dell’Organizzazione mondiale della Sanità, nel British Medical Journal.

La raccomandazione fa parte di una guida “vivente”, sviluppata da Oms con il supporto metodologico della MAGIC Evidence Ecosystem Foundation, per fornire una serie affidabile di regole sulla gestione di Covid-19 e aiutare i medici a prendere decisioni migliori con i loro pazienti. Con “vivente” si intende un’area di ricerca che è in rapido cambiamento e su cui i ricercatori aggiornano costantemente i parametri, dopo verifiche e revisioni disponibili con nuove informazioni.

Remdesivir ha attraversato un percorso molto travagliato come potenziale trattamento per Covid-19, sempre più utilizzato per in pazienti in ospedale, sebbene i dati sull’efficacia rimangano incerti. Nell’ultima analisi del Bmj sono inclusi quattro studi randomizzati internazionali, che hanno coinvolto settemila pazienti ospedalizzati con Covid-19. Gli esperti dell’Oms hanno concluso che remdesivir «non ha alcun effetto significativo sulla mortalità o su altri esiti importanti per i pazienti come necessità di ventilazione meccanica o tempo per miglioramento clinico».

Il parere del gruppo non dice che remdesivir non porta alcun vantaggio, sostiene tuttavia che non ci sono prove sul fatto che migliorino effettivamente l’esito delle cure per i pazienti. Vista la possibilità rimanente di danni importanti e i costi relativamente alti nella gestione del farmaco, hanno ritenuto che questa fosse una valutazione più che appropriata. Gli esperti hanno comunque invitato a non interrompere gli studi sul remdesivir, proprio per ottenere una maggiore certezza di prove su gruppi anche più specifici.

CTS AIFA RIVALUTERA’ IL REMDESIVIR NELLA TERAPIA ANTI COVID-19

L’Agenzia Italiana del Farmaco prende atto con estremo interesse della linea guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità appena pubblicata sull’autorevole rivista indipendente “The British Medical Journal”, che formula espressamente una raccomandazione negativa sul remdesivir: «L’antivirale remdesivir non è consigliato per pazienti ospedalizzati per Covid-19, a prescindere dalla gravità della malattia, perché al momento non ci sono prove che migliori la sopravvivenza o la necessità di supporto di ossigeno». La Commissione Tecnico Scientifica, riunita in seduta permanente, sta rivalutando il ruolo del remdesivir nella terapia contro Covid-19 e formulerà nuove raccomandazioni e/o disposizioni la prossima settimana per possibili restrizioni d’uso.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Situazione in miglioramento». Da lunedì solo Valle d’Aosta in zona arancione
«La mappa dell'Ue si sta schiarendo, si vedono spot gialli anche in Europa, compresa l'Italia. Segnale positivo che viene confermato anche dalle curve in tutti i Paesi dove sono stabili o in decrescita»
«Il burnout tra gli anestesisti rianimatori»
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione, già primario dei servizi di Anestesia e Rianimazione Ospedali di Lugo e Faenza
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione
Scudo penale nel Dl Covid: «Professionisti sanitari punibili solo per colpa grave in emergenza»
Al Senato passa emendamento chiesto da tutto il mondo della sanità. Ora il giudice dovrà tenere conto “della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali”. Le reazioni
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...