Salute 7 Luglio 2020 07:00

Esce “Positivi”, il libro per ritrovarsi dopo i disagi della pandemia

Dalle penne di Maria Emilia Bonaccorso e Massimo Crozza, “Positivi” parla a tutti noi per aiutarci a superare il trauma di Covid-19

Esce “Positivi”, il libro per ritrovarsi dopo i disagi della pandemia

Provare a ribaltare l’esperienza drammatica della pandemia dando importanza alle parole. A partire da una delle più pronunciate negli ultimi tempi: “positivi”. Prima di Covid-19 era un termine che richiamava entusiasmo e ottimismo e deve tornare ad esserlo. Questo sembrano dirci gli autori di “Positivi“, edito dalla casa editrice scientifica Publiedit da oggi in tutte le librerie e i bookstore online. Loro sono Maria Emilia Bonaccorso, giornalista dell’Ansa specializzata in temi di salute, e Massimo Cozza, psichiatra e direttore del dipartimento di Salute mentale dell’Asl Roma 2.

Insieme hanno voluto creare un titolo che aiutasse a ritrovarsi – con sé stessi e con gli altri – e tornare a un benessere psicologico. Grazie all’esperienza degli autori, in “Positivi” c’è un approccio scientifico ai disagi della pandemia. Ricco anche di suggerimenti per riconoscere i segnali di allarme psicologico e affrontarli.

Un vero e proprio percorso che analizza l’esperienza tragica che abbiamo globalmente vissuto, attraverso il dolore e le paure dei momenti peggiori, senza rimuoverli ma affrontandoli. Dalle morti “senza volto” di anziani che non hanno avuto vicino i loro cari, attraverso i disagi mentali dovuti ai pregiudizi e le trappole delle fake news, fino all’evoluzione nei modelli di vita, sia privata che lavorativa. Senza tralasciare il ruolo poco riconosciuto delle donne durante l’emergenza.

Nel lavoro di Cozza e Bonaccorso resta al centro il forte rapporto che esiste tra economia e salute, in tutti gli aspetti etici e non. «Se un virus ha cambiato il mondo – scrivono – ora noi possiamo forse cambiare qualcosa nelle nostre vite, con una maggiore fiducia in noi stessi e negli altri, con un po’ di consapevolezza in più su quanta forza si nasconda dietro ad una maschera (e anche una mascherina) di apparente fragilità».

Ad arricchire “Positivi” anche i contributi di Massimo Biondi, professore ordinario di Psichiatria all’Università Sapienza di Roma e responsabile dell’unità operativa di Psichiatria e Psicofarmacologia Umberto I, e Maria Rita Parsi, Parsi psicoterapeuta e saggista. La prefazione è curata da Piero Chiambretti, colpito duramente da Covid-19, che ha portato via sua madre. I diritti degli autori saranno interamente devoluti per la ricerca sul coronavirus dell’Istituto per Malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Convivere con un positivo restando negativi. Ecco come
I consigli di Ignazio Grattagliano, coordinatore della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) Puglia: «Se si convive in un monolocale indossare la mascherina anche di notte. Evitare l’aerosol: può veicolare la diffusione del virus»
Gimbe: «Ospedali svuotati, da inizio aprile -90%. Rallenta la campagna vaccinale»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe conferma, nella settimana 16-22 giugno, la riduzione di nuovi casi (-36,5%) e decessi (-46,2%) e, grazie alla vaccinazione di anziani e fragili, un sostanziale svuotamento degli ospedali
Report Gimbe: «Positivi in calo, scendono anche i ricoveri. Ma allentare a Natale sarebbe un errore»
I nuovi casi scendono e c'è una leggera flessione anche nei ricoveri in ospedale, ma le soglie di occupazione sono sopra i limiti in 15 Regioni. Cartabellotta: «Servono scelte coraggiose anche se impopolari, perché i dati e l’allarme dell’Ecdc non lasciano adito a dubbi sui rischi del Natale»
Viaggio alla scoperta dell’hotel Michelangelo di Milano: quarantena a quattro stelle per guarire dal Covid
Comune, ATS, Prefettura e Cooperativa Proges le anime di un percorso ad ostacoli per un centinaio di pazienti, guariti ma ancora positivi, verso il doppio tampone negativo. Regalia (Proges): «Teniamo le chiavi delle camere, restrizione necessaria per tutela di ospiti e operatori»
di Federica Bosco
Umberto I, positivo infermiere. Ha avuto contatti con collega del San Raffaele Pisana
«Un infermiere del Policlinico Umberto I, operante presso il reparto di Malattie Tropicali, dopo aver informato il Medico Competente di aver accusato sintomi febbrili è stato invitato a restare a casa e ad effettuare il tampone naso-faringeo, che ha dato esito positivo». Così l’ospedale romano in un comunicato. LEGGI ANCHE: ‘COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA’, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre