Salute 20 Aprile 2020 09:00

“Eroi davvero”, l’inno del musicista Fabio Gangi per ringraziare i volontari della Croce Rossa

«Un brano a cui hanno preso parte diversi artisti per celebrare il lavoro quotidiano dei volontari della Croce Rossa che offrono sostegno psicologico, consegna della spesa e soccorso ai malati»

di Federica Bosco

Vigevano, 60mila abitanti e oltre 350 contagi, è stato tra i centri più colpiti del pavese dal Coronavirus. E mentre il numero delle vittime ogni giorno cresceva, la città piegata, ma non sconfitta, si è stretta intorno alla Croce Rossa che ha messo in campo una squadra di volontari a cui Fabio Gangi, musicista e cantante vigevanese, storico collaboratore di Ron, ha dedicato un brano: “Eroi davvero”.

«L’idea è nata spontaneamente guardando ed ascoltando ciò che succedeva in giro tra social, televisione, giornali e amici che, essendo di Vigevano, hanno partecipato da subito a questa gara di solidarietà – spiega Fabio raggiunto via Skype –. Nel momento in cui è scoppiata la pandemia, la città si è stretta intorno agli operatori sanitari, ai medici e ai volontari. Con la Croce Rossa ho sempre avuto un ottimo rapporto e più che mai quando si è mossa per potenziare il soccorso ai più fragili con l’attivazione di decine di volontari temporanei».

LEGGI ANCHE: CREMONA, IL VIDEO DELLA VIOLINISTA CHE SUONA “THE MISSION” SUL TETTO DELL’OSPEDALE

Sono state oltre 160 le adesioni in pochi giorni, uomini, donne e ragazzi che si sono messi a disposizione con varie mansioni, dal sostegno psicologico con uno sportello telefonico alla consegna della spesa, fino al soccorso ai malati, ognuno con le proprie peculiarità. E loro, i musicisti, hanno fatto di più: hanno messo in musica le emozioni, le paure e la solidarietà di tanti volti che, nascosti dietro una mascherina, ogni giorno vanno in soccorso di chi ha bisogno. «L’unico modo che avevamo noi che facciamo musica era scrivere per dare il nostro sostegno – prosegue Fabio – a questi eroi, che si sono allontanati dai propri cari per andare ad aiutare persone che non conoscono. Semplicemente il fatto che queste persone si mettono a disposizione ogni giorno e ogni ora, notte e giorno, rischiando la propria salute, è motivo di grande orgoglio per loro, di emozione e di profonda gratitudine da parte mia, perché non sono soli e per me sono degli eroi».

«Abbiamo capito di avere una grande responsabilità – recita Stefano Chiodaroli, voce narrante del brano -. Che fare? C’è Croce Rossa che da 150 anni è una instancabile macchina di umanità e solidarietà. Ci sono tantissime persone ovunque: operatori sanitari, volontari  professionisti, uniti in questo istante di gentilezza tatuato nel cuore. Insieme vogliamo soccorrere, insieme per essere un faro che porti speranza nel domani per tornare ad abbracciarci, eroi davvero. Tutti».

«Volevo ringraziare con il cuore tutti coloro che mi hanno aiutato a scrivere questo brano – conclude Gangi –: la mia compagna Laura Sini con cui ho scritto e arrangiato il brano e che suona la chitarra e fa i cori, Carlo Bonnici che mi ha dato la possibilità di interfacciarmi con la Croce Rossa, Luca Vittori che è un fonico di fama internazionale e che ha mixato i vari suoni, e infine un grande amico, Gigi Blasi di Vigevano con il quale mi sono confrontato per scrivere il testo. Lui ha tradotto quello che io volevo cantare con delle parole meravigliose. Scaricate il brano dalla pagina della Croce Rossa di Vigevano, ascoltatela, e state vicino a questi eroi, perché loro sono vicino a noi».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
«Io, paziente Covid affetto da obesità, avrei rischiato la vita senza gli anticorpi monoclonali»
La storia di Fulvio D.A., soggetto ad altissimo rischio rimasto paucisintomatico: «Quell’ora di trattamento ha cambiato il mio destino»
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 aprile: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...